Gli scarti, le foglie e altre parti che contengono ghiandole resinose sono solitamente buttati via quando si usa un metodo di raccolta tradizionale. Queste parti però arrivano ad avere il 10% del totale di THC della pianta. Ma per fortuna l’hashish, che può essere prodotto in diversi modi, utilizza queste parti e le concentra in un unico mattoncino con un alto concentrato di THC

rendendo hash con laminazione a manoROTOLARE CON LE MANI

Questo metodo è considerato essere il più facile, quello meno costoso e che produce l’hashish di migliore qualità. Sfortunatamente è anche quello più impegnativo da un punto di vista del tempo. Innanzitutto far seccare la pianta poi con le mani pulite prendere gli scarti della pianta e iniziare a rotolarli tra i due palmi.

Durante la fase di sfregamento sulle mani si formerà una patina nera e continuando a sfregare si creeranno delle piccole palline di resina. Questo materiale può essere pressato e si può far prendere la forma che si vuole. 

SETACCIAMENTO

Il setacciamento ci impiega meno tempo rispetto al metodo descritto in precedenza e resta comunque abbastanza economico, ma produce un hashish che a volte contiene materia vegetale e richiede l’acquisto di un buon setaccio a maglia. Un altro strumento essenziale è un pezzo di vetro o specchio per catturare i tricomi che passano attraverso il setaccio, una carta di credito per spingere le parti della pianta e la pianta stessa.

Per fare hashish usando questo metodo posizionare il setaccio sopra il vetro e spingere le parti della pianta sul setaccio usando la carta. Questo farà si che si venga a creare una polvere di concentrato di hashish. Il primo livello sarà il più potente. Con questo metodo è virtualmente impossibile creare un hashish puro, ma è tra i metodi più semplici ed economici. 

METODO DEL FRULLATORE

hashishUn altro metodo semplice che usano i coltivatori amatoriali è quello del frullatore. Per questo sistema si utilizza il semplice fatto che le parti della pianta sono più leggere dell’acqua, mentre le ghiandole resinose no. In questo caso avremo bisogno di un frullatore, cubetti di ghiaccio e acqua oltre a un setaccio da seta, un filtro di caffè e una brocca di vetro.

Per la creazione dell’hashish posizionare le parti della pianta nel frullatore insieme al ghiaccio e all’acqua fredda. Iniziare a frullare per un minuto fino a quando il composto non sia verde e schiumoso. Eliminare il liquido usando il setaccio e la brocca, lasciando che tutta l’acqua defluisca in 20-30 minuti.

Una volta che la resina è caduta in fondo alla brocca svuotare 2/3 del’acqua. Aggiungere altra acqua ghiacciata e lasciare che la resina si unisca. Scaricare più acqua possibile, ma senza perdere i tricomi, iniziare allora a scolare il liquido con il filtro da caffè e strizzare con cura per asciugare.

La massa che si è creata fredda e leggermente umida sarà una palla facile da manipolare e un hashish potente. Questo prodotto può essere pressato in uno stampo o diviso in piccolo porzioni. Le parti avanzate della pianta possono essere lavata e usate una seconda volta per rimuovere quello che avanza della resina.

Ci sono altri metodi per produrre hashsish, alcuni sono facile da eseguire anche per produttori amatoriali, ma altri richiedono un equipaggiamento specifico. Senza considerare il metodo scelto assicurati di minimizzare gli scarti e fare in modo di trarre più vantaggi possibili dalla tua pianta di cannabis.