Trova la tua varietà ideale con il nostro Seedfinder

By Luke Sumpter


Il vento è un agente atmosferico nemico-amico. Un buon ricircolo d'aria è molto vantaggioso per le piante di cannabis. Infatti, favorisce un continuo ricambio di gas negli stomi delle foglie. Inoltre, una brezza costante può far ondeggiare i rami, piegandoli. Ciò può causare micro-lesioni benefiche negli steli e i fusti. La pianta reagisce a questi fattori esterni crescendo in modo più vigoroso, e diventando più robusta grazie allo sviluppo di tessuti di consolidamento.

Ad ogni modo, se la pianta di cannabis viene sottoposta a vento forte, tempeste e burrasche, può danneggiarsi gravemente. Gli esemplari possono essere sradicati dal vento o collassare a terra completamente. I rami possono rompersi, e gli steli strapparsi dalla pianta. Il vento può ridurre a brandelli le foglie e danneggiare irrimediabilmente le cime centrali in piena fioritura.

Il vento fa male alle piante di cannabis? No, ma quando soffia con troppa insistenza può causare seri problemi. Non solo le forti raffiche possono spezzare i rami e danneggiare le foglie, ma il vento costante può “bruciare” il tessuto vegetale. Le bruciature da vento sono causate da un flusso d'aria eccessivo che aumenta i tassi di traspirazione delle piante, provocando una perdita d’acqua indesiderata. Questo si traduce in una perdita di turgore che porta inevitabilmente a foglie avvizzite ed accartocciate.

Proteggere e rinforzare le piante da questo agente atmosferico insidioso è molto semplice e non richiede una spesa eccessiva. Quando si coltiva cannabis, è sempre saggio prepararsi al peggio e sperare di ottenere i migliori risultati. Seguendo questi semplici consigli potrete riparare le vostre piante da qualsiasi tipo di vento, tranne ovviamente tornado e cicloni.

Sintomi da bruciatura da vento nella cannabis

Che aspetto ha esattamente una bruciatura da vento? Che si tratti di un ventilatore troppo potente in una coltura indoor o di forti raffiche di vento in una coltura outdoor, le piante di marijuana possono mostrare diversi sintomi di questo fenomeno. I principali sintomi della bruciatura da vento nelle piante di cannabis includono:

  • Foglie ad artiglio
  • Crescita stentata
  • Cime più piccole e rese scarse
  • Macchie gialle, marroni e color ruggine sulle foglie

Esaminando le parti della pianta danneggiate, possiamo differenziare la bruciatura da vento dai problemi di irrigazione e dalla tossicità dell’azoto. Se le foglie vicino al ventilatore risultano danneggiate, mentre quelle più lontane non lo sono, siete di fronte ad una bruciatura da vento.

Sintomi da bruciatura da vento nella cannabis

Una pianta di cannabis può riprendersi da una bruciatura da vento?

Dipende dalla gravità della situazione. Le piante coltivate indoor possono riprendersi con maggiore facilità, in quanto si ha il pieno controllo sulle condizioni ambientali. Se notate abbastanza presto i sintomi, potete apportare le modifiche descritte più avanti per risolverli. Le piante cercheranno di salvare le foglie danneggiate deviando verso di loro le sostanze nutritive. Tuttavia, dovrete defogliare quelle ormai irreparabili. Le cose si fanno un po’ più complicate nelle colture outdoor, ma ci sono comunque diversi modi per intervenire efficacemente.

Le piante di cannabis che verranno trascurate e continueranno a crescere in condizioni sfavorevoli, alla fine appassiranno e moriranno a causa delle bruciature da vento. Lo noterete perché perderanno gradualmente il loro turgore vitale.

Come proteggere le piante di cannabis dalle bruciature da vento

Cercate di prevenire le bruciature da vento piuttosto di dover risolvere i danni in un secondo momento! Qui di seguito vi elenchiamo alcuni metodi per prevenire e porre rimedio ai danni dovuti al vento, sia indoor che outdoor.

  • Come prevenire le bruciature da vento nelle colture indoor

Usate questi semplici consigli per prevenire le bruciature da vento nelle colture di cannabis indoor:

Posizionamento dei ventilatori Posizionate i vostri ventilatori alle estremità opposte del vostro armadio di coltivazione, puntando verso la parete. Ciò contribuirà a far circolare l’aria senza dirigere l’aria direttamente verso le piante.
Ventilatori oscillanti Questi ventilatori si muovono da un lato all’altro. Potete posizionarli di fronte alle piante, ad una distanza adeguata, senza il rischio che un flusso d’aria costante causi danni da vento.
Come prevenire le bruciature da vento nelle colture indoor
  • Come risolvere le bruciature da vento nelle colture indoor

Se non avete preso delle misure preventive (adesso lo sapete per la prossima volta), usate questi metodi per salvare le piante di cannabis:

Riposizionate i ventilatori Spostate i ventilatori lontano dalle chiome e girateli verso le pareti dell’armadio di coltivazione.
Riducete la potenza dei ventilatori Le vostre piante non devono per forza sentirsi in balia di una tempesta simulata. Se notate segni di bruciatura da vento, riducete la potenza del ventilatore.
Defogliazione Tagliate le foglie danneggiate per aiutare le piante a riprendersi più velocemente e ad indirizzare risorse preziose verso una nuova crescita di foglie e rami sani e forti.

  • Come prevenire le bruciature da vento nelle colture outdoor

In genere è sconsigliabile legare le piante in modo rigido, in qualsiasi modo. Un certo grado di flessibilità permetterà alla pianta di muoversi e ondeggiare in modo naturale. In questo modo eviterete, ad esempio, che i paletti di supporto vengano estirpati, o che le recinzioni vengano spazzate via dal vento, insieme alla vostra cannabis.

Nelle coltivazioni outdoor si ha molto meno controllo sull’ambiente, ma ci sono diverse cose che potete fare per prevenire le bruciature dovute al vento:

Serre Se ne avete la possibilità, questi ambienti di coltivazione offrono tutti i vantaggi della coltivazione outdoor, ma con un livello di protezione in più.
Trovate un posto riparato Iniziate la vostra coltivazione in una zona ben riparata del vostro giardino, circondata da siepi, alberi e piante più alte. L’importante è sapere quale esposizione avranno. In genere, le colture esposte a sud crescono meglio.
Usate dei tralicci I tralicci e i tutori per piante funzionano bene per proteggere le piante di cannabis dai forti venti. Non avranno un effetto diretto sulla bruciatura da vento, ma aiuteranno a prevenire la rottura dei rami.
Cimare e potare le piante Cimate e potate le vostre piante coltivate outdoor per abbassare la chioma e creare una forma più protettiva.

  • Come risolvere le bruciature da vento nelle colture outdoor

Le bruciature da vento hanno avuto la meglio sulle vostre colture outdoor? Usate queste tecniche per risolvere la situazione:

Spostate le piante Se state coltivando in vaso, riposizionate semplicemente le piante in un luogo più riparato fino a quando le condizioni non miglioreranno.
Usate dei frangivento Se le vostre piante stanno crescendo direttamente in terra, posizionate un frangivento temporaneo nelle giornate meno favorevoli per prevenire ulteriori danni.
Defogliazione Tagliate via le foglie danneggiate e deformate per aiutare le piante a riprendersi dal trauma.
Come risolvere le bruciature da vento nelle colture outdoor

Cosa fare se un ramo si rompe?

La bruciatura da vento non è affatto piacevole, ma i rami rotti hanno una prognosi molto più grave. Sebbene si tratti di un grave infortunio, le piante di cannabis hanno un’impressionante capacità di recupero. Sappiate che, se agite con prontezza, potete riparare facilmente un ramo rotto.