La Germania ha compiuto negli ultimi anni alcuni passi cruciali verso la legalizzazione della cannabis. Dal permettere ai primi tedeschi di coltivare erba in casa, fino alla nuova politica sulle droghe del Partito Verde, sembra solo questione di tempo prima che si aprano le porte all’erba.

Il ritorno dell’International Cannabis Business Conference (ICBC) aggiungerà sicuramente più benzina al fuoco ed aiuterà le cose a prendere slancio. Conosciuto anche come “il principale evento di networking sulla cannabis del pianeta Terra”, la conferenza ruota attorno ad un argomento che ogni governo del mondo apprezza molto: l’economia.

Non solo la legalizzazione della cannabis aiuta i pazienti ed offre libertà ai consumatori per scopi ricreativi, ma dimostra anche di avere un effetto anabolico sull’economia. In Colorado, ad esempio, nel 2019 lo stato ha raccolto l’enorme cifra di 302 milioni di dollari provenienti dalle tasse sulle vendite di cannabis medica e ricreativa.

Quindi, come sarà esattamente il futuro della legalizzazione della cannabis in Germania? E come è arrivato a questo punto il Paese?

L’ICBC si dirige a Berlino

L’inevitabile impatto economico della legalizzazione della cannabis significa che le aziende sono pronte a cogliere al volo l’eventuale opportunità. Ma già ora molte aziende, sia grandi che piccole, stanno facendo notizia con il loro ingresso nel mercato della canapa e del CBD.

L’ICBC tornerà a Berlino durante l’agosto del 2021 e fungerà da aggregatore per il mondo del business della cannabis. L’evento riunisce politici, investitori, imprenditori, esperti di estratti, artigiani degli edibili ed altri ancora.

Ma, soldi a parte, questo evento offre anche profondi spunti educativi. Ad esempio, Raphael Mechoulam, lo scienziato che ha scoperto il THC, ha tenuto qui il suo intervento nel 2019.

Quest’anno, l’ICBC prenderà il via alla Vienna House Andel’s Berlin, prima di dirigersi verso altri Paesi europei nel corso dell’anno. Dai un’occhiata qui di seguito ai due eventi principali che si terranno ad agosto 2021.

The ICBC Heads to Berlin
Raphael Mechoulam / Source: ICBC

  • Global Investment Forum

L’ICBC Global Investment Forum si svolgerà il 25 agosto 2021. Questo evento mira a facilitare la crescita dell’industria della cannabis e funge da potente rete che collega gli imprenditori della cannabis agli investitori.

Quest’anno, mentre il mondo inizia a riprendersi dalla pandemia, l’evento prevede una capacità massima di 200 persone. Il programma di questa edizione comprende i seguenti interventi:

  • Panoramica del mercato tedesco: Un gruppo di imprenditori tedeschi di successo nel campo della cannabis discuterà i fattori che domineranno la crescita e come il mercato potrebbe cambiare nei prossimi cinque anni.
  • La verità dalle trincee del settore: Una guida che aiuterà gli imprenditori a navigare nel mercato e sviluppare il proprio business
  • Regolamentazione: Imparare come operare nel settore all’interno dei quadri normativi
  • Investitori di successo: Conoscere dagli investitori pionieristici gli incentivi che aiutano a sostenere i progetti sulla cannabis
  • Offerte: Una vasta gamma di aziende tenterà di vendere le proprie idee uniche

  • B2B Trade Show

Anche il B2B Trade Show si svolgerà presso la Vienna House Andel’s Berlin. Questa opportunità di networking a livello mondiale si svolgerà dal 26 al 27 agosto e sarà una piattaforma condivisa fra dirigenti, imprenditori e responsabili politici di oltre 60 Paesi.

Il B2B Trade Show offre alle aziende la possibilità di mostrare le proprie idee, i prodotti ed i brand a potenziali investitori ed altri personaggi del mondo degli affari. Oltre ad accogliere gli imprenditori della cannabis in un network di alto valore, il B2B Trade Show presenterà anche una serie di interessanti interventi, tra cui:

  • Aggiornamento delle normative sulla cannabis medica in Germania ed Europa
  • Stato del mercato della cannabis in Germania
  • Focus sulla farmacologia della cannabis
  • Distribuzione tedesca, importazione e vendita
  • Aggiornamento sull’industria e sulla politica europea del CBD
  • Capire il Novel Food
  • Aggiornamento sulle normative per la cannabis medica in Germania ed Europa
  • Fare affari a livello internazionale
  • Mercati emergenti
  • Educazione alla cannabis medica
  • Strada verso la legalizzazione
  • Tecnologia della cannabis
  • Marketing e media

B2B Trade Show
Source: ICBC

Legalizzazione della cannabis: Sentimenti contrastanti in Germania

Grandi cose stanno accadendo nel mondo degli affari in Germania quando si tratta di cannabis. Sebbene i mercati del CBD e della canapa siano in forte espansione, si ha la sensazione di un mercato ancora compresso quando si osservano eventi come l’ICBC. Se e quando la Germania premerà il tasto di completa legalizzazione della cannabis, il mercato sicuramente esploderà e seguiranno molti benefici economici.

