Quando fumate uno spinello, il vostro alito può rivelare che avete consumato cannabis. Che siate in casa o fuori, abbiamo per voi diversi stratagemmi per eliminare l'alito cattivo alla radice—partendo da una corretta igiene orale fino al vaporizzatore e, nei casi peggiori, alle mentine.
Continuate a leggere per scoprire perché la cannabis può causare alito cattivo.

SÌ, L'ALITO CHE ODORA DI GANJA È UN PROBLEMA

Quando si pensa alla cannabis, affiorano sensazioni di euforia e completo rilassamento. Nessuno considera mai che, oltre a tutti questi effetti positivi, la marijuana abbia anche ripercussioni negative sull'alito. Non vogliamo certo suscitare ansia sociale, ma nulla stronca una conversazione più rapidamente di un interlocutore con l'alito cattivo. Purtroppo, fumare marijuana contribuisce all'insorgere dell'alitosi.

L'odore di ganja nell'alito deriva dall'interazione tra il THC e i recettori del nostro organismo. Sono coinvolte anche le cellule della mucosa orale, responsabili della produzione di saliva. Il risultato è la cosiddetta bocca secca, che i consumatori di cannabis spesso percepiscono. La xerostomia (termine tecnico per indicare la bocca secca) ostacola la naturale azione pulente della saliva. Particelle, batteri e residui di cibo restano quindi in bocca, contribuendo all'alitosi.

L'abitudine di fumare spinelli può aggravare la condizione.
Marijuana e tabacco rilasciano nel cavo orale catrame, tossine ed altre sostanze chimiche.

LA BUONA NOTIZIA È CHE L'ALITO DI GANJA SI PUÒ CONTRASTARE

Prima di farvi prendere dal panico e iniziare a soffiare sul palmo della mano per capire se avete l'alito pesante, sappiate che esistono alcuni metodi per ridurre l'odore di ganja nel cavo orale. Non potrete eliminarlo del tutto, ma almeno i vostri amici e parenti non cambieranno più marciapiede quando vi incontreranno per strada.

Se mentre fumate la vostra gola si infiamma, avete difficoltà a parlare, o tutto ciò che mangiate ha un sapore spento, è il momento di correre ai ripari. Tutti questi segnali infatti indicano che il THC inizia ad inibire la produzione di saliva. In questo caso, consultate subito la nostra sezione su come "camuffare l'alito che odora di ganja quando si è fuori casa". La trovate qui sotto.

REGOLE D'ORO PER UN ALITO FRESCO

Le nostre tre regole d'oro non cancelleranno del tutto l'odore di ganja dall'alito, ma sono suggerimenti validi in ogni circostanza. Anche se non fumate ganja, potrebbe sempre capitarvi di avvicinarvi o entrare in intimità con qualcuno. Non lasciatevi bloccare dall'alito cattivo!

1. Praticare una corretta igiene orale

Spazzolare i denti due volte al giorno, usando collutorio e filo interdentale, è un ottimo metodo per rimuovere i residui e i batteri che provocano l'alito cattivo. Coltivare ganja è un'attività molto popolare, e oggi sempre più legale, quindi le probabilità di avere l'alito che odora di cannabis sono maggiori. Esistono alcuni prodotti specifici per ridurre l'impatto della cannabis sull'alito. Ma, in tutta onestà, il buon vecchio spazzolino da denti resta lo strumento migliore.

Bocca pulita

2. Usare accessori per fumare puliti e disinfettati

Può sembrare ovvio, ma le pipe sporche non alterano soltanto il sapore e l'aroma della cannabis. Quando fumate, i residui vengono trasportati sulla superficie adiacente—la vostra bocca. Con il passare del tempo l'accumulo di sporcizia può solo peggiorare. Quindi, meno pulirete i vostri accessori, più il vostro alito odorerà di ganja.

Disinfettare gli accessori ogni volta che si utilizzano può sembrare eccessivo. Tuttavia, questa abitudine preserverà il delicato sapore delle squisite cime Pineapple Kush, limitando al tempo stesso l'effetto maleodorante sull'alito. Non dovete necessariamente lavare gli strumenti ogni volta, ma ricordatevi di pulire tutto ciò che toccate con la bocca.

Pulisci vaporizzatore

3. Passate ai vaporizzatori o, meglio ancora, ai prodotti commestibili alla ganja

Se dovessimo preparare una classifica dei metodi di consumo di cannabis in base alla loro propensione a causare alito cattivo, in cima alla lista troveremmo spinelli, blunt, pipe/bong, seguiti da vaporizzatori e alimenti alla ganja. Gli spinelli sono realizzati con tabacco e cannabis—una doppia minaccia per l'alito. Con pipe e bong il tabacco non viene utilizzato, pertanto non c'è il rischio che qualche residuo di catrame rimanga in bocca. Tuttavia, questi strumenti trasferiscono oli e residui di marijuana nel cavo orale.

I vaporizzatori eliminano molti rischi perché non bruciano la cannabis. Quindi, il numero di particelle che entra in bocca è limitato. In linea di massima, i vaporizzatori riducono anche la sensazione di bocca secca—offrendo un duplice vantaggio.

La tecnica più efficace per prevenire l'alito cattivo causato dal consumo di ganja è quella di scegliere la cannabis in forma edibile. In questo caso infatti non occorre inalare, pertanto nessuna particella di ganja entrerà in bocca. Se decidete di ingerire un alimento contenente ganja, ricordate di attendere un po' prima di mangiare un'altra porzione.

Cibo Canapa

CAMUFFARE L'ALITO CHE ODORA DI GANJA QUANDO SI È FUORI CASA

Curate la vostra igiene orale con la massima precisione, ma dopo aver fumato uno spinello in pausa pranzo, il vostro alito diventa tremendo. Non è il caso di isolarsi ed evitare qualsiasi interazione umana. Provate invece una di queste soluzioni.

  • Mentine o chewing gum

Semplice, rapido ed efficace. Le gomme da masticare contribuiscono a ripristinare la normale produzione di saliva. Il sapore di menta può camuffare gli odori sgradevoli lasciati dalla ganja. Le caramelle agiscono nella stessa identica maniera. Qualcuno si chiederà perché mangiate sempre mentine, ma sarà sempre meglio di dover spiegare come mai il vostro alito odora come un dispensario di cannabis.

  • Bere acqua o fare gargarismi

L'acqua aiuta a lubrificare la bocca e, come rimedio estremo, può rimuovere alcuni residui e particelle maleodoranti. Fate scorrere l'acqua su tutto il cavo orale, come fosse collutorio. Se non avete acqua a disposizione, evitate di usare bevande zuccherate. Lo zucchero fa male ai denti, e può provocare alito cattivo.

  • Mangiare frutta fresca

Mele, arance e qualsiasi altro frutto acidulo è ideale per contrastare l'alito cattivo provocato dalla ganja. Le mele contengono polifenoli, molecole che possono mascherare gli odori sgradevoli. Anche gli agrumi sono eccellenti perché favoriscono la salivazione.

L'alito che odora di cannabis è un male inevitabile quando si percorre la strada che conduce all'illuminazione interiore e alle risatine incontrollate. Ma ciò non deve necessariamente intaccare la vostra autostima. Una buona igiene orale, unita ai nostri rimedi "di emergenza", terrà a bada l'alitosi.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.