USA DAYS — Fino al 50% di sconto su varietà USA Acquista Ora

By Luke Sumpter


La nostra guida sui tratti migliori dell'aroma della cannabis, i componenti da valutare ed il modo in cui tutto questo porta ad un maggiore apprezzamento per le cime dovrebbe farti gustare la tua scorta come un intenditore in pochissimo tempo. 

Profili aromatici della cannabis: Valuta prima l'odore

L’odore, l’aroma, il bouquet e la fragranza sono parole che vengono spesso invocate quando si parla di cannabis. A parte l'apprezzamento visivo, l'odore è il componente principale utilizzato per accertare la qualità della cannabis

L'olfatto è un senso effimero, quindi parlarne è difficile. Come con la musica, ha molte classi e gruppi distinti e attrae molte persone in modi differenti. È stratificato e sfumato, quindi non sorprende che il linguaggio utilizzato per descrivere l'olfatto sia simile a quello della musica. Ha note e può essere raggruppato in modo simile agli accordi e progressioni. 

Il senso dell'olfatto ed il senso del gusto sono intimamente intrecciati, tanto che perdere l’olfatto ha anche l’effetto collaterale della perdita di gran parte del senso del gusto. Questa è in realtà una malattia cronica che può causare depressione ed influenzare in modo significativo la qualità della vita.

L'anatomia dell’olfatto

L'olfatto, come l'udito e la vista, è direttamente collegato al cervello da un nervo principale. Una piccola porzione di tessuto con neuroni sensoriali olfattivi risiede nella parte superiore del naso. L'olfatto fa parte del sistema chemosensoriale o dei sensi chimici.

Ad esempio, quando le molecole volatili evaporano da un fiore e vengono inalate attraverso il naso, vengono rilevate dai neuroni olfattivi. Il messaggio trasmesso al cervello viene interpretato come odore. Nel caso della cannabis, queste molecole sono principalmente terpeni e fenoli.

Composti volatili alla base dei profili aromatici della cannabis

Hai mai notato che avvicinare al tuo naso una cima appena schiacciata, asciutta o bagnata, ha un odore immediato e forte? Poi, un po' più tardi, l'odore assume una variazione leggermente differente e, quindici minuti più tardi, cambia ancora?

Questi vengono chiamati note di testa, note di cuore o note di fondo.

I terpeni e fenoli sono composti aromatici volatili. Evaporano quando vengono esposti all'aria, un processo che viene percepito da noi come odore. Tuttavia, gli strati e le sfumature dell'olfatto ci impediscono di affermare che una cima odora come qualcosa in particolare. 

Una varietà avrà sicuramente un aroma generale caratteristico ed identificativo: per esempio, le Skunk e le Cheese hanno un odore particolarmente idiosincratico. Però, i componenti di questi bouquet hanno sempre tracce e sfumature che ricordano qualcos’altro—una progressione particolare di note identificabili singolarmente che si combinano per formare i bouquet complessi della pianta di cannabis. 

Note di testa

La prima impressione di un odore è conosciuta come “nota di testa” (o note capitali). Le molecole che formano i terpeni di queste note di testa combinate sono le più volatili dell’intero bouquet. Evaporano e si disperdono rapidamente, e un naso allenato può identificare le singole note che compongono l'impressione iniziale. 

Top Chords Cannabis

Alcune delle note di testa più comuni nella cannabis

  • Limonene: il terpene primario responsabile dell'odore degli agrumi, il limonene è estremamente volatile ed appare in molte varietà come sentori di limone, arancia, lime o pompelmo—fino al punto di essere positivamente astringente, creando il formicolio al naso. Pensa all’impronta di limone delle Haze ed il ricordo d’arancia della Lemon Haze. Il limonene viene utilizzato in molti prodotti per la pulizia ed è così volatile che all’ingrosso rappresenta un vero pericolo d’incendio.
  • Geraniolo: questo è il terpene che dona ai gerani il loro odore ed è un composto della fragranza alla rosa, ed è anche una nota di testa. Evapora rapidamente e si mescola per formare la prima impressione. Le tonalità dolci e floreali presenti in molte varietà sono composte dal geraniolo. Non sorprende che questo terpene venga utilizzato in profumeria. 
  • Linalolo: è il terpene che conferisce alla lavanda il suo odore caratteristico e le sue proprietà sedative, e contribuisce anche alle prime impressioni floreali nelle cime di cannabis. Il linalolo ha una lunga storia come rilassante naturale.

