Ti sei mai chiesto come i professionisti catturino la bellezza della cannabis? La fondatrice e CEO di Stock Pot Ophelia spiega tutto nella sua intervista esclusiva con RQS, inclusi i migliori consigli per i fotografi in erba.

(Ascoltalo anche su Spotify e su Apple Podcast)

1. Qual è l’attrezzatura necessaria per un servizio fotografico sulla cannabis? Deve essere di qualità professionale?

È un’ottima domanda. Di quali strumenti abbiamo bisogno per un servizio fotografico? In pratica, dipende da cosa stai riprendendo. Sei sul posto? Sei in studio? Ogni servizio fotografico è diverso, ma lo strumento che porti ogni volta è una chiara comprensione della cannabis. Perché, se parliamo di cannabis, dobbiamo conoscerla. Quando hai intenzione di riprenderla, dovresti almeno conoscere le basi sulla pianta, in modo che quando dirigi i tuoi soggetti o cerchi di trovare un buon posto per riprendere, sai cosa chiedere all’ospite od al coltivatore. Non vuoi dare l’impressione di non sapere nulla della pianta e di quello che stanno facendo, perché poi ti tratteranno in modo diverso.

Quindi, fondamentalmente, lo strumento più grande da portare a qualsiasi servizio fotografico è la conoscenza della cannabis. Va bene. E gli strumenti devono essere di qualità professionale? Sì. Se hai intenzione di scattare un’immagine che verrà utilizzata online, o per il portfolio di qualcuno, o per il marketing, pensa sempre in modo professionale. Pensa sempre alla tua illuminazione. Pensa sempre all’allestimento del set: cosa c’è in quella foto, cosa non dovrebbe esserci, giusto? Se stai fotografando, ad esempio, un dirigente di un’azienda ed il suo marchio è lì nel suo ufficio, ma ci sono alcuni marchi che non sono suoi, devi evitare di includerli nella ripresa. Quindi considera l’intera storia, non solo l’argomento centrale, ma tutti i personaggi attorno al soggetto principale.

2. Immaginiamo che possano esserci grandi differenze tra le riprese in interni ed esterni. Potresti citarne alcune?

Ci sono due differenze principali tra le riprese in interni ed esterni: una delle cose più importanti è l’illuminazione. Quando sei in casa, devi creare quell’atmosfera, quella luce che desideri. Quando sei all’aperto, devi scegliere il momento giusto della giornata, giusto? Perché qualunque luce sarà troppo dura a mezzogiorno. Magari vuoi la luce dell’alba, che è una specie di arancione, oppure al tramonto per ottenere un colore più viola. Quindi, ancora una volta, sappi dove stai girando, fai ricerche e procurati tutti gli strumenti di cui hai bisogno.

3. Se si scatta in interni, qual è il modo migliore per regolare l’illuminazione quando abbiamo luci gialle o rosse che illuminano le piante?

Bisogna farsi questa domanda: si vuole autenticità? Si deve quindi mostrare ciò che vede l’occhio. Ma l’occhio non vedrà parte dello spettro emesso dalle luci LED. Quando scatti, vedrai quel viola perché il tuo occhio non vede tutto il resto, ma con la fotocamera puoi regolarlo in postproduzione. Oppure, se stai usando una Canon 5D, puoi procurarti dei filtri, giusto? Puoi mettere un filtro trasparente colorato in base a ciò che stai riprendendo per regolarlo. È ciò che è nella realtà. È quello che viene prodotto dalla scienza, quindi molte persone adorano quella luce viola. Conserverei entrambi gli scatti, uno con la saturazione regolata, e un altro che terrei come scatto della fotocamera, perché alcuni di quei viola sono davvero rigogliosi e profondi. Ed alcuni photo editor adorano questo aspetto.

Se si scatta in interni, qual è il modo migliore per regolare l’illuminazione quando abbiamo luci gialle o rosse che illuminano le piante?

