Da quando l'essere umano ha scoperto la cannabis, il numero di bevande e alimenti prodotti con questa pianta è cresciuto esponenzialmente. Secondo uno studio del 2014 condotto su un campione di dispensari di Los Angeles, fino al 26% dei consumatori di cannabis terapeutica aveva fatto ricorso agli edibili piuttosto che a prodotti da fumare. Si tratta di un nuovo metodo d'assunzione che sta guadagnando sempre più terreno, soprattutto tra chi consuma marijuana a fini terapeutici. Ciò a portato i prodotti alimentari a base di cannabis a diventare parte integrante del settore legale della marijuana. Tuttavia, devono essere affrontati ancora alcuni problemi affinché questo metodo di consumo sia il migliore (e il più etico) possibile.

Estratti Di Cannabis Di Edibles

GLI ATTUALI EDIBILI

Fino a poco tempo fa, i cosiddetti edibili erano realizzati con tinture a base di oli, estratti o con il classico burro alla cannabis. L'olio non è solubile in acqua e, quindi, è estremamente difficile da mescolare. Il processo richiede molto tempo ed è piuttosto inaffidabile. Le tinture a base di oli sono spesso poco omogenee, sia per consistenza fisica che per concentrazioni di cannabinoidi.

Quando un'azienda produce edibili lo fa in grandi quantità. Ciò significa che una barretta di cioccolato alla marijuana non viene preparata singolarmente. Le aziende infondono litri e litri di cioccolato liquido con la cannabis e, successivamente, lo raffreddano sotto forma di centinaia, se non migliaia, di diverse barrette di cioccolato. Adottando gli attuali metodi di produzione, questi edibili avranno sempre un enorme margine d'errore al momento di dosare una precisa quantità di cannabinoidi.

Non avrete mai la certezza di assumere quella specifica quantità in milligrammi e, ancora più importante, che ogni barretta di cioccolato venga dosata in modo uniforme. Se mangiate un quadratino di cioccolato non significa che consumerete quella precisa proporzione di cannabinoidi da voi richiesta.

Una recente ricerca condotta su 70 prodotti provenienti da 50 marchi diversi ha ottenuto risultati piuttosto preoccupanti. I ricercatori hanno scoperto che solo il 17% dei prodotti viene accuratamente etichettato, una percentuale estremamente bassa per un prodotto che viene usato come medicina da molte persone. L'85% dei prodotti riportava dati imprecisi, mentre il 60% conteneva percentuali di cannabinoidi più basse rispetto a quelle dichiarate sulle etichette. Una questione poco etica e molto preoccupante per la credibilità del settore. Ci auguriamo che i recenti sviluppi possano presto cambiare questa situazione.

LA CANNABIS IN POLVERE POTREBBE CAMBIARE LE COSE

Abbiamo notato che sempre più dispensari sulla costa occidentale degli Stati Uniti stanno mettendo in vendita la cannabis in polvere. Aziende come Oleo, Made By Science e THC Design hanno già lanciato nuovi prodotti che potrebbero rivoluzionare il modo di consumare cannabis.

Sebbene non sia una novità, la cannabis in polvere può rivelarsi un'arma vincente. Non si tratta semplicemente di qualche infiorescenza di cannabis macinata fino ad ottenere una polvere estremamente fine, bensì di un olio di cannabinoidi incapsulato in amido o in altri carboidrati. Ciò fa sì che le goccioline di cannabinoidi si comportino come zucchero e non come olio, e lo zucchero si dissolve molto facilmente nell'acqua. La miscela risultante avrà quindi una distribuzione di cannabinoidi omogenea.

I convenzionali edibili richiedono fino a due ore per fare effetto e, di conseguenza, esiste il rischio di eccedere nel dosaggio. Infatti, molti consumatori pensano spesso di averne presa una quantità insufficiente e finiscono per ingerirne più del dovuto. Troppa cannabis può creare situazioni poco piacevoli che, sebbene non mortali, possono spaventare un consumatore inesperto. Con questa alternativa in polvere ci vorranno solo 15-20 minuti per notare i primi effetti. Ciò offre al consumatore una soluzione rapida ad un problema. Aver bisogno di assumere cannabis a fini terapeutici e dover aspettare due ore per notare gli effetti può essere molto irritante. Ecco perché molti consumatori terapeutici ricorrono ancora alle canne e ai bong.

Gioccioline Di CBD E CBD In Polvere

COSA CI RISERVA IL FUTURO

La cannabis in polvere è solo agli inizi. Sono necessarie molte ricerche e processi più innovativi per garantire una distribuzione uniforme dei cannabinoidi e la massima purezza dei prodotti alimentari. Tuttavia, questa forma di cannabis rende molto più facile la produzione di edibili a livello industriale e domestico. Ci troviamo di fronte ad un prodotto che probabilmente verrà venduto su larga scala ai produttori di edibili di tutto il mondo. Ma anche i privati ne approfitteranno.

Se amate la marijuana, ma odiate fumarla, il vostro mondo è destinato a cambiare. L'unica cosa che dovrete fare è condividere le notizie in modo da far conoscere a tutti la cannabis in polvere. Il mondo sta cambiando in meglio e i consumatori di cannabis ne sono parzialmente responsabili!

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out