La coltivazione biologica della cannabis è un processo gratificante il cui risultato finale è un raccolto incontaminato e privo di sostanze chimiche. La coltivazione biologica non va solo a vantaggio dell'agricoltore e delle persone che consumano l'erba, ma è anche molto più benefica per l'ambiente. Una delle maggiori sfide per i coltivatori biologici è il controllo dei parassiti.

Sebbene i pesticidi chimici siano efficaci nel proteggere le colture dalle invasioni degli insetti, scatenano il caos nell'ambiente circostante. È stato infatti scoperto che alcuni pesticidi danneggiano le popolazioni di api e possono essere addirittura collegati ad alcune malattie croniche dell'uomo. I loro residui sono rilevabili sulle colture anche dopo il raccolto, il che significa che i polmoni che entrano in contatto con il fumo di una cannabis non biologica possono contenere queste sostanze chimiche nocive.

Tuttavia, solo perché i coltivatori biologici non usano sostanze chimiche non vuol dire che non abbiano alternative per quanto riguarda la difesa dai parassiti. Un metodo efficace, naturale ed assolutamente affascinante per gestire l'attacco dei parassiti è quello di introdurre insetti benefici nell'ambiente di crescita delle piante. Questo è anche noto come controllo biologico dei parassiti. Diverse specie di insetti predatori si nutrono di alcune delle più comuni famiglie di parassiti della cannabis, e non richiedono molto tempo per ridurne il numero.

Scegliendo insetti a cui viene dato il compito di agire come guardiani delle vostre coltivazioni, aumenterete la biodiversità delle vostre colture, manterrete le vostre piante al sicuro e potrete prevenire ulteriori danni in un ambiente già affaticato e contaminato. Inoltre, osservare questi minuscoli esseri pattugliare foglie e rami in cerca di uno spuntino è alquanto affascinante. Volgete il vostro sguardo altrove e lasciate che la voce di David Attenborough aleggi nella vostra mente!

Sotto, analizzeremo alcuni degli insetti più benefici che potete usare per proteggere il vostro giardino dai parassiti.

I CRISOPIDI TERRANNO LONTANI GLI AFIDI

I crisopidi (Chrysopidae) sono insetti appartenenti all'ordine dei Neurotteri. Queste creature assottigliate e di un colore verde brillante sono dotate di grandi ali, solitamente traslucide e di occhi composti dorati. Possono crescere fino a 1–1,5cm di lunghezza ed il loro periodo di massima attività nell'emisfero settentrionale va da maggio a settembre. Per loro natura, gli esemplari adulti sono notturni e si svegliano dopo il tramonto per nutrirsi principalmente di nettare, polline e melata. Tuttavia, le larve sono molto più feroci e preferiscono alimentarsi di una grande quantità di afidi (da qui il loro soprannome di "leoni degli afidi"). 

Le femmine di crisopide depongono le loro uova in strutture filiformi attaccate alle foglie. Le larve fuoriescono dalle uova e successivamente iniziano a cacciare gli afidi. Alcuni esemplari possono divorare centinaia di questi parassiti in una settimana. Inoltre, dopo aver divorato i fluidi interni degli afidi, le larve di crisopide indossano le carcasse ormai secche come una forma di travestimento, che consente loro di attaccare di nascosto gli ignari afidi e di passare inosservati agli occhi di altri predatori. Sebbene siano piuttosto raccapriccianti, queste piccole larve fanno un ottimo lavoro al momento di ridurre il numero di afidi che, altrimenti, andrebbero ad ostacolare la crescita delle piante, danneggiando le foglie e, potenzialmente, diffondendo fitopatie.

Si è inoltre scoperto che i crisopidi cacciano altri parassiti, come la mosca bianca, le cicaline e le cocciniglie. I coltivatori possono attirare questo insetto benefico nel loro spazio di coltivazione piantando aneto, angelica, camomilla dei tintori, coriandolo ed altre specie vegetali.

I CRISOPIDI TERRANNO LONTANI GLI AFIDI

LE COCCINELLE SONO PREDATORI FORMIDABILI

Le coccinelle sono un'altra specie di insetto con un grande appetito per gli afidi e si nutrono anche di mosca bianca e di dorifora della patata. Queste creature appartengono alla famiglia delle Coccinellidae, hanno dimensioni comprese tra 0,8 e 18mm e possono essere di color rosso, giallo e arancione. Vengono usate in agricoltura per aumentare efficacemente la produttività delle colture, che può essere attribuita alla loro caccia e alla voracità con cui mangiano gli insetti erbivori.

