Le piante di cannabis amano luci grandi e ad alta potenza e ti ringraziano per l'aumento dei lumen con cime più grandi ed appiccicose e livelli di THC più alti. Sfortunatamente, quella luce non è così buona per l'occhio umano. 

Diamo un'occhiata a come i diversi tipi di luci per la coltivazione possono influenzare i tuoi occhi e quali misure puoi adottare per proteggere la tua vista.

PERCHÉ DOVREI PREOCCUPARMI DEI DANNI AGLI OCCHI?

Trascorrere troppo tempo sotto le luci della tua coltivazione potrebbe provocarti mal di testa o far apparire delle macchie visive. Probabilmente, ogni tanto ti farà sentire persino un po' stordito. Se sei come la maggior parte delle persone, non gli darai troppo peso fintanto che ti sentirai bene poco dopo. 

Sfortunatamente, il danno causato ai tuoi occhi dalle luci intense è cumulativo e potrebbe non essere percepibile per 15 anni o più. Nel momento in cui è possibile rilevare i cambiamenti della vista, potrebbe essere troppo tardi. Di solito, la degenerazione maculare e la cataratta non vengono diagnosticate fino a quando la maggior parte dei pazienti ha superato i 50 anni. 

In altri casi, potresti non dover aspettare molto a lungo per scoprire che hai danneggiato permanentemente i tuoi occhi. Fissare una lampada di coltivazione non è tanto differente dal fissare il sole. I danni irreversibili alla retina possono verificarsi dopo soli 100 secondi di esposizione diretta alla luce solare. 

La maggior parte delle persone non sta in piedi a fissare direttamente una lampada di coltivazione, esattamente come non farebbero con quella del sole. Tuttavia, capita tutte le volte di fissare un tramonto ed è simile ad osservare la parte superiore della coltivazione delle pianta. In entrambi i casi la luce ultravioletta (UV) viene dispersa, quindi non provoca lo stesso tipo di danno immediato di quando si fissa il sole. Tuttavia, i nostri occhi guardano spesso verso quella direzione per un periodo di tempo più prolungato e si può presentare lo stesso tipo di danno. 

PERCHÉ DOVREI PREOCCUPARMI DEI DANNI AGLI OCCHI?

LAMPADE AD ALOGENURI METALLICI (MH)

Nessuna altra luce, nemmeno la luce del sole, mette in mostra la bellezza naturale di una pianta di cannabis come una lampada MH. Sembra chiara ad occhio nudo e fa scoppiare i colori, anche quando la pianta è ancora in fase vegetativa. Tuttavia, i coltivatori non usano le lampade ad alogenuri metallici perché sono belle: la maggior parte le utilizza perché producono la luce UV che fa sì che i fiori di cannabis formino tricomi extra.

Tuttavia, i raggi UV sono terribili per i tuoi occhi. Ogni giorno, gli esseri umani hanno bisogno di un po' di luce UV in modo che i nostri corpi possano produrre la vitamina D, ma troppa non porta solamente il cancro della pelle: è la causa principale di degenerazione maculare e cataratta.

LAMPADE AL SODIO AD ALTA PRESSIONE (HPS)

Per anni, le lampade HPS per la coltivazione erano lo standard per i coltivatori indoor di grandi dimensioni. Coltivare sotto queste lampade è molto efficiente e in media produce più cime per watt rispetto a qualsiasi altro tipo di luce. Le tue piante di cannabis non appariranno così belle sotto queste lampade perché avranno un bagliore forte e giallastro. I cambiamenti di colore rendono anche difficile individuare le carenze nutrizionali o altri problemi. I coltivatori continuano ad utilizzare queste lampade perché nulla è paragonabile quando si tratta di formare cime dense e compatte. 

