Nel corso degli anni la cannabis è stata etichettata nei modi più diversi. Ad essere completamente onesti, alcune di queste rappresentazioni sono vere. Alcune varietà di cannabis possono effettivamente rendere letargici e poco produttivi, ma per ogni vera affermazione sulla cannabis ne esistono altre del tutto infondate. Fumare cannabis è stato considerato per decenni dannoso per la fertilità, un concetto applicato sia agli uomini che alle donne secondo numerosi studi condotti in passato.

In una volta sola questa teoria è stata capovolta. Secondo l'ultima ricerca su quest'argomento, l'uso di marijuana non riduce affatto la fertilità, né nelle donne né negli uomini. Dopo tali rivelazioni così discordanti, potremmo iniziare a dubitare dell'integrità dei precedenti studi e a fantasticare su cos'altro potremmo ancora scoprire sulla cannabis.

PERCHÉ VIENE FATTO SOLO ORA UNO STUDIO SUL TASSO DI CONCEPIMENTO?

Pubblicato sul "The Journal Of Epidemiology and Community Health" (JECH), l'obiettivo di questo studio era quello di valutare nuovamente gli eventuali legami tra l'uso di marijuana e le possibilità di concepire un figlio. La ragione per cui vengono condotti nuovi studi su quest'argomento è la crescente legalizzazione della cannabis in tutto il mondo. Molti Stati americani considerano oggi legale l'uso personale di questa droga. Anche il Canada si sta muovendo verso la legalizzazione su tutto il territorio nazionale, che sarà una realtà entro la fine di quest'anno. Se i precedenti studi su quest'argomento fossero tutti veri, ci troveremmo di fronte ad un vero disastro per i tassi di concepimento.

La marijuana è considerata la droga ricreativa più usata tra le coppie in età riproduttiva. È per questo che Lauren Wise, insegnante di epidemiologia, "pensava fosse arrivato il momento di indagare il legame tra l'uso di cannabis e la fertilità". Con i casi di infertilità che costano al sistema sanitario statunitense oltre 5 miliardi di dollari all'anno, potete capire i motivi di tali preoccupazioni.

Cannabis Per La Fertilità In Coppia

I RISULTATI DELLA RICERCA

Prendendo un campione composto da 4.194 donne di età compresa tra 21 e 45 anni, provenienti da America e Canada, si condusse uno studio della durata di 4 anni. A tutte le candidate che stavano vivendo una relazione stabile fu richiesto di rispondere ad alcune domande di autovalutazione durante quel periodo di tempo. Delle quattromila donne a cui fu richiesto di invitare a partecipare i loro partner maschi, solo 1.125 uomini si resero disponibili allo studio. Queste inchieste di autovalutazione dovevano essere compilate ogni 8 settimane per un anno, fino a quando le candidate non avessero deciso di rinunciare alla gravidanza, non fossero rimaste incinte o non avessero iniziato trattamenti supplementari di fertilità.

I ricercatori dedussero che, sebbene il 12% delle donne e il 14% degli uomini avessero dichiarato il loro uso di marijuana nei due mesi precedenti l'inizio dell'indagine, i risultati emersi durante i 12 cicli per verificare le possibilità di concepimento tra le coppie che avevano e non avevano fatto uso di cannabis erano molto simili.

Questa conclusione non è comunque esente da alcuni importanti avvertimenti. Sebbene abbia contribuito a confutare alcuni studi del passato, non ha ancora dimostrato in modo conclusivo che il fumo della cannabis sia totalmente innocuo per la nostra fertilità. I ricercatori hanno infatti precisato rapidamente che la natura di uno studio condotto online presenta alcune variabili. Può essere difficile quantificare la validità dei dati quando i candidati stanno compilando da soli le informazioni. Inoltre, non si verificò nemmeno se i partecipanti che avevano detto "sì" all'uso della cannabis fossero regolari o solo sporadici nel farlo.

SONO NECESSARI ULTERIORI APPROFONDIMENTI

La considerazione finale è che "futuri studi con dati registrati su base giornaliera riguardo l'uso di marijuana potrebbero aiutarci a distinguere gli effetti acuti da quelli cronici del consumo di cannabis". Dato che c'è ancora molto da imparare sulla cannabis e sull'impatto che può avere sulla nostra fertilità, molte società mediche consigliano di evitare l'uso di questa droga sia alle donne in gravidanza che a quelle che cercano di rimanere incinte. Sembra che non passi giorno senza che una controargomentazione compaia per smentire alcune delle ricerche incriminanti condotte in passato sugli effetti della cannabis. Resta comunque il fatto che, nonostante queste nuove rivelazioni, bisogna approfondire l'argomento, nel bene o nel male.

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out