COME RIUTILIZZARE I RAMI DI SCARTO DELLE PIANTE DI MARIJUANA

Se anche voi coltivate Cannabis per ottenere cime da fumare, allora saprete quanti rami possono avanzare dopo il raccolto. Le ramificazioni non producono resina, ma sulla superficie delle zone più vicine alle cime possono essere presenti alcuni tricomi depositati durante lo sviluppo dei fiori. Come tutte le parti vegetali della Cannabis, anche i rami e gli steli dovrebbero essere conservati per essere riutilizzati in un secondo momento.

Un coltivatore domestico può mettere da parte i gambi e le ramificazioni delle piante di Cannabis come fibra o materiale da usare per realizzare piccole opere d'arte o pratici strumenti. Con il florido settore della Cannabis terapeutica e ricreativa in rapido sviluppo in tutto il mondo, gli scarti delle colture potrebbero presto generare una nuova industria basata sulla fibra di questa pianta.

DECARBOSSILAZIONE PER AUMENTARE LA POTENZA

Per sfruttare fino all'ultimo tricoma trattenuto dai vostri rami, dovrete decarbossilare tutto il materiale di scarto in vostro possesso. La decarbossilazione consente di trasformare la forma inattiva THCA in THC attivo, da riutilizzare per produrre tinture, estratti, hashish e alimenti a base di marijuana. Per decarbossilare i gambi ed i rami delle vostre piante, riponete tutto il materiale su una teglia ed infornate a 110°C, per circa 60 minuti, o a 100°C per 60 minuti in forno ventilato. Trascorso questo tempo, i vostri scarti saranno stati decarbossilati e pronti per essere usati.

FUMARE

La soluzione più semplice, ma anche quella meno consigliata, è macinare tutte le ramificazioni e fumarle. Tuttavia, si tratta di un materiale vegetale lignificato molto duro, contenente diversi composti ed impurità, dalla cellulosa alla lignina, poco gradevoli da fumare. Inoltre, la cellulosa tende a bruciare raggiungendo temperature molto elevate che possono facilmente irritare gola e polmoni. Sconsigliamo questo tipo di uso. Nonostante ciò, un numero estremamente ridotto di persone fumano, per ragioni poco comprensibili, i rami macinati. Per questo motivo ci tenevamo a riportare anche questa alternativa per riciclare gli scarti del raccolto.

FARE CHARAS

Provate a passare accuratamente le dita lungo tutti i rami e i gambi delle piante di Cannabis, seguendo tutte le curve e gli avvallamenti. Ora, strofinate tra di loro le dita fino a formare piccoli salamini scuri. Questi residui sono la famosa charas. Se i rami delle vostre piante dovessero essere ricoperti di uno spesso strato di resina, aiutatevi con un paio di forbici dopo aver passato le dita e raschiate via i residui appiccicosi. In alternativa potete usare la classica tecnica dello sfregamento delle dita, fino ad ottenere piccole palline di hashish. Normalmente, queste manovre si fanno quando si sono finite le scorte di marijuana.

Hashish Charas Rub dita

TÈ & CHAI

Per realizzare qualsiasi tipo di infusione, avrete bisogno di una manciata di rami e gambi con qualche residuo di resina. Versate circa 450ml di acqua o latte in un pentolino. Tagliate i rami ed aggiungeteli nel pentolino. Scaldate a fuoco basso, senza raggiungere il punto di ebollizione, mescolando continuamente. Lasciate cuocere per sette o otto minuti, in modo da consumare leggermente la parte liquida. Rimuovete i rami e mantenete il pentolino a fuoco basso.

I tè con rami di Cannabis potrebbero risultare leggermente aspri, per cui consigliamo l'aggiunta di altri tè, erbe o edulcoranti per migliorare i sapori della bevanda. Altre bustine di tè, menta, limone, zucchero e miele possono mascherare perfettamente i sapori meno gradevoli dei rami. Per un buon chai potete aggiungere cardamomo, pepe e miele, per apportare quel leggero aroma speziato con cui accompagnare gli effetti leggermente psicoattivi della bevanda.

LIQUORI DI MARIJUANA

Whisky, vodka, tequila o qualsiasi altro super alcolico con gradazione superiore al 40% possono estrarre efficacemente la resina della Cannabis. Versate il vostro alcool in un grande barattolo con una buona apertura ed aggiungete i rami delle piante. Lasciate macerare per qualche mese e i residui dei vostri scarti dovrebbero entrare in soluzione con l'alcool. Mettete sempre da parte i rami dei vostri raccolti ed immergeteli in un super alcolico. Avrete degli squisiti liquori aromatizzati alla marijuana con un tocco psicoattivo.

