3 semi gratis extra ai primi 100 che useranno il codice JUNE alla cassa

By Luke Sumpter


La rosacea non colpisce esclusivamente la pelle. Questo disturbo influisce notevolmente anche sulla psiche. Molti pazienti sviluppano problemi di salute mentale associati alle alterazioni del loro aspetto fisico. Attualmente, chi è affetto da questa condizione può affidarsi ad antibiotici, gel per uso topico e persino terapia della luce. Gli scienziati stanno cercando ulteriori opzioni di trattamento ed alcuni esperti hanno rivolto la loro attenzione verso la cannabis.

Cos'è la rosacea?

La rosacea è una condizione infiammatoria cronica e recidivante, che colpisce la cute provocando vampate, rossori ed irritazioni. Questa patologia è caratterizzata da un decorso altalenante, per cui i pazienti trascorrono periodi di riacutizzazione dei sintomi, seguiti da periodi di remissione. Attualmente, circa il 10% della popolazione è affetta da rosacea, con la più alta incidenza osservabile tra gli abitanti dell'Europa Settentrionale con pelle chiara[1].

Al momento, non esistono cure risolutive per la rosacea. Per fortuna, questa condizione non è pericolosa e solo raramente provoca danni permanenti alla pelle. Tuttavia, molti pazienti hanno difficoltà ad affrontare le implicazioni psico-sociali derivanti dalla patologia. La rosacea si manifesta principalmente sul viso, un'area del corpo che utilizziamo per comunicare sia verbalmente che attraverso espressioni facciali. L'aspetto del volto svolge un ruolo fondamentale nell'autostima di un individuo, e la presenza di arrossamenti, protuberanze e vasi sanguigni visibili può alimentare il timore del giudizio altrui, fino a scatenare ansia e depressione[2].

I medici prescrivono diversi trattamenti per gestire il rossore e le vampate associate alla rosacea, inclusi gel per uso topico, cicli di antibiotici e terapia a luce pulsata ad alta intensità (IPL). Questi trattamenti risultano utili per alcuni pazienti, ma per altri è necessario trovare fonti di sollievo alternative. I ricercatori stanno esaminando nuove soluzioni per gestire questo disturbo e, a tal riguardo, la cannabis ha suscitato molto interesse.

Cos'è la rosacea?
  • La rosacea è correlata alla psoriasi?

Rosacea e psoriasi vengono spesso confuse tra loro. Entrambi i disturbi sono cronici e causati da infiammazione. Inoltre, tutti e due si manifestano con rossori e protuberanze. Ad ogni modo, ciascuna condizione emerge secondo processi specifici e provoca determinati sintomi.

A differenza della rosacea, causata da una disfunzione immunitaria e neurovascolare, la psoriasi è un disturbo autoimmune che stimola un'eccessiva produzione di cellule cutanee. Ciò provoca accumuli di cellule, che emergono in superficie formando zone cutanee arrossate e squamose, con conseguente prurito ed irritazione.

Inoltre, la psoriasi si manifesta in varie parti del corpo—principalmente su testa, tronco, gomiti, ginocchia e genitali—mentre la rosacea si diffonde su viso ed occhi. In più, le riacutizzazioni di ciascuna condizione sono associate a diversi fattori scatenanti. Esamineremo le cause scatenanti della rosacea nei paragrafi successivi; tuttavia, quelli che aggravano la psoriasi includono infezioni, stress, temperature rigide, alcol ed alcuni farmaci.

Come si manifesta la rosacea

Le esatte cause della rosacea sono ancora ignote ma, secondo gli scienziati, il disturbo è provocato da una combinazione tra sistema immunitario iperattivo, predisposizione genetica e fattori ambientali. Tra questi elementi, la genetica sembra svolgere un ruolo predominante, dal momento che fino al 50% dei pazienti ha almeno un familiare affetto dalla stessa patologia.