Note di cuore

I terpeni che formano le note di cuore (o note centrali) evaporano più lentamente e non si disperdono velocemente come le note di testa: hanno anche una vitalità più lunga una volta dispersi e vengono percepiti più a lungo. Le note centrali si combinano per formare il bouquet aromatico predominante, che indugia sui nervi olfattivi dopo che le note di testa hanno lasciato la loro prima impressione. 

Middle Chords Cannabis

Alcune delle note di cuore più comuni nella cannabis

  • α-terpineolo: questo terpene è ciò che dà all'olio di pino il suo odore caratteristico. Come nota di cuore, rimarrà più a lungo e continuerà a formare il corpo principale del profumo. L'α-terpineolo ha innumerevoli usi oltre a rendere fantastico l'odore della cannabis.
  • β-cariofillene: il terpene che dà al pepe il suo odore speziato e caratteristico e fornisce anche una grande parte dei profumi di origano, basilico e rosmarino. Molte varietà hanno questo terpene che provoca il formicolio al naso, che è in parte responsabile delle sensazioni fisiche di formicolio nel naso quando si esaminano alcune varietà.
  • α-terpineolo: la fragranza della maggiorana è dovuta alla predominanza di questo terpene. È anche un componente delle note piacevolmente terrose ed erbacee che può esibire la cannabis. Resiste più a lungo della maggior parte dei terpeni e può combinarsi insieme ad altri per fornire il corpo più duraturo di un profumo. 

Note di fondo

Le note di fondo sono composte da aromi che evaporano più lentamente e durano più a lungo. Sono le fragranze che si posano sul tuo labbro superiore e l'aroma che annusi sulle tue dita persino ore dopo essere entrato in contatto con qualsiasi erba. Durante un lungo periodo di concia, saranno gli odori predominanti provenienti dal barattolo di vetro, finché non verrà spezzata una cima e l'intero bouquet sarà di nuovo fresco.

Bottom Chords Cannabis

Alcune delle note di fondo più comuni nella cannabis

  • Eugenolo: un terpene duraturo responsabile dell'aroma dei chiodi di garofano. Una volta che l'astringenza di eugenolo viene emanata, il profumo può durare per molti giorni prima che si disperda. 
  • Gingerolo: uno dei fenoli che conferisce allo zenzero il suo aroma dolce e speziato. Il gingerolo è lento ad evaporare e ha una durata lunga. Come l'eugenolo, può impiegare giorni prima di disperdersi del tutto.
  • Trans-nerolidolo: Questo è il terpene che dona al gelsomino il suo aroma floreale sfumato, con sentori di rosa, mela ed agrumi fruttati. L'aroma del gelsomino può durare così a lungo che viene messo in bustine nei cassetti per profumare i vestiti delicatamente per mesi. 

Rilevare le fragranze della cannabis con il naso

È abbastanza corretto descrivere un fiore di cannabis in questo modo:

Quando si agita un fiore maturo ed appiccicoso, produce un accordo di note di testa pungentemente stratificato. Le note capitali di agrumi aspri e fiori dolci solleticano il naso ed aggrediscono i sensi. Man mano che le note di testa si affievoliscono, le note di cuore vengono percepite maggiormente: si soffermano ricordi di pomeriggi caldi nelle foreste di pino e si possono persino sentire nell'aria. Più tardi, sulle tue dita e vestiti si presentano sbuffi distinti di fiori delicati e zenzero secco, mentre le note di fondo si fanno più dominanti.

Come con la musica, imparare il linguaggio dell'olfatto richiede tempo ed esperienza. Gli odori vengono ricordati proprio come qualsiasi altro input mentale e, nel tempo, si può accumulare una libreria di riferimento di aromi ideale per l'identificazione della cannabis. Quindi, nel tempo è possibile identificare le singole fragranze in ciascun bouquet di note mentre progrediscono attraverso le loro fasi di volatilità. 