La luce gialla prodotta dalle lampade HPS è perfetta per il periodo di fioritura, perché fa bene alla fotosintesi. Tuttavia, l'occhio umano non elabora questa luce molto bene. Mentre lavori sotto queste lampade, i tuoi occhi non focalizzeranno correttamente. Ciò non significa solamente che i nostri occhi assorbono troppa luce, ma può anche causare mal di testa, vertigini e problemi alla vista a breve e lungo termine. 

Anche se le luci HPS non emettono tanti raggi UV quanto quelli delle luci MH, ne creano abbastanza da causare danni agli occhi dopo un'esposizione prolungata.

 

LAMPADE DI COLTIVAZIONE A DIODO A EMISSIONE DI LUCE (LED)

Le lampade a LED hanno lo spettro blu per la fase vegetativa e lo spettro rosso per la fioritura e le luci più recenti a spettro completo, possono essere utilizzate durante tutte le fasi di crescita. Emettono un bagliore rosa-porpora che conferisce alle tue piante un aspetto artificiale e non generano tanto calore quanto le luci MH o HPS. Questo dà al coltivatore una falsa impressione che queste luci siano più sicure per l'occhio umano. 

Questo tipo di lampada è un altra grande produttrice di raggi UV. I LED non emettono solo raggi UV-A e UV-B, ma generano anche luce UV-C. Nel mondo naturale, tutta la luce UV-C viene assorbita dall'atmosfera terrestre, quindi non veniamo mai esposti ad essa. Questi raggi sono particolarmente dannosi per i nostri occhi e la nostra pelle. 

4 MODI PER PROTEGGERE GLI OCCHI DAL DANNO DELLA LUCE

INDOSSARE OCCHIALI SPECIALI

Acquista occhiali specializzati che proteggeranno i tuoi occhi da tutte le forme di luce UV. Dovrebbero anche correggere lo spettro luminoso creato da queste lampade intense, in modo da poter vedere chiaramente quando ti prendi cura delle tue piante. 

Gli occhiali da sole normali non sono sufficienti e nemmeno gli occhiali HPS che correggono lo spettro giallo. Invece, acquista occhiali fatti appositamente per i coltivatori indoor. 

SPEGNI LE LUCI

Se spegni le luci ad alta intensità mentre ti prendi cura delle tue piante, salverà gli occhi sia dalla tensione a breve termine che dai danni a lungo termine. Se hai bisogno di luce supplementare per lavorare, appendi una lampada normale che puoi accendere e spegnere mentre entri ed esci dalla stanza. 

MUOVI LE PIANTE

Se usi un box per la coltivazione, estrai ogni pianta, occupatene, poi rimettile nel box. Ciò salverà i tuoi occhi e ti permetterà di ispezionare da vicino le tue piante. È troppo difficile da fare con un sistema ScrOG, ma funzionerà con qualsiasi altra tecnica. Se coltivi in vasi grandi che sono pesanti da spostare, utilizza un sottovaso con le ruote. 

Spostare le piante dalla tenda per annaffiarle e curarle ha anche altri vantaggi: ridurrà al minimo i versamenti e ridurrà l'umidità in eccesso all'interno del box. 

INDOSSARE OCCHIALI SPECIALI

CONSULTA IL TUO OCULISTA

Infine, consulta il tuo oculista almeno una volta all'anno. Se ti senti a tuo agio nel farlo, digli che stai esponendo regolarmente i tuoi occhi a luci di coltivazione. Sara in grado di monitorare i cambiamenti della vista e di sottoporti a screening per la degenerazione maculare, la cataratta e altri tipi di danni agli occhi, in modo da poterti sottoporre ad opzioni di trattamento precoce se disponibili. 

RIEPILOGO: PROTEGGERE I TUOI OCCHI NELLA STANZA DI COLTIVAZIONE

Di tutti i nostri sensi, la vista è quella a cui attribuiamo un valore maggiore. Prendendo le giuste precauzioni, potrai proteggere gli occhi dai danni permanenti mentre coltivi in casa piante di cannabis grandi e belle. La combinazione di una varietà di misure di sicurezza con esami regolari della vista offre il livello massimo di protezione.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.