Le coccinelle iniziano precocemente la loro frenetica attività di divorare insetti, arrivando a mangiare centinaia di afidi durante il loro stadio larvale. Una volta raggiunta l'età adulta, le coccinelle possono mangiare circa 50 afidi al giorno e si stima che riescano a divorare fino a 5000 di questi parassiti durante la loro vita. Cacciano anche il ragnetto rosso, una piccola creatura piuttosto pericolosa per le piante di cannabis.

Le coccinelle possono essere introdotte in una piantagione coltivando specie vegetali capaci di attirarle all'interno dell'area interessata. Queste includono aneto, dente di leone, felci, coriandolo e geranio.

LE COCCINELLE SONO PREDATORI FORMIDABILI

MANTIDE RELIGIOSA: L'INSETTO PREDATORE PER ECCELLENZA

La mantide religiosa è un emblematico insetto rinomato per la sua impareggiabile furtività, pazienza e letalità. Vive principalmente nelle regioni tropicali e subtropicali del pianeta, sebbene alcune specie siano presenti in tutte le regioni del mondo. Questi insetti hanno preso il nome dalla particolare posizione delle loro zampe anteriori raptoriali, che ricordano un atteggiamento di preghiera, ma anche per il loro apparente stato di meditazione che assumono quando sono in attesa di colpire la loro preda. Si muovono con estrema intelligenza, imitando i ramoscelli che si muovono nel vento mentre ondeggiano avanti e indietro ad ogni passo. Tuttavia, al momento più opportuno, sanno come colpire con rapidità per afferrare la loro preda.

Le mantidi predano principalmente gli invertebrati, come ragni, calabroni e formiche, ma sorprendentemente sono anche conosciute per attaccare e mangiare alcuni vertebrati, come rane, lucertole e persino uccelli. Le mantidi sono predatori generalisti e per soddisfare i propri bisogni di carne si nutrono di quasi tutti gli insetti che incontrano. Questa è sicuramente una buona notizia quando si tratta di parassiti, ma significa anche che attaccano le altre specie benefiche.

Se le mantidi sono adatte al clima in cui state coltivando, possono essere attratte nelle vostre colture piantando alcune specie vegetali appartenenti alla famiglia delle rose e dei lamponi.

MANTIDE RELIGIOSA: L'INSETTO PREDATORE PER ECCELLENZA

USARE GLI ACARI PREDATORI PER FAR FRONTE ALLE INFESTAZIONI DI RAGNETTO ROSSO

Come accennato in precedenza, il ragnetto rosso ha un appetito vorace per le piante di cannabis. Queste minuscole creature appartengono alla famiglia dei Tetranychidae e risiedono sul lato inferiore delle foglie, dove costruiscono fitte ragnatele di seta e si nutrono della linfa delle piante. I primi indizi di un'infestazione da ragnetto rosso includono piccoli segni di morso sulle foglie, ragnatele su fiori e foglie e piccole uova sotto le foglie.

Fortunatamente, il ragnetto rosso può essere combattuto con l'acaro predatore Phytoseiulus persimilis, un efficace insetto alleato. Gli acari predatori sono piccole creature che non superano i 0,5mm di lunghezza e sfoggiano colori arancioni e rossastri. Questi acari consumano tra i 5 e i 20 ragnetti rossi al giorno e si riproducono molto più velocemente delle loro prede. Grazie alla loro efficienza al momento di cacciare, possono facilmente portare all'estinzione un'intera infestazione di ragnetto rosso.

La ricerca scientifica ha dimostrato che la menta è efficace nell'attirare gli acari predatori.

USARE GLI ACARI PREDATORI PER FAR FRONTE ALLE INFESTAZIONI DI RAGNETTO ROSSO

USARE LE CIMICI ASSASSINE PER PATTUGLIARE LE CHIOME DELLE PIANTE

Le cimici assassine sono predatori dotati di specifiche caratteristiche che consentono loro di rilevare, inseguire ed eliminare le prede. Queste loro caratteristiche sono una proboscide affilata e penetrante, zampe lunghe ed occhi rotondi. Sono considerate importanti predatori nelle colture, dove aiutano a mantenere sotto controllo le colonie di afidi, cicaline e criocera. Sono anche conosciute per cacciare e divorare i bruchi. Le cimici assassine usano una tattica simile a quella delle mantidi per cacciare le loro prede: la pazienza. Inseguono silenziosamente le loro vittime o aspettano il momento giusto per attaccare, usando l'apparato con cui si alimentano per perforare la loro preda ed iniettare nel loro corpo una tossina mortale.

Le cimici assassine sono attratte da alcune specie vegetali come ortaggi e piante da fiore. Usate la consociazione di piante per aumentare la biodiversità delle vostre colture e sarete certi di ospitare in poco tempo queste piccole creature.

USARE LE CIMICI ASSASSINE PER PATTUGLIARE LE CHIOME DELLE PIANTE

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.