BURRO ED ALTRI ALIMENTI CON THC

Mettendo qualche manciata di rami in una grande pentola ed aggiungendo burro o olio, potrete ottenere un pratico ingrediente al THC da aggiungere ai vostri piatti. Un burro di Cannabis (anche conosciuto come Cannabutter) realizzato con rami sarà molto più leggero rispetto ad un burro fatto con cime. Se la ricetta con infiorescenze consiglia "28g di cime", quella con rami richiede "l'aggiunta di una buona quantità di rami sminuzzati finemente". Aggiungendo burro o olio di Cannabis nelle vostre ricette apporterete un piacevole tocco psicoattivo ai vostri piatti.

FARE KIEF CON I RAMI

Man mano che raccogliete i rami, metteteli in un sacchetto resistente e conservateli in freezer. Ogni volta che aggiungete qualche gambo o ramo nel sacchetto, agitate energicamente in modo da separare i cristalli di resina congelati, che ricadranno facilmente sulla superficie interna del sacchetto. Dopo ripetute scosse ed un buon quantitativo di rami, vedrete sul fondo del sacchetto un sottile strato di kief, pronto per essere raccolto ed usato.

Corda in fibra di canapa

FARE BUBBLE HASH CON I RAMI

Esattamente come per il kief, le ghiandole di resina si separano dalle parti vegetali con maggiore facilità quando sono congelate. Una volta raccolta una buona quantità di rami, potete tagliarli e riporli in un centrifuga per realizzare un po' di Bubble Hash. Mettete in parti uguali acqua e ghiaccio, ed aggiungete i rami delle vostre piante. Agitate con l'apposita lavatrice per Bubble Hash o con un semplice mestolo fino ad ottenere un liquido verde scuro. Ripetete l'operazione fino a quando i rami si saranno ammorbiditi. Filtrate il tutto attraverso un filtro da caffè o i sacchi per Ice-O-Lator e dovreste ottenere una piccola quantità di hashish da essiccare e consumare.

OPERE D'ARTE E STRUMENTI

La Cannabis è stata usata per millenni non solo per i suoi effetti psicoattivi. La prima carta fu realizzata con lunghe fibre di Cannabis, così resistenti da poter essere riciclate all'infinito. Anche le migliori tele della storia dell'umanità furono realizzate con Cannabis, oltre ai tessuti usati per gli scopi più diversi. I rami ed i gambi delle piante di marijuana possono essere usati per realizzare tessuti e fibre con cui realizzare opere d'arte e strumenti.

CARTA CON PASTA DI CELLULOSA DI RAMI DI CANNABIS

Mettendo insieme carta riciclata e rami di Cannabis si può ottenere una carta molto resistente. La parte più difficile per realizzare la carta è riuscire ad ottenere ed **estendere la pasta di cellulosa uniformemente. Potete aiutarvi con una superficie ad armatura con una rete metallica o un telaio in legno. Il principio è quello di estendere la pasta su una superficie sufficientemente permeabile da lasciar passare l'acqua e mantenere la polpa al di sopra, per la sua successiva essiccazione.

Aggiungete in un frullatore quantità uguali di rami e carta da riciclare. Aggiungete sufficiente acqua da immergere tutto il materiale e muoverlo facilmente. Quando la miscela avrà assunto una consistenza pastosa, versate il tutto sulla rete o setaccio. Stendete la pasta uniformemente su tutta la superficie. Lasciate gocciolare la pasta fino a completa essiccazione. Dopo 24 ore sollevate delicatamente la carta ed appendetela ad asciugare. Tagliate porzioni di carta secondo le vostre esigenze.

SFILACCIARE I RAMI IN PICCOLE FIBRE

I piccoli rami e gambi delle piante possono essere sfilacciati, ottenendo lunghe o piccole strisce di fibra. Questo processo si chiama decorticazione. Le fibre sono mantenute insieme da una matrice di cellulosa molto resistente e dura. Le fibre degli steli e dei gambi dovranno essere sollevate con le dita, separandole dal midollo. Queste piccole porzioni di fibra possono essere intrecciate fino ad ottenere pezzi di spago grezzo. Intrecciando poco a poco i vari pezzi di fibra si otterranno lacci più o meno lunghi da usare per diversi scopi. Potrebbe essere la scusa per creare un regalo romantico come un braccialetto fatto con spago di Cannabis.

SFILACCIARE I RAMI PIÙ LUNGHI

I coltivatori che avranno la possibilità di coltivare piante più grandi avranno una quantità maggiore di scarti. I fusti ed i rami più lunghi possono essere decorticati fino ad ottenere lunghe fibre resistenti. Una volta sfilacciate le fibre più lunghe si potranno fabbricare diversi strumenti, dalle ceste ai cappelli. Le persone più creative e pazienti, con capacità e voglia di realizzare tessuti più elaborati, potranno ottenere oggetti ed abiti di prima qualità.

Non gettate i rami ed i gambi delle vostre piante di Cannabis. Con un po' di pazienza ed una buona dose di creatività potrete riciclare tutto il materiale di scarto delle vostre colture, ottenendo oggetti o derivati dagli effetti leggermente psicoattivi. Quando vi ritroverete a riutilizzare le ramificazioni delle vostre piante vi accorgerete della versatilità della Cannabis.

 

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out