Alcuni studi passati hanno mostrato che le coppie sposate che abusano nel consumo di alcol o altre sostanze hanno un rischio di divorzio più elevato - una delle principali ragioni è che l'abuso di tali sostanze provoca VD. VD sta per violenza domestica e comprende ogni atto di aggressione fisica come schiaffi, soffocamento, percosse, ecc.. Tuttavia, un recente studio pubblicato nel giornale Psychology And Addictive Behaviour indica che le coppie che consumano cannabis si comportano in modo opposto, e sono meno propense a compiere atti di violenza domestica.

LA RICERCA

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università di Yale, Rutgers e Università di Buffalo. Gli scienziati hanno reclutato 634 coppie di volontari in un periodo di tre anni, dal 1996 al 1999, che stavano facendo domanda per ottenere la licenza matrimoniale nello Stato di New York. Le coppie dovevano partecipare ad un colloquio preliminare, dopodiché venivano monitorate per nove anni attraverso questionari spediti via email. I questionari via email erano sondaggi che valutavano la frequenza di utilizzo di cannabis o altre sostanze da parte della coppia, e quanto spesso gli sposi avevano commesso atti di violenza nell'anno trascorso.

Lo studio ha concluso che se uno dei coniugi usava cannabis più spesso, il coinvolgimento in atti di violenza domestica da parte di entrambi i coniugi risultava minore.
Le coppie con il rischio di violenza domestica più basso erano quelle in cui entrambi i partner avevano consumato cannabis frequentemente. Il capo della ricerca Kenneth Leonard ha aggiunto che i risultati di questo studio si riferiscono ad un periodo di un anno, pertanto lo studio non esamina gli effetti della cannabis sulla violenza domestica in un determinato giorno.

LE IMPLICAZIONI

Tali scoperte probabilmente non sorprenderanno il consumatore di cannabis medio, dato che la cannabis è usata principalmente per rilassarsi e allentare la tensione. Tuttavia, è risaputo che alcol e altre sostanze causano violenza domestica, per questo i ricercatori avevano ipotizzato che la cannabis potesse avere lo stesso effetto.
Questo ultimo studio ha dimostrato che tale ipotesi è errata.

Il Sig. Leonard suggerisce che i coniugi che consumano cannabis insieme condividano anche valori e cerchie sociali simili, il che riduce le possibilità di conflitto.
Gli autori sottolineano che un'altra ragione potrebbe essere che l'uso frequente di cannabis mitiga le reazioni emotive, riducendo il comportamento aggressivo. Risultati a parte, nel 2013 l'US National Institute on Drug Abuse ha stanziato quasi 2 milioni di dollari per uno studio della durata di quattro anni per valutare se il consumo di cannabis possa provocare un comportamento aggressivo nei confronti del partner. Questa e altre ricerche approfondiranno, si spera, la nostra conoscenza sull'impatto della cannabis sulle nostre vite quotidiane e sulla psiche.

È bene notare che gli autori della ricerca dovrebbero essere elogiati per aver analizzato tali risultati, dato che in altre epoche tali studi spesso non venivano presi in considerazione a causa dell'allora vigente legislazione sulla cannabis. Per fortuna viviamo in tempi emozionanti, in cui la scienza è davvero d'aiuto.

 

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out