4. Quali sono le differenze tra fotografare piante di cannabis vive e fiori raccolti?

Questa cosa mi appassiona. Guardarle dal vivo e poi vedere il raccolto. Quando tagli la pianta, ovviamente, perde la sua fonte di cibo ed acqua, quindi inizia ad appassire e a seccarsi. E se guardi quando appendono la cannabis ad essiccare è molto bello, perché va da questo verde intenso e profondo ad un verde pallido perché sta perdendo la sua clorofilla. Ed inizi a vedere il fiore che si asciuga un po’ e tutte le foglioline resinose si arricciano.

Quando è fresco appena prima del raccolto, hai questo bellissimo fiore a tua disposizione. Non sembra il tipo di fiore che abbiamo più spesso in mente, come una rosa o una margherita. Ma il fiore di cannabis è questa cosa meravigliosa, strana, dall’aspetto quasi alieno. Puoi vedere le sue foglioline brillare sotto la luce. Insomma, questo è un fiore.

Quando inizi a fotografarlo, procurati sempre un ottimo obiettivo macro. Se stai usando il tuo iPhone, se usi un modello nuovo, va bene. Ma davvero, se vuoi diventare un fotografo professionista, procurati un set professionale. Puoi andare in profondità e guardare tutte le meravigliose strutture interne del fiore. Quando lo fotografi essiccato, come dicevo, c’è un po’ di perdita di colore. A meno che tu non stia fotografando qualcosa come Granddaddy, forse c’è un po’ di viola. Ma normalmente è più un verde tenue, poi iniziano a uscire tutti i marroni. E tutte le sue macchie giallo-oro. Quindi, i due soggetti sono diversi: uno è molto lussureggiante, mentre l’altro è più tenue, ma anche più denso.

Quelle sono differenze. Ma ancora una volta, leggi il più possibile sulla cannabis, perché quando scatti, vuoi sapere cosa stai guardando. Si. Ed inoltre, parla con chi ti ospita. Mostra la tua passione attraverso la conoscenza della pianta, e l’ospite dirà: “Oh mio Dio, sai tutto, scatta.” Più o meno, questo è il mio suggerimento.

5. Su quali aspetti ti concentri maggiormente quando si tratta di fotografare concentrati?

Grande differenza! Pensiamo al ketchup, giusto? Hai un pomodoro e hai il ketchup. Sì, quindi il ketchup è un sottoprodotto dei pomodori. La stessa cosa vale per i concentrati: hai il fiore ed hai i concentrati. Quindi un concentrato è fondamentalmente ketchup: viene sottoposto ad un processo chimico per diventare quello che è, un prodotto di qualche colore dorato. E ce ne sono di diversi tipi: c’è lo sugar, la cera, il crumble, c’è lo shatter, giusto, e c’è anche il distillato. Quindi vengono fotografati così come sono guardandoli. È un colore oro profondo, giusto? È un po’ scuro, ma fondamentalmente è un colore dorato. A molte persone piace illuminarlo dal basso. Prendi una semplice light box (tutti ne hanno una), metti il tuo concentrato sopra un barattolo trasparente che fa semplicemente uscire il colore dal basso per far risplendere i concentrati come il tuo shatter o il tuo crumble. Usa strumenti del genere. Una light box è sempre ottimo per fotografare qualsiasi olio o concentrato perché devono essere illuminati da sotto o da dietro.

"Quindi, per il fotografo professionista di cannabis, devi pensare come se fossi un fotografo professionista di prodotti, un ritrattista, un documentarista. Devi essere il migliore in quel campo."

6. Potresti condividere con noi alcuni consigli per scattare foto creative di cannabis?

Mi piace rendere le cose un po’ piccanti. Quindi, ok, la fotografia di un albero è un albero, giusto? Una rosa è una rosa. E su questo hai esattamente ragione. Una pianta di cannabis in questo ambiente naturale: ci sono milioni di foto così, vero? Milioni. Quindi non catturerai davvero l’attenzione, a meno che tu non abbia un’ottima location. Il momento perfetto della giornata. Giusto? Quindi, ancora una volta, bisogna considerare l’intera immagine, non solo il dettaglio, ma anche tutto ciò che lo circonda.

C’è un altro modo di pensare. Pensa alla fotografia di prodotto. Quando pensi alla fotografia di prodotto, pensi a qualcosa come Estee Lauder, un bel rossetto, lo sfondo illuminato, forse è su un piedistallo, forse è su plexiglas, ma, stessa cosa, prendi quel fiore e pensalo come un prodotto. In che modo puoi presentarlo su un bel piatto od aggiungere contrasto di colore? Mettilo in contrasto con un motivo o disegno. In questo modo, ancora una volta, torniamo alle basi della fotografia: quando guardi la composizione, non è solo il centro, ma è tutto ciò che lo circonda. Mona Lisa, il dipinto. Sì, è al centro. Ma poi quando guardi dietro di lei, ci sono le colline, il fiume… tutti lo apprezziamo, ma se fosse solo uno sfondo semplice, non sarebbe lo stesso.

Potresti condividere con noi alcuni consigli per scattare foto creative di cannabis?

7. Come consiglieresti di iniziare una carriera come fotografo professionista di cannabis?

Quando Stock Pot aveva più di 240 fotografi, ed ognuno di loro era in questo settore per motivi diversi, la maggior parte di loro, direi solo l’1% dei miei 240 fotografi, erano fotografi professionisti di cannabis che riprendevano solo ed esclusivamente cannabis. L’altro 99% era composto da fotografi professionisti che hanno ripreso molte altre cose: automobili, persone, luoghi, architettura, ma amavano anche la cannabis. Semplicemente non avevano un posto dove mostrare le loro immagini. Quindi le avrebbero scattate per sé stessi. E poi quando li ho trovati, erano molto felici di aver trovato un posto dove mettere le loro immagini.

Quindi, per il fotografo professionista di cannabis, devi pensare come se fossi un fotografo professionista di prodotti, un ritrattista, un documentarista. Devi essere il migliore in quel campo. Guarda cosa c’è intorno a te. Vedi, questo è il mio migliore, il mio più grande suggerimento: vai su un sito, un sito di fotografie stock come Alamy, che è enorme in Europa. Quindi digita solo cannabis, erba o qualsiasi cosa tu voglia, e guarda quante immagini ci sono. Inoltre, guardale tutte e pensa, quale mi colpisce di più, giusto? E qual è l’immagine che emerge fra le altre ed ottiene più licenze di pubblicazione?

Se avessi la mia immagine lì dentro, risalterebbe? Sì. E se non lo fa, stai solo scattando per soldi. Voglio dire, beh, nemmeno per soldi, ma stai solo scattando senza alcun intento artistico. Ed a volte, ovviamente, l’industria della cannabis può sentirsi incerta, ad esempio con i lavori che offriamo, perché ci sono problemi di legalità legati ad alcuni lavori.

8. Che tipo di lavoro ci si può aspettare da un fotografo di cannabis (ad esempio nel settore immobiliare, per dispensari, fotoreporter di cannabis…)?

Un’altra bella domanda. Bene, il fatto è che quello che ho trovato in California è fondamentalmente questo: quando vai da un’azienda nel settore della cannabis, solo il 5% ha soldi per il marketing, giusto? Queste grandi aziende hanno i soldi per pagare ai fotografi professionisti la loro tariffa. Tutte quelle più piccole vorranno utilizzare principalmente fotografie di stock che ottengono per 1 dollaro.

Se vuoi entrare nel mondo della cannabis, quello che ho scoperto è fare cose al volo, fare cose gratuitamente. Bene, okay, no, non fare cose gratis. Lavori per il tuo portfolio, trova dei produttori, giusto? Prova a conoscerli, vedi se conosci qualcuno che li conosce e dì loro che vuoi solo scattare fotografie. Vi darò le mie migliori, le mie prime 10 fotografie, e ve le darò gratuitamente. Se mi permettete di fotografare proprio qui.

Sì. E lo faranno, probabilmente lo faranno perché anche loro hanno bisogno di immagini. E poi potresti essere in grado di trasformarli in un cliente. Quindi, se vuoi entrare nella cannabis, trova qualcuno che fa già parte dell’industria e chiedi se ti può presentare qualcuno. Voglio scattare alcune foto. Voglio fare qualche bello scatto. Chi conosci? Usa la forza della tua voce per trovare qualcuno nel settore. Non verranno loro da te. Devi andare tu da loro.

Che tipo di lavoro ci si può aspettare da un fotografo di cannabis (ad esempio nel settore immobiliare, per dispensari, fotoreporter di cannabis…)?

9. Quando vediamo l’hashtag #weedporn su Instagram, a cosa si riferisce?

È proprio come con tutto il resto. Qualcuno dice: “Ah, questo fiore è bellissimo e buonissimo, fammelo condividere con i miei amici e follower online!”. È come essere un appassionato di auto che ha visto la Datsun 240Z… “Ah, sì, guarda i cerchioni di quella macchina!”. Quindi, fondamentalmente, è la celebrazione del fiore. Voglio dire, quando lo colleghi al porno, perché le persone guardano il porno? Fondamentalmente, stanno cercando di usare lo stesso entusiasmo nella parola porno per l’erba, ma è solo condivisione con gli appassionati. Sì, è così che viene usato il weedporn.

Fondamentalmente, la fotografia su Instagram ha ucciso la fotografia. Tutti i social media hanno ucciso la fotografia, perché sostanzialmente la rendeva senza valore agli occhi delle persone. Prima, si guardava un Picasso e si diceva: “Mio figlio di cinque anni può farlo con i pastelli”, giusto? Sì, è la stessa cosa, adesso. Posso farlo con il mio iPhone. Giusto? Perché devo assumerti? Il fatto è che, quindi, si torna al cliché. Dai a 1.000 scimmie 1.000 macchine da scrivere, e una di loro scriverà Shakespeare. Quindi è la stessa cosa quando hai un miliardo di videocamere là fuori. Alcune di loro faranno una foto davvero fantastica. E questo è tutto.

10. Quali sono le migliori pratiche per scattare foto con un cellulare?

Puoi avere qualsiasi filtro per il tuo telefono. Giusto? Non l’abbiamo già visto? Quando cercano di imbrogliare? Quell’uomo non è davvero così, o quella donna sicuramente non è così. Quindi puoi fare la stessa cosa con le tue fotografie di piante od altro. Puoi manipolarle, puoi aggiungere colore.

Ripeto, se hai intenzione di farlo, sviluppa uno stile personale a cui resti coerente. Quindi, se stai scattando con il tuo iPhone ed usi un certo filtro, prova ad usare solo quell’unico filtro, perché in questo modo i tuoi scatti non sembreranno tutti delle foto di Instagram con filtri. Usa gli strumenti di modifica sul telefono. Non userei Instagram per modificare i tuoi filtri perché poi tutto inizia a sembrare uguale. Usa gli strumenti di modifica che hai sul tuo telefono e possibilmente investi in qualche altra app un po’ più completa.

Ci sono app di Photoshop che puoi avere anche sul tuo telefono, per fare un po’ di modifiche da lì. Ancora una volta, stai lavorando su un piccolo spazio, giusto? Quindi, se una qualsiasi di queste immagini viene stampata, avrai sicuramente bisogno di sapere come inviare le tue foto o se devi lavorare sul desktop per verificare pixel per pixel che tutto sia pulito, o che abbia una risoluzione abbastanza alta. Quindi questa è l’unica cosa sull’utilizzo di un iPhone. Se stai facendo qualcosa per la stampa, avrai davvero bisogno di una fotocamera digitale migliore, come una Canon 5D. Perché l’iPhone, sì, può arrivare forse a cinque megabyte. Ma poi di nuovo, se qualcuno vuole davvero quella foto e vuole fare le cose in grande, non sarai in grado di farlo sul tuo telefono.

Inoltre, se la filtri completamente, si ammorbidiscono tutti i pixel dell’immagine, che diventa tenue e poco nitida. Voglio dire, se vuoi esercitarti a farlo, guarda una foto originale e gioca con una serie di filtri e poi aumentali al massimo. E vedrai che i pixel sono tutti cambiati nel nostro software ed in quello del filtro. Quindi ci sono vantaggi e svantaggi nell’utilizzo di uno smartphone. Ma direi che è meglio usarlo solo per i social media. Giusto? Sì. Se sei un professionista, devi davvero investire in una fotocamera professionale.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.