Con il termine artrite viene indicato qualsiasi disturbo che colpisce le articolazioni, con dolore, rigidità, gonfiore e mobilità ridotta. È la causa più comune di disabilità e non esiste alcuna cura. La cannabis sta guadagnando popolarità come trattamento tra i pazienti con artrite perché può ridurre dolore e gonfiore, e sia il THC che il CBD vengono sottoposti a esami di laboratorio e sperimentazione clinica da alcuni anni.

COS'È L'ARTRITE

La forme più comune è l'osteoartrosi, una malattia degenerativa che di solito si verifica con l'età, e l'artrite reumatoide, che è una malattia autoimmune. Altri tipi di malattie reumatiche sono la gotta, il lupus, la fibromialgia e l'artrite settica. Il dolore è un sintomo comune in tutti i tipi di artrite, mentre la mobilità ridotta può portare ad altri effetti collaterali. In aggiunta a terapia fisica, esercizio fisico e controllo del peso, alcuni farmaci possono ridurre l'infiammazione e il dolore. Moltissimi pazienti diventano dipendenti dagli antidolorifici, e molti di loro muoiono a causa dell'azione soppressiva degli oppiacei sul sistema nervoso centrale. In USA e in altri Paesi, è in corso una epidemia da antidolorifici a causa di pazienti che cercano di alleviare l'artrite e i sintomi di altri disturbi. Negli Stati in cui la cannabis è legale e molte persone stanno consumando i derivati della cannabis invece degli antidolorifici, le morti per uso medico di oppiacei sono diminuite del 25 per cento.

LA CANNABIS VIENE TESTATA IN LABORATORIO PER I SUOI EFFETTI CONTRO L'ARTRITE

Alcune prove ottenute dalle ricerche di laboratorio e dalla sperimentazione umana suggeriscono che il THC, il CBD e l'intero fitocomplesso della cannabis svolgono una azione terapeutica nel trattamento del dolore cronico e dell'infiammazione. Un importante indizio dalla ricerca scientifica su cannabis e dolore è scaturito da questo studio del 2007. Qui i ricercatori indicano che i nostri nervi incaricati di trasportare i segnali di dolore dalle articolazioni al cervello sono pieni di recettori dei cannabinoidi. Lo studio conclude osservando che i recettori CB1 periferici potrebbero essere elementi importanti nel controllo del dolore nell'osteoartrite.

Man mano che la ricerca va avanti, il sistema dei recettori dei cannabinoidi sugli animali sta attirando sempre più attenzione come obiettivo terapeutico per il trattamento del dolore e dell'infiammazione associata all'artrite reumatoide e all'osteoartrite, come confermato da questo studio del 2008. Seguendo lo stesso percorso, nel 2014 questo altro studio ha analizzato il coinvolgimento del sistema endocannabinoide nel dolore causato da osteoartrite.

Un intero ramo di ricerca sta oggi osservando il CBD per studiare la sua efficacia come agente anti-artrite senza gli effetti psicotropi del THC. Uno dei primi studi sull'azione del CBD ha suggerito una possibile assunzione orale di CBD come sostanza anti-artrite, mentre uno studio più recente conclude che un cannabinoide sintetico derivato dal CBD rappresenta un potenziale nuovo farmaco per l'artrite reumatoide e altre malattie infiammatorie. Il recettore CB2 regola anche la sensibilizzazione centrale e le risposte al dolore associate con osteoartrosi del ginocchio, secondo questa ricerca del 2013.

È infine opportuno ricordare che il farmaco a base di cannabis Sativex, sviluppato dalla GW Pharmaceuticals, ha mostrato un significativo effetto analgesico nel trattamento del dolore causato da artrite reumatoide e ha causato una significativa soppressione dell'attività della malattia.

artrite cbd studi effecto analgesico dolore reumatoide cannabis

PERCHÉ NON USARE CANNABIS AL POSTO DEGLI ANTIDOLORIFICI?

Dopo gli studi citati sta emergendo un consenso scientifico, e altre ricerche hanno dimostrato che l'azione anti-infiammatoria dei due cannabinoidi principali può rallentare in modo efficace l'artrite e mitigare i suoi sintomi. Un numero crescente di prove di ricerca identifica i cannabinoidi come possibili trattamenti per l'artrite, ma la stragrande maggioranza dei medici specialisti e dei familiari non è a conoscenza di questa potenzialità. La mancanza di indicazioni ufficiali e di specifici protocolli di trattamento impedisce al personale sanitario di provare a curare i pazienti con la cannabis. Sono necessari metodi, composizioni e dosaggi collaudati per rassicurare la medicina tradizionale sull'efficacia della cannabis contro l'artrite. È una necessità abbastanza urgente dal momento che l'utilizzo di oppiacei e altri antidolorifici ha raggiunto proporzioni preoccupanti.

OLI, SPRAY O APPLICAZIONI TOPICHE?

Oggi, in base alle leggi locali, è disponibile una gamma di prodotti affidabili contenenti cannabinoidi progettati per la salute umana. I metodi di assunzione e le dosi non sono ancora pienamente determinati, anche perché nell'ambito della fitoterapia e della riduzione del dolore gli effetti possono variare da paziente a paziente. I prodotti commestibili alla cannabis, gli oli o gli estratti per via inalatoria possono contribuire ad alleviare diversi tipi di dolore, ma gli infusi di cannabis per applicazione locale sono probabilmente il trattamento più comune con i cannabinoidi per i dolori articolari.

Balsami e creme permettono ai pazienti di trattare solo le zone doloranti e saturare i recettori dei cannabinoidi locali con fitocannabinoidi. Secondo l'esperienza della maggior parte delle persone, questi prodotti aiutano quasi istantaneamente ad alleviare il dolore. Le ultime ricerche indicano anche che CBD e THC possono parzialmente riparare le articolazioni già danneggiate. Gli effetti delle applicazioni topiche dei derivati della cannabis sulle parti colpite da artrite reumatoide sono stati recentemente analizzati in uno studio dal titolo "Il cannabidiolo per via transdermica riduce l'infiammazione e le risposte al dolore in un modello di artrite nei ratti". Questa ricerca del 2016 indica che l'applicazione topica del CBD in effetti allevia i dolori dell'artrite e l'infiammazione senza causare effetti negativi evidenti.

Data la quantità di dati positivi accumulati in pochi anni, è probabile che un giorno verrà sviluppato un trattamento alla cannabis contro l'artrite. In attesa di ulteriori ricerche, perché non provare un balsamo alla cannabis o, meglio ancora, creare un proprio rimedio naturale per l'artrite? Ecco come preparare un potente balsamo alla cannabis usando gemme ricche di resina.

 

 

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out