Contrariamente alle credenze popolari, la rosacea non è correlata ad una scarsa igiene personale e non si trasmette da persona a persona. Il meccanismo molecolare alla base della rosacea resta ancora poco chiaro, ma sono stati individuati alcuni fattori scatenanti[3], capaci di riacutizzare i sintomi in individui particolarmente sensibili. Questi fattori includono:

Microbi Radiazioni ultraviolette (raggi UV)
Alimentazione Temperature estreme
Compromissione della barriera cutanea Stress psicologico
Fluttuazioni ormonali

Per quanto riguarda l'alimentazione, diversi cibi e bevande sono considerati responsabili del peggioramento dei sintomi. Di seguito elenchiamo quelli che più frequentemente causano riacutizzazioni della patologia:

Bevande calde come tè e caffè Alcol
Spezie Pomodori
Agrumi Cioccolato

La pelle è l'organo più esteso del nostro organismo, e svolge un ruolo chiave nella fisiologia umana. Ma la cute non rappresenta una semplice barriera inerte che separa l'interno del corpo dal mondo esterno. Attraverso una serie di reti complesse, la pelle interagisce con il sistema nervoso, il sistema immunitario ed il sistema endocrino. La rosacea coinvolge diversi tipi di cellule, tra cui:

  • Cheratinociti: Tipi di cellule elementari presenti nella parte più superficiale della cute; proteggono da patogeni e raggi UV
  • Mastociti: Contribuiscono a dirigere la risposta immunitaria; contengono sostanze chimiche coinvolte nell'infiammazione, come istamine e citochine
  • Neuroni: Cellule del sistema nervoso che trasmettono segnali chimici ed elettrici
  • Cellule epiteliali: Un'altra tipologia di cellule importanti e protettive, presenti nella cute
  • Macrofagi: Cellule immunitarie che individuano e distruggono gli agenti patogeni
  • Fibroblasti: Cellule che producono collagene e contribuiscono alla formazione di tessuto connettivo

Tutti questi elementi fanno parte del sistema immunitario innato: il sistema di difesa aspecifico, attivo nell'organismo fin dalla nascita. I recettori presenti in alcune di queste cellule contribuiscono ad individuare minacce come patogeni e traumi fisici. Dopo aver identificato il problema, il sistema immunitario innato nella cute reagisce con un attacco chimico, producendo peptidi antimicrobici (AMP), come citochine e chemochine. Queste molecole pro-infiammatorie aiutano a contrastare gli invasori, ma potrebbero anche inasprire i sintomi della rosacea, in caso di alterazione della segnalazione cellulare.

Nei pazienti affetti da rosacea, i recettori responsabili di individuare gli agenti patogeni sono presenti in quantità più elevate, così come gli AMP associati all'angiogenesi (la creazione di nuovi vasi sanguigni), il che potrebbe contribuire allo sviluppo di sintomi[4] come rossore e vampate. Anche alcuni fattori come stress, radiazioni UV ed ormoni potrebbero attivare questa reazione chimica, provocando vampate, sensibilità cutanea, prurito e vasodilatazione (espansione dei vasi sanguigni).

Come si manifesta la rosacea
  • Sintomi della rosacea

I principali sintomi della rosacea includono:

  • Rossore su naso, guance, fronte e mento
  • Sensazione di bruciore e dolore quando si lava il viso o si applicano prodotti cosmetici
  • Vasi sanguigni evidenti sulla superficie della pelle
  • Piccole protuberanze rosse o rosa

Tra gli altri sintomi che possono emergere citiamo:

Pelle secca Gonfiore attorno agli occhi
Macchie gialle sulla pelle Ispessimento della pelle del naso
Palpebre doloranti Prurito

Cannabis, SEC e rosacea: Comprendere le potenzialità

Quale ruolo può ricoprire la cannabis nei sintomi della rosacea? Per il momento non lo sappiamo. Non esistono studi sull’uomo che abbiano testato la cannabis o i suoi derivati su persone con questo disturbo. Tuttavia, altri studi offrono una panoramica su come l’erba potrebbe influenzare questa malattia.

  • Il ruolo emergente del SEC nelle malattie della pelle

Prima di tutto, sappiamo che le sostanze fitochimiche nella cannabis, vale a dire i cannabinoidi, agiscono per mantenere l’omeostasi (equilibrio) nella pelle. Lo fanno interfacciandosi con il sistema endocannabinoide (SEC). Descritto come il regolatore universale[5] del corpo umano, il SEC aiuta molti sistemi corporei a mantenere questo stato di equilibrio, dal cervello alle ossa.

Il SEC è costituito da diversi componenti essenziali, inclusi recettori, molecole di segnalazione ed enzimi. I cannabinoidi della pianta di cannabis riescono a legarsi a questi recettori imitando le molecole di segnalazione prodotte dal nostro corpo, una classe di sostanze chimiche note come endocannabinoidi. Ma non tutti i cannabinoidi si legano direttamente a questi siti. Il CBD, ad esempio, ha un’affinità di legame minore verso questi recettori ed esercita principalmente il suo impatto sul SEC prendendo di mira gli enzimi coinvolti nella produzione di endocannabinoidi.

Come facciamo a sapere che il SEC svolge un ruolo importante nella pelle? I ricercatori hanno riscontrato alcuni componenti di questo sistema nelle cellule cutanee, scoprendo che il SEC svolge un ruolo importante[6] nella proliferazione cellulare, nella crescita e nella produzione di ormoni. Quando il SEC funziona come dovrebbe, aiuta a mantenere i processi nella pelle in perfetto funzionamento.

Pertanto, i ricercatori ritengono che la disregolazione del SEC potrebbe avere un ruolo importante in numerosi disturbi della pelle, tra cui dermatite atopica, psoriasi, sclerodermia e cancro della pelle. I cannabinoidi offrono un potenziale mezzo per influenzare questo sistema[7], ma fino a che punto non è ancora chiaro.

  • Cannabis e sintomi della rosacea

La cannabis ha il potenziale di lenire la pelle in generale, ma come potrebbe combattere i sintomi della rosacea? L’infiammazione gioca un ruolo chiave in questo disturbo e le prime ricerche hanno puntato i riflettori sui cannabinoidi per il loro potenziale di placare questo processo fisiologico.

Uno studio del 2013 condotto su animali[8] e pubblicato sulla rivista “Allergy” ha testato il potenziale antinfiammatorio del THC usato per via topica in un modello murino di dermatite atopica. I ricercatori hanno scoperto che il THC può agire sulle molecole infiammatorie rilasciate dai cheratinociti, quelle cellule protettive della pelle poc'anzi menzionate.

Nonostante la capacità del THC di legarsi ai recettori CB1 e CB2 del SEC, questo studio ha scoperto che il cannabinoide può causare i suoi effetti indipendentemente da questi siti. Nel complesso, i ricercatori hanno concluso che i loro risultati dovranno essere ulteriormente studiati per comprovare l'efficacia dei cannabinoidi nel trattamento dei problemi infiammatori della pelle (e la rosacea rientra in questa categoria).

Inoltre, i ricercatori stanno valutando se i composti della cannabis possano essere usati per aiutare a domare il prurito e la pelle arrossata e sensibile. Una recensione del 2020[9] pubblicata sul “Journal of the American Academy of Dermatology” esplora la relazione tra i cannabinoidi e le specifiche fibre nervose implicate nel prurito.

La recensione documenta inoltre alcuni studi in corso che stanno testando l’efficacia della cannabis terapeutica per il prurito associato a dermatite atopica, psoriasi e dermatite allergica, oltre ad altri disturbi cutanei. Tuttavia, gli autori concludono che sono necessari studi clinici strettamente controllati per confermare il potenziale del trattamento con cannabinoidi per il prurito.

Cannabinoidi a parte, la cannabis produce anche oltre 200 terpeni. Queste molecole aromatiche sono responsabili degli odori e dei sapori delle diverse cultivar, ma fungono anche da serbatoio di potenziali proprietà olistiche. Una recensione del 2011[10] intitolata “Botanicals and anti-inflammatories: natural ingredients for rosacea” ha esplorato i benefici di diverse specie vegetali per questo disturbo. Molti dei principi attivi di queste piante compaiono anche nella cannabis, tra cui linalolo e canfora.

