USA DAYS — Fino al 50% di sconto su varietà USA Acquista Ora

By Luke Sumpter


Immagina di entrare in un bar, ma invece di ordinare un bicchiere di birra, potrai sfogliare un menu ricco di diverse varietà di cannabis. Se hai mai visitato i coffeeshop olandesi, allora avrai provato quell'esperienza. Appena oltre l'Atlantico, negli Stati Uniti, milioni di persone vivono un'esperienza simile quando si recano nei dispensari. I clienti hanno un’ottima scelta quando si tratta di varietà e tipi di cannabis (cime, estratti, edibili, ecc.) e sono i budtender che fanno funzionare questo sistema.

Scopri di seguito tutto ciò che bisogna sapere su questo lavoro. Se stai pensando di intraprendere questo ruolo, otterrai un vantaggio iniziale e scoprirai esattamente cosa bisogna sapere prima di fare il grande passo.

Che cos'è un budtender?

Come combinazione di “bud” (cima) e “bartender”, la parola “budtender” si riferisce ad un lavoratore di un dispensario o negozio di cannabis incaricato di servire i clienti da dietro un bar o alla cassa. I dipendenti che ricoprono questa posizione fungono da ponte tra i clienti e i numerosi prodotti a base di cannabis offerti. Ma i budtender non sono semplici lavoratori che riempiono gli scaffali dei negozi. A seconda della loro formazione, alcuni di loro sono gli esperti di cannabis più informati che potrai incontrare.

I budtender vengono bombardati da domande ogni singolo giorno. Oltre a fare l'inventario e ad adempiere ad altri compiti nei punti vendita, molti budtender dovrebbero rispondere a domande, dare raccomandazioni e persino istruire i clienti sulla complessa scienza della cannabis, dei cannabinoidi, dei terpeni e del sistema endocannabinoide.

I budtender sono importanti per il fatto ovvio che servono cannabis alle persone. Ma aiutano anche i clienti a prendere decisioni informate e trovare prodotti che soddisfino veramente le loro esigenze e preferenze. Anche i consumatori di cannabis esperti non hanno sempre una piena comprensione su come la cannabis agisca nel loro organismo ed i principianti assoluti raramente distinguono il THC dal CBD. I budtender sono lì per aiutare i consumatori di tutti i livelli di esperienza a conoscere l'erba ad un livello più profondo e significativo.

In media, negli Stati Uniti i budtender vengono pagati 14,52 dollari l'ora per questo lavoro, ma ricevono anche alcuni vantaggi aggiuntivi, come l'assicurazione dentale. Inoltre, il loro salario varia a seconda della regione. In California, i budtender ricevono una media di $17,64 l'ora, superiore alla media dell'Oregon di $14,17.

Come diventare un budtender

Allora, vuoi diventare un budtender? Sfortunatamente, non ci sono molte di queste posizioni disponibili al di fuori del Nord America. Tuttavia, se vivi in Canada o negli Stati Uniti (o hai l'opportunità di lavorare lì) allora sarai più fortunato.

Ma non puoi aspettarti di iniziare subito senza alcuna conoscenza della cannabis. Questo lavoro comporterà molto di più che raccogliere delle semplici cime. Avrai bisogno di una buona conoscenza della scienza della cannabis e di come l'erba agisce nel corpo. Dovresti anche avere esperienza con molte varietà differenti in modo da poter dare consigli preziosi in prima persona. Continua a leggere per scoprire cosa bisogna sapere e i limiti di questa professione.

  • Hai abbastanza curiosità?

Per iniziare, avrai bisogno di una curiosità innata per la pianta di cannabis. Dovrai anche rimanere al passo con la scienza per fornire il miglior servizio possibile. I clienti ti considereranno un esperto nel campo. Anche se all'inizio avrai un senso di “sindrome dell'impostore”, acquisirai rapidamente una comprensione approfondita di tutto ciò che bisogna sapere.

Diventare un Budtender
  • Amico, la scienza non sarà abbastanza

Conosciamo tutti quella persona che si considera un professore della cannabis. Ma c'è un enorme divario tra la scienza e i fatti. La maggior parte della cultura pop della cannabis dipinge un'immagine eccessivamente semplificata e talvolta perpetua della disinformazione. Alcuni budtender scelgono la strada facile ed assecondano queste nozioni semplificate. Tuttavia, i migliori budtender fanno di tutto per ottenere una vera comprensione. Ti invitiamo ad approfondire gli argomenti seguenti per portare le tue conoscenze ad un livello più avanzato:

⇢ L'effetto entourage: Questa teoria afferma che i diversi composti presenti all'interno della cannabis si sinergizzino per creare effetti più pronunciati. Ad esempio, le prime ricerche mostrano che gli effetti di alcuni cannabinoidi, come THC e CBD, vengono amplificati dai terpeni (le molecole che sono alla base degli aromi e degli effetti della cannabis). I terpeni svolgono sicuramente un ruolo importante nello sballo della cannabis e ora stanno ottenendo un vero riconoscimento. Tuttavia, gran parte della ricerca sull'effetto entourage rimane inconcludente e deriva da studi sulle cellule. Dai un’occhiata alla ricerca[1], comprendi che combinazioni diverse funzionano meglio per persone diverse e cerca di evitare di parlare in termini assoluti su questo argomento.

⇢ Le “varietà” non sono così importanti: Per i nuovi consumatori di cannabis, le varietà sembrano un modo sensato e scientifico per navigare tra tutte le scelte disponibili. Alcuni varietà offrono uno sballo mentale, altre uno sballo fisico ed alcune si trovano nel mezzo. Tuttavia, si dà il caso che il sistema di classificazione delle varietà non sia così affidabile. Due cime che condividono lo stesso nome e che si trovano in dispensari diversi possono avere profili chimici molto differenti. Inoltre, i nomi delle varietà tendono ad essere alimentati maggiormente dal marketing rispetto al profilo chimico e non danno vere informazioni riguardo al prodotto che si sta acquistando. Alcuni dispensari all'avanguardia si sono spostati verso la nozione più affidabile di chemovar e chemiotipo, la quale descrive il profilo chimico di una varietