Scopriamo come coltivare cannabis autofiorente.

Indice:

Le piante di cannabis autofiorenti sono robuste, crescono rapidamente e possono essere coltivate anche in spazi limitati. Come si fa a non amarle? Scoprite come coltivarle settimana per settimana, seguendo la guida qui sotto.

QUANTO TEMPO IMPIEGA UNA AUTOFIORENTE PER PASSARE DAL SEME ALLA MATURAZIONE?

Le varietà autofiorenti di solito impiegano 8–10 settimane per passare dal germoglio al momento del raccolto. Tuttavia, alcune genetiche richiedono fino a 12 settimane per maturare completamente. Varietà come Bubble Kush Automatic e Quick One appartengono al gruppo a crescita rapida, mentre ceppi come Royal Creamatic e Royal Haze Automatic necessitano di qualche settimana aggiuntiva per sviluppare pienamente le cime.

Molti coltivatori scelgono le varietà autofiorenti per via della loro crescita rapida. Grazia al solido patrimonio genetico e alla facile manutenzione, queste piante risultano adatte anche per i coltivatori meno esperti.

La notevole resistenza a parassiti e agenti patogeni consente alle autofiorenti di tollerare le difficili condizioni ambientali all'aperto.

Ad ogni modo, il rendimento delle varietà autofiorenti non è strabiliante come quello dei ceppi fotoperiodici. Tuttavia, la crescita rapida è considerata un vantaggio notevole per gran parte dei coltivatori.

CICLO DI ILLUMINAZIONE PER VARIETÀ AUTOFIORENTI

Come si può intuire dal nome, le varietà autofiorenti non hanno bisogno di modifiche al ciclo di illuminazione per attivare la fioritura. Molti coltivatori decidono di mantenere uno schema di illuminazione composto da 18 ore di luce e 6 ore di buio, per l'intero ciclo di crescita. Altri invece preferiscono lasciare le luci sempre accese, nella speranza di massimizzare la fotosintesi e aumentare il tasso di crescita. Tuttavia, questa scelta risulta piuttosto dispendiosa.

Per via di questa particolare caratteristica, chi coltiva all'aperto può ottenere molteplici raccolti da una singola stagione di coltivazione. Facendo germogliare i semi settimana dopo settimana, all'inizio della primavera, dovreste teoricamente raccogliere le vostre prime cime dopo circa 8 settimane, e successivamente ottenere nuovi raccolti settimanali.

UNA NOTA SUL PH

Il livello di pH del terreno determina la capacità di assorbimento delle sostanze nutritive da parte delle piante. Se il pH è troppo elevato (alcalino) o eccessivamente basso (acido), potrebbero verificarsi difficoltà di assorbimento, con conseguenti carenze nutrizionali. Le piante di cannabis prediligono un pH tra 6,0 e 6,5. Utilizzate un misuratore di pH per verificare i livelli di pH durante l'intero ciclo di coltivazione.

GUIDA ALLA COLTIVAZIONE DI AUTOFIORENTI: COME COLTIVARE AUTOFIORENTI SETTIMANA PER SETTIMANA

Seguite questa semplice guida di coltivazione settimanale per arrivare in piena sicurezza al momento del raccolto. Esamineremo tutti i parametri e le variabili da tenere in considerazione in base al periodo, in modo che le piante si mantengano sane, vigorose e produttive.

 


SETTIMANA 1: GERMINAZIONE E FASE DI PLANTULA INIZIALE

La germinazione di solito richiede 1–3 giorni. Durante questo lasso di tempo i semi si attiveranno, sviluppando una radice nel sottosuolo ed un germoglio che emerge in superficie. Per iniziare il processo di germinazione, dovrete preparare un terriccio adeguato. Contrariamente ai ceppi fotoperiodici, le varietà autofiorenti non hanno bisogno di grandi quantità di sostanze nutritive e prediligono terreni ariosi e leggeri.

Potete realizzare da soli il vostro terriccio seguendo la formula illustrata di seguito:

  • 3 parti di torba
  • 3 parti di compost
  • 2 parti di perlite, inumidita
  • 1 parte di vermiculite, inumidita

Dopo aver preparato il mix, aggiungete un po' di Easy Boost Nutrizione Biologica. Questi pellet rilasciano progressivamente adeguate quantità di sostanze nutritive nel terreno, fornendo elementi e minerali essenziali durante l'intero ciclo di crescita. Aggiungete micorriza al terreno, per favorire la crescita delle piante. Questi funghi creano un'associazione simbiotica con l'apparato radicale delle piante, agevolando l'assorbimento delle sostanze nutritive.

Successivamente, riempite un vaso con il vostro terriccio e create dei fori con diametro di 10–15mm. Inserite i semi direttamente nel vaso definitivo, per evitare lo stress di un trapianto futuro. La procedura di trapianto può provocare uno shock alle piante, e le autofiorenti crescono in modo talmente rapido che potrebbero avere difficoltà a riprendersi completamente. Sistemate un seme in ciascun foro, e ricopritelo con la terra. Le plantule dovrebbero emergere in superficie nel giro di qualche giorno.

I fattori ambientali svolgono un ruolo chiave nella germinazione. Cercate di rispettare i seguenti parametri per aumentare la percentuale di successo:

  • Umidità relativa (RH) al 70–90%
  • Temperatura ambientale a 22–25°C
Week 1

SETTIMANA 2: FASE DI PLANTULA AVANZATA

Ora le plantule sono emerse, e il processo di fotosintesi è iniziato. Una lampada LED da 250W fornirà luce adeguata alla piantagione indoor. Con questa attrezzatura, sarete in grado di coltivare un esemplare per metro quadro. Tuttavia, se applicate la tecnica del low-stress training, potrete esporre quattro piante ad una fonte luminosa di tale intensità.

Le luci LED sono efficienti a livello energetico, producono meno calore e permettono di variare gli spettri luminosi. Scegliete una luce blu durante la fase vegetativa, e impostate il timer in modo da rispettare i cicli di illuminazione prescelti.

A questo punto, dovete iniziare a somministrare delle formule nutritive appositamente ideate per le plantule e la fase vegetativa. L'Easy Grow Stimolatore della Crescita fornisce alle piante tutte le sostanze necessarie per completare la fase vegetativa, e si abbina perfettamente ad Easy Boost Nutrizione Organica. Le varietà autofiorenti hanno bisogno di una minor quantità di sostanze nutritive rispetto alle fotoperiodiche, quindi dovrete usare solo ¼–½ del dosaggio normale. Aggiungete mezza compressa in 3–5 litri di acqua, e somministrate la miscela due volte a settimana.

Week 1

SETTIMANA 3: FASE VEGETATIVA IN CORSO

Nella terza settimana, dovrete attuare il low-stress training e cercare di mantenere gli esemplari in condizioni ottimali. A questo punto, le vostre piante autofiorenti saranno entrate in piena fase vegetativa. Noterete lo sviluppo delle foglie a ventaglio, che stimoleranno la fotosintesi. Durante la 3ª settimana, l'obiettivo è raggiungere i seguenti parametri ambientali:

  • Umidità relativa al 50%
  • Temperatura ambientale 20°C
  • 2 somministrazioni di Easy Grow (mezza compressa per 3–5 litri di acqua)

Le piante dovrebbero aver raggiunto i 15cm di altezza. Sistemate le lampade in modo che siano distanti almeno 1m dalla sommità della chioma. Ciò consentirà di ottimizzare il processo di fotosintesi, senza rischio di stress e bruciature da luce. Gli esemplari avranno bisogno di assimilare circa 0,5l di acqua ogni giorno. Ricordate di innaffiare solo quando la parte superficiale del terreno è completamente asciutta.

Se coltivate indoor, effettuate il low-stress training durante la 3ª settimana, per incrementare la produttività nella fase di fioritura. Legate un filo da giardinaggio a metà del fusto principale, e piegate delicatamente lo stelo in modo che sia parallelo al terreno. Fissate l'altra estremità della corda al bordo del vaso. Questa tecnica vi permetterà di appiattire la chioma, ed aumentare l'esposizione delle cime alla fonte luminosa.

Week 1

SETTIMANA 4: FASE VEGETATIVA AVANZATA

Durante la 4ª settimana, le vostre piante saranno quasi pronte ad affrontare l'inizio della fioritura. Questo lasso di tempo sarà dedicato ad alcuni piccoli ritocchi sul training e alla preparazione alla fase di fioritura. Per una crescita ottimale, cercate di mantenere i seguenti parametri ambientali:

  • Umidità relativa al 45%
  • Temperatura ambientale 20°C
  • Luci a 70cm di distanza dalle chiome
  • 0,5l di acqua ogni 24 ore
  • 2 somministrazioni di Easy Grow (metà compressa per 3–5 litri di acqua)

Dovreste notare alcune formazioni embrionali di fiori, sui nodi delle piante. Con la fase di fioritura alle porte, dovrete concludere qualsiasi tipo di training, per evitare di stressare la pianta. Usate le corde da giardinaggio per piegare qualsiasi ramo emergente, appiattire la chioma e mantenere le future cime alla stessa altezza.

Week 1

SETTIMANA 5: INIZIO DELLA FIORITURA

La fioritura è iniziata! Durante la 5ª settimana, dai nodi delle piante dovrebbero emergere piccole sacche, ricoperte di filamenti. Esse si trasformeranno progressivamente in cime dense e piene di resina. In questa settimana, dovrete continuare a mantenere i giusti valori ambientali, e regolare l'impianto di illuminazione. Gli esemplari avranno raggiunto un'altezza di 30cm circa. Se state coltivando indoor, tenete in considerazione i seguenti parametri:

  • Umidità relativa al 45%
  • Temperatura ambientale 23°C
  • Luci a 65cm di distanza dalle chiome
  • 1l di acqua ogni 24 ore
  • 2 somministrazioni di Easy Bloom (mezza compressa per 3–5 litri di acqua)

Cambiate le impostazioni delle vostre lampade LED, passando dalla tonalità blu a quella rossa. Questo spettro luminoso favorisce la produzione di cime, e aiuta la pianta a crescere in verticale durante la fase iniziale della fioritura.

Durante la fase di fioritura, le piante avranno bisogno di sostanze nutritive differenti. Serviranno dosi maggiori di fosforo, potassio, calcio e magnesio, mentre si potranno ridurre le quantità di azoto. A questo punto potete somministrare Easy Bloom Stimolatore della Fioritura. Sciogliete ½ compressa in 3–5 litri di acqua, e somministrate al momento dell'irrigazione.

Week 1

SETTIMANA 6: EMERGONO GLI AROMI

In questa settimana, i fiori saranno ormai ben visibili tra le foglie. Noterete anche i risultati delle tecniche di training, poiché la chioma sarà omogenea e avrà sviluppato cime uniformi, di grandezza più o meno simile. Durante la 6ª settimana, abbassate leggermente i livelli di umidità, per ridurre il rischio di muffa. Rispettate i seguenti parametri:

  • Umidità relativa al 40%
  • Temperatura ambientale 24°C
  • Luci a 45cm di distanza dalle chiome
  • 1,5l di acqua ogni 24 ore
  • 3 somministrazioni di Easy Bloom (metà tavoletta per 3–5 litri d'acqua)

Individuate tempestivamente eventuali strutture a forma di banana che emergono dalle cime. Ciò indica che la pianta è ermafrodita, e sta tentando di auto-impollinarsi. Rimuovete questi esemplari dallo spazio di coltivazione, per evitare che fecondino le piante adiacenti. Fortunatamente, l'ermafroditismo si manifesta raramente, ma è importante controllare sempre la piantagione con attenzione.

Week 1

SETTIMANA 7: I CONTROLLI REGOLARI SONO ESSENZIALI

L'obiettivo della 7ª settimana è la manutenzione. Concentrate le vostre energie per mantenere i parametri della grow room in equilibrio. Prestate particolare attenzione ai livelli di umidità che, se eccessivamente alti, potrebbero causare la formazione di muffa. Esaminate regolarmente le piante con una lente di ingrandimento, per individuare parassiti come tripidi e ragni rossi. Controllate anche le foglie e gli eventuali sintomi di carenze nutritive (probabilmente causati da livelli di pH errati). Rispettate i seguenti parametri ambientali:

  • Umidità relativa al 40%
  • Temperatura ambientale 24°C
  • Luci a 45cm di distanza dalle chiome
  • 1,5l di acqua ogni 24 ore
  • 3 somministrazioni di Easy Bloom (mezza compressa per 3–5 litri di acqua)
Week 1

SETTIMANA 8: RISCIACQUARE E DEFOGLIARE

A questo punto le cime saranno diventate corpose e piene di resina. Molte varietà autofiorenti saranno pronte per essere raccolte. Se i vostri esemplari appaiono ancora prematuri, non preoccupatevi! Trattateli come se fossero ancora alla 7ª settimana, e procedete dopo che le cime saranno cresciute ulteriormente.

Condizioni ambientali ideali per la 8ª settimana:

  • Umidità relativa al 40%
  • Temperatura ambientale 25°C
  • Luci a 45cm di distanza dalle chiome
  • 1,5l di acqua ogni 24 ore

All'inizio dell'ottava settimana, dovrete iniziare a risciacquare le piante. Prima di tutto, interrompete la somministrazione di Easy Bloom. Dopodiché, irrigate con tutta l'acqua che il terreno riesce a trattenere. Ripetete la procedura per diverse volte nel corso delle due settimane successive. Questo risciacquo rimuoverà le sostanze nutritive in eccesso, donando alle cime un sapore più gradevole.

Ora prendete le cesoie e procedete alla defogliazione. Questo metodo si abbina perfettamente al low-stress training e permette di incrementare le rese finali. Tagliate le foglie a ventaglio più piccole sui nodi bassi, e quelle più vecchie sulla parte alta della chioma. In questo modo aumenterete l'esposizione alla luce, riducendo il rischio di muffa.

Week 1

SETTIMANA 9: IL TRAGUARDO SI AVVICINA

Ci siamo quasi! Il vostro duro lavoro sarà presto ricompensato sotto forma di cime dense e succose. Tuttavia, prima di godervi l'epico momento, dovrete svolgere ancora qualche mansione. Per evitare qualsiasi attacco parassitario o altri problemi, cercate di mantenere in equilibrio i seguenti parametri ambientali:

  • Umidità relativa al 40%
  • Temperatura ambientale 25°C
  • Luci a 45cm di distanza dalle chiome
  • 1,5l di acqua ogni 24 ore

Noterete anche che le foglie a ventaglio iniziano a perdere colore, e potrebbero persino cadere. Non vi allarmate! Ciò significa semplicemente che avete risciacquato correttamente la pianta, e siete vicini al momento del raccolto.

Week 1

SETTIMANA 10: È TEMPO DI RACCOGLIERE!

Siete pronti a gustare i frutti del vostro duro lavoro? Molte varietà autofiorenti saranno pronte per essere raccolte durante la 10ª settimana! Saprete che le cime sono pronte per essere prelevate quando gran parte dei tricomi ha assunto tonalità bianco latte, e i pistilli sono diventati rossi/marroni.

Se alcune cime sono mature ed altre no, provate ad effettuare un raccolto progressivo. Probabilmente noterete per prime le cime vicine alla sommità della chioma. Anche se avete sottoposto la pianta a training, alcune cime si troveranno più vicine alla fonte luminosa rispetto alle altre.

Inoltre, non preoccupatevi se le vostre piante sembrano non aver ancora raggiunto questo punto, o averlo addirittura superato. Alcune autofiorenti crescono più rapidamente rispetto ad altre. Le genetiche lente, come Amnesia Haze Automatic, hanno bisogno di più tempo per maturare, mentre altre potrebbero aver già completato il loro ciclo vitale.

Dopo aver raccolto le cime, attuate i processi di essiccazione e concia, per ottenere una scorta di ganja saporita e di prima qualità.

Week 1

QUALE AUTOFIORENTE SCEGLIERE?

La scelta è talmente vasta che è facile confondersi. Abbiamo creato un elenco delle nostre 10 migliori autofiorenti per ciascuna categoria, per agevolare la decisione!

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.