Impara a degustare l'erba: Fattori da considerare

Non c'è modo migliore per sperimentare la ricchezza dei profili aromatici dell'erba se non in gruppo. Invita i tuoi amici amanti della cannabis, metti insieme una vasta gamma di cime e lascia che la degustazione delle cime abbia inizio. Non solo queste occasioni risultano molto più divertenti con gli amici, ma ognuno vivrà la propria esperienza soggettiva. Confrontando e mettendo in contrasto le note olfattive che ognuno percepirà, potrai avere un quadro oggettivo di ciò che può realmente offrire ogni varietà.

Tutti i membri del gruppo dovrebbero contribuire in qualche modo alla sessione di degustazione. Assegna ad un amico il compito di portare un vaporizzatore (i migliori sono quelli progettati per più persone, come il Volcano Hybrid). Chiedi ad un altro amico di portare le cartine ed un paio di involucri pre-rollati per fare qualche blunt. Inalando la stessa varietà di cannabis in modi diversi riuscirai a capire meglio i suoi sapori, apprezzandoli sotto diverse angolazioni. Infine, procurati qualche snack e lasciali a portata di mano una volta conclusa la sessione. In questo modo placherai la fame chimica e stimolerai le papille gustative con qualcosa di diverso.

Impara a degustare l'erba: Fattori da considerare
  • Modalità di selezione

Ci sono migliaia di varietà di cannabis in circolazione. Ovviamente, non potrai assaggiarle tutte in una singola sessione e fumare troppe varietà contemporaneamente può confondere la sensibilità delle tue papille gustative, ostacolando la percezione delle sfumature più particolari dell'erba. Ti consigliamo di usare circa 6 varietà per sessione, in modo da poter apprezzare davvero ciò che hai di fronte.

Successivamente, puoi rendere un po' più affascinante la tua sessione di degustazione. Se hai sei varietà distinte, cerca di dividerle nella loro categoria di sapore più ampia, come fruttata, floreale, terrosa, legnosa, pepata e di gasolio. Provale una alla volta per assaporare bene i sapori, senza mescolarli con quelli delle altre. Ma non devi limitarti a dividere le varietà solo in base al loro gusto. Suddividerle a seconda del metodo di coltivazione usato può aiutarti ad avere un'idea di come ciascuna tecnica influisca sui profili aromatici della cannabis. Le categorie possono includere indoor, outdoor, biologica, non biologica, idroponica ed aeroponica. Se vuoi essere ancora più preciso, puoi specificare se la terra era stata arata (till) o meno (no-till) e verificare se queste pratiche agricole hanno avuto qualche effetto sui sapori della cannabis.

Vuoi rendere le cose ancora più divertenti? Prova ad usare 6 varietà radicalmente diverse e confrontale nella stessa sessione. Non solo sperimenterai un'ampia varietà di sapori, ma i diversi effetti ti manterranno più concentrato. Un esempio di tale formazione potrebbe includere una varietà ad alto contenuto di THC (come la Royal Gorilla), una varietà a basso contenuto di THC (come la Quick One), una varietà con proporzioni uguali di THC e CBD (come l'Euphoria), una varietà energizzante ed agrumata (come la Lemon Shining Silver Haze), una varietà rilassante (come la Skunk XL) ed una varietà con un profilo terpenico unico (come la Royal Cheese).

Infine, perché non provare la stessa varietà in modi completamente diversi. Potresti provare a mangiare qualche cima cruda o a fare un po' d'hashish, rosin o shatter della stessa varietà e vedere quali differenze ci sono. E non dimenticare una cassa d'acqua ed un taccuino per tutti i tuoi ospiti.

  • Valutazione visiva per la degustazione dell'erba: Aspetto fisico

L'aspetto fisico di una cime può rivelare diverse caratteristiche prima di essere consumato. Annusare l'erba ed annotare le osservazioni iniziali sono due cose connesse, in quanto è quasi impossibile NON annusare l'erba. La cannabis è notoriamente odorosa—e chi può comunque resistere a quel profumo inebriante!?