Cannabis e sintomi della rosacea

CBD per i sintomi della rosacea

Quale ruolo svolge il CBD in tutto questo? Non avendo proprietà psicotrope, il cannabidiolo ha attirato molte attenzioni negli ultimi anni e gli studi stanno attualmente determinando le proprietà antinfiammatorie e lenitive del fitochimico.

Una recensione[11] pubblicata nel 2020 sulla rivista “Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology” ha esaminato la relazione del CBD con la salute e i disturbi della pelle. Questo documento affronta i modi in cui il cannabinoide potrebbe avere un impatto sui sintomi dei disturbi infiammatori. Ad esempio, la recensione indica alcuni studi preclinici in corso che stanno studiando il potenziale antinocicettivo (blocco dello stimolo del dolore) del CBD in modelli di dolore neuropatico ed infiammatorio.

La ricerca a cui si riferisce la recensione svela anche il ruolo del recettore CB1 nella risposta al prurito. Gli studi sugli animali mostrano che l’aumento dei livelli di endocannabinoidi circolanti riduce il prurito nei modelli murini. È interessante notare che il CBD ha la capacità di inibire gli enzimi del SEC, aumentando temporaneamente i livelli di endocannabinoidi. Più specificamente, agisce per inibire un enzima[12] noto come idrolasi delle ammidi degli acidi grassi (FAAH) che ha il compito di scomporre l’endocannabinoide anandamide, una molecola che si lega al CB1.

Tuttavia, i ricercatori non hanno dimostrato questo meccanismo negli esseri umani, né la sua efficacia nell’alleviare i sintomi dei disturbi della pelle.

Come usare la cannabis o il CBD per la rosacea

Senza dati provenienti da studi clinici, nessuno sa esattamente come usare il CBD contro la rosacea o quanto usarne. Inoltre, esistono numerosi modi per consumare o applicare questo cannabinoide: per via orale, sublinguale, inalatoria e topica. In caso di rosacea o altri disturbi della pelle, la via di applicazione più consigliata è quella topica, a prescindere che si tratti di un normale olio di CBD o di creme, unguenti e lozioni formulate per la pelle.

L’applicazione di una crema al CBD sulla pelle introdurrà il cannabinoide direttamente nelle cellule colpite. Molti prodotti sul mercato contengono anche altri componenti di origine vegetale con altre proprietà lenitive efficaci nell’idratare e nutrire la pelle.

La rosacea non scompare, ma i cannabinoidi possono aiutare a contrastare i sintomi

Appare ormai evidente che la cannabis e i suoi costituenti attivi non riusciranno mai a far scomparire la rosacea. Tuttavia, alcuni pazienti riferiscono che le creme ad uso topico contenenti cannabinoidi ed altri ingredienti benefici attenuano i dolori. In ogni caso, data la potenziale e vasta gamma di proprietà non ancora sfruttate di cannabinoidi e terpeni, i ricercatori sembrano decisi a continuare a sondare la pianta di cannabis nella speranza di alleviare i sintomi di malattie cutanee come la rosacea.

External Resources:
  1. Rosacea: Epidemiology, pathogenesis, and treatment https://www.tandfonline.com
  2. Psychosocial aspects of rosacea with a focus on anxiety and depression https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  3. New insights into rosacea pathophysiology: a review of recent findings - PubMed https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
  4. Rosacea as a disease of cathelicidins and skin innate immunity - PubMed https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
  5. The Endocannabinoid System, Our Universal Regulator https://www.jyi.org
  6. The endocannabinoid system of the skin in health and disease: novel perspectives and therapeutic opportunities https://www.sciencedirect.com
  7. The endocannabinoid system of the skin. A potential approach for the treatment of skin disorders https://www.sciencedirect.com
  8. Anti-inflammatory activity of topical THC in DNFB-mediated mouse allergic contact dermatitis independent of CB1 and CB2 receptors - PubMed https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
  9. Cannabinoids for the treatment of chronic pruritus: A review https://www.sciencedirect.com
  10. Europe PMC https://europepmc.org
  11. Therapeutic Potential of Cannabidiol (CBD) for Skin Health and Disorders https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  12. Cannabidiol enhances anandamide signaling and alleviates psychotic symptoms of schizophrenia https://www.ncbi.nlm.nih.gov
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.