La Germania ha comunque già compiuto dei passi importanti verso la legalizzazione della cannabis. Prima di addentrarci in alcuni di questi interessanti sviluppi, scopriamo esattamente cosa pensano i tedeschi di tutto questo.

Attualmente circa 4 milioni di cittadini tedeschi usano cannabis. Ma non tutti sono d’accordo sul fatto che la nazione dovrebbe legalizzare l’erba.

Secondo un sondaggio condotto dall’istituto di ricerca tedesco Civey, circa il 43% dei tedeschi ritiene che la cannabis dovrebbe essere legale solo per uso medico. Al contrario, circa il 36% concorda sul fatto che la cannabis dovrebbe essere legale, tassata e regolamentata. Nonostante il nascente modello di legalizzazione in tutto il mondo, il 12% ritiene che la cannabis dovrebbe rimanere illegale nel paese.

Leggi attuali

La cannabis rimane illegale in Germania. L’erba rientra nella classificazione come droga nell’appendice III della legge tedesca sui narcotici.

  • Possesso

È illegale possedere qualsiasi droga proibita in Germania, compresa la cannabis. I colpevoli possono essere multati fino a 25.000 euro e fino a due anni di carcere. Tuttavia, ci sono alcune lacune nella legislazione.

Il paragrafo 31 della legge sugli stupefacenti riformata del 1992 afferma che chi è in possesso di una “piccola quantità” di cannabis può evitare procedimenti giudiziari. Ma questa quantità imprecisata cambia da regione a regione. Ad esempio, Baviera e Sassonia tollerano quantità fino a 6 grammi, mentre Berlino consente fino a 15 grammi.9

  • Coltivazione

La coltivazione della cannabis rimane illegale in Germania. Sebbene migliaia di coltivatori svolgano il loro hobby in modo nascosto, la punizione per questo può comportare una pena detentiva massima di 15 anni nelle peggiori circostanze.

  • Cannabis medica

La cannabis medica è diventata legale in Germania nel marzo 2017. Ogni medico del paese può prescrivere medicinali a base di cannabis[1], inclusi fiori di cannabis, estratti e singoli cannabinoidi. Tali prodotti includono il Sativex, una miscela di THC e CBD, usata per trattare la spasticità associata alla sclerosi multipla.

Cannabis medica

Sviluppi promettenti

Allo stato attuale, le leggi tedesche considerano la cannabis un narcotico non commerciabile. La coltivazione è soggetta a rigorosa autorizzazione. Il governo tedesco ha assegnato nel 2019 le licenze di coltivazione a tre società, due canadesi ed una tedesca. Ed è così stata loro concessa la possibilità di produrre oltre 10.000kg di cannabis in un periodo di quattro anni.

I coltivatori autorizzati passano il loro raccolto alla Cannabis Agency, che poi lo rivende a medici, grossisti, farmacie ed altri produttori di farmaci.

Tuttavia, un caso giudiziario ha causato nel 2012 un problema tecnico in questo quadro normativo. All’epoca, il tribunale amministrativo federale di Munster ha emesso una sentenza che consentiva in Germania alle persone gravemente malate di coltivare cannabis a casa.

Ma la sentenza ha anche affermato che le richieste di coltivazione personale sono accettabili solo quando i pazienti non hanno un’altra opzione di trattamento efficace. Le domande vengono spesso respinte se l’assicurazione di una persona copre medicinali a base di cannabis come il dronabinol.

Una strada dissestata

Anche se la sentenza del tribunale del 2012 sembrava un passo nella giusta direzione, non è cambiato molto dalla legalizzazione per uso medico del 2017. Un barlume di speranza è apparso nel 2020 quando il governo tedesco ha votato su un disegno di legge che mirava a legalizzare la cannabis ricreativa.

Ma questo tentativo di riforma fallì. Anche se il disegno di legge prevedeva un mercato della cannabis per adulti strettamente controllato, la grande maggioranza dei seggi nel Bundestag ha votato contro le modifiche.

Il Partito Verde sostiene la pianta

Nonostante la delusione avuta nel 2020, il Partito Verde, nome appropriato, ha ricominciato la battaglia per legalizzare la cannabis in Germania. Annalena Baerbock è stata eletta il 19 aprile come candidata dei Verdi alla cancelleria.

Il giorno dopo, il 20/4, (420) come per volere del destino, il Partito dei Verdi ha annunciato una campagna mirata alla riforma della cannabis. La loro nuova politica sulle droghe vuole cambiare il modo in cui i cittadini tedeschi accedono alla cannabis. Si parla quindi di proteggere il diritto delle persone all’autodeterminazione, riducendo al contempo i rischi per la salute.

Nel complesso, le nuove politiche consentiranno agli adulti di acquistare e possedere fino a 30 grammi di cannabis o coltivare tre piante per uso personale. Se attuata, questa normativa determinerebbe un enorme passo avanti per la cannabis legale nel paese. Molte aziende, comprese quelle che partecipano spesso all’ICBC, apprezzeranno sicuramente questi cambiamenti in senso liberale.

External Resources:
  1. Medical cannabis policy and practice in Germany https://www.healtheuropa.eu
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.