L'ispezione visiva può fornire informazioni sulla specie, che si tratti di sativa, indica o la dominanza in entrambe le direzioni, la maturità e se la cima è stata coltivata all'aperto o indoor. Le cose da tenere in considerazione quando si esamina una bella cima includono:

⇢ L’aspetto:

  • I colori dei pistilli, calici e resina
  • Lucida o opaca, compatta o slegata, vecchia o fresca

⇢ La sensazione:

  • Dura o malleabile, appiccicosa o secca, densa o ariosa, pesante o leggera

⇢ L'odore:

Come discusso precedentemente, ci sarà la prima impressione generale che costituisce l'odore caratteristico della varietà. Quindi, dopo ci saranno le tre fasi degli aromi che varieranno da varietà a varietà. Anche se è difficile da descrivere, rimarranno con te per sempre e le riutilizzerai per valutare l'erba in futuro.

Valutazione visiva per la degustazione dell'erba: Aspetto fisico
  • Valutazione percettiva per la degustazione dell'erba: Potenza ed effetti

La potenza e gli effetti dell'erba non sono in alcun modo universali e dipendono interamente dalle preferenze personali e biologia individuale. Ciò che fa eccitare una persona potrebbe provocare un blocco da divano ad un'altra. È semplicemente la natura della bestia.

Le cose da considerare quando si valuta una cima gustosa includono gli effetti psicotropici e fisici, i sapori e le sensazioni della bocca/gola. Gli aspetti del processo di valutazione dovrebbero includere:

⇢ Il tipo di sballo:

  • Cerebrale, fisico, quasi psichedelico, nootropico, rilassante, narcotico, motivante, creativo, contemplativo, languido, ecc.

⇢ Durata ed effetti in fasi:

  • Quanto dura l'effetto iniziale e quanto tempo ci vuole per raggiungere un picco? C'è un giramento di testa o una salita morbida?
  • La quantità necessaria per ottenere il pieno effetto
  • Quali effetti secondari si verificano nel tempo? Scende in modo pulito o ti lascia assonnato?

⇢ Intervallo di tolleranza:

Con alcune varietà, c'è un limite a quanto può essere consumato prima che gli effetti smettano di essere efficaci. Allo stesso modo, alcune varietà diminuiscono di efficacia nel tempo se utilizzate quotidianamente, mentre altre hanno gli stessi effetti indipendentemente dal numero di volte in cui vengono utilizzate. 

⇢ ffetti medicinali:

Quando si utilizza la cannabis a scopo terapeutico, il paziente deve essere onesto con sé stesso e prestare attenzione al proprio corpo. La varietà selezionata offre il risultato desiderato per la malattia da trattare? Se la risposta è no, allora bisogna sperimentare con altre varietà fino a quando non si troveranno le caratteristiche ideali. 

⇢ Sensazione della bocca e gola:

  • È liscia al palato ed alla gola dopo aver inalato ed espirato? È dura o brucia? 
  • Si possono fare tiri grandi senza tossire, o bisogna farne tanti piccoli?

  • Come impostare l'ambiente di degustazione

Una volta che hai deciso quale erba assaggiare, devi impostare le cose in modo da rendere l'esperienza il più piacevole possibile. Considera tutte le variabili che aiuteranno a mettere al centro dell'attenzione la percezione dei sapori. Non si tratta solo di una sessione occasionale dove l'unico obiettivo è sballarsi, ma è anche un momento dedicato alla degustazione dei vari terpeni dell'erba.

⇢ Degustazione alla cieca

Degustare la cannabis alla cieca renderà la sessione ancora più competitiva e divertente. Assegna ad uno dei tuoi amici il compito di etichettare ogni varietà affinché nessun altro possa vedere di cosa si tratta. In questo modo, tutti gli altri ospiti dovranno provare ad indovinare quale varietà stanno fumando. Passate la canna e votate. Degustare l'erba alla cieca eliminerà anche qualsiasi pregiudizio e ti consentirà di assaporare i sapori da una posizione del tutto neutrale.

⇢ Il tavolo

Radunatevi attorno ad un tavolo per riporre tutta la vostra attrezzatura. Un tavolo bianco funziona meglio, poiché questo sfondo consente di mettere in risalto tutti i colori più particolari di ogni varietà. Se non hai un tavolo bianco, posiziona un lenzuolo o una tovaglia di colore bianco sulla superficie di lavoro.

⇢ Cartine e bong

Se hai scelto di fumare canne durante la degustazione della cannabis, opta per le migliori cartine in commercio. Quelle organiche insapori non alterano il profilo terpenico. Se usi bong, pipe o vaporizzatori, assicurati che siano completamente puliti e privi di sporcizie dal sapore sgradevole.

⇢ Ambiente

Sì, anche l'ora del giorno può incidere sulla degustazione. Chiedilo a qualsiasi intenditore di cannabis. Ovviamente, sei libero di iniziare a qualsiasi ora del giorno, ma non c'è niente di meglio che un soleggiato pomeriggio estivo con una leggera brezza nell'aria. Se sei così fortunato da vivere in una regione calda, aspetta che le temperature raggiungano i 22–24°C, magari con un'umidità relativa intorno al 50%. Perché sono così importanti questi parametri? Perché i valori troppo distanti da questi intervalli provocano la disidratazione della mucosa nasale, riducendo la capacità olfattiva.

⇢ Detergenti per il palato

È molto importante pulire il palato prima di una sessione e tra una varietà e l'altra, in modo da non avvertire sapori distorti. Evita di consumare cibi e bevande particolarmente forti prima di iniziare. Inoltre, i sommelier professionisti di vino e sigari suggeriscono di prendere un boccone di cracker secco tra un prodotto e l'altro (con un sorso d'acqua per evitare la secchezza delle fauci).

Come assaporare davvero la cannabis: Passo dopo passo

Come assaporare davvero la cannabis: Passo dopo passo

Ora sai esattamente come organizzare una sessione di degustazione di cannabis. Qui di seguito imparerai come eseguire ogni passaggio:

  1. Dopo che il tuo fedele “budtender” ha distribuito la prima varietà, avvicina il naso alle cime ed annusale per avere un'idea iniziale del loro profilo terpenico.
  2. Dopo aver rollato una canna o caricato un braciere, trattieni la boccata di fumo per 3–4 secondi prima di espirare. Quindi, fai un tiro più profondo, trattieni il fumo per la stessa quantità di tempo ed espira rapidamente attraverso la bocca ed il naso. Infine, fai un terzo tiro di media intensità ed espira lentamente attraverso la bocca, lasciando che il fumo accarezzi la lingua.
  3. Passa la canna, il vaporizzatore o il bong ed annota le tue impressioni mentre i sapori sono ancora freschi sulla lingua. Segna tutte le note olfattive di testa, di cuore e di fondo che hai notato, nonché gli effetti che emergeranno nei minuti successivi.
  4. Una volta che tutti avranno fatto un assaggio, confrontate le note e condividete le vostre opinioni nel gruppo. Verificate se le vostre impressioni si avvicinano a quelle degli altri o se sono del tutto contrastanti.
  5. Dopo aver ascoltato ciò che tutti avevano da dire, il gruppo dovrebbe assaggiare di nuovo la stessa varietà, confrontare la propria esperienza per la seconda volta e verificare possibili ed ulteriori accordi o disaccordi.
  6. Dopo aver assaggiato tutti i campioni, ogni persona del gruppo esprimerà un voto sulla propria varietà preferita.
  7. Dopo la votazione, il budtender dovrà rivelare le etichette di ogni varietà.

Fumare erba è diventato improvvisamente molto più divertente

Hai appena trovato un nuovo hobby? Le sessioni di degustazione di cannabis sono sempre divertenti. Non si tratta di mostrare agli altri le proprie conoscenze sulla cannabis o di indovinare ogni varietà come un professionista. Tutto si riduce all'esperienza soggettiva degli individui coinvolti. Prendi le cose una boccata alla volta, assapora ogni terpene e preparati ad assaporare l'erba come non hai mai fatto prima. Con il passare del tempo, affinerai il tuo palato e riuscirai ad apprezzare molto di più tutte le varie sfumature aromatiche della tua cannabis, anche nelle sessioni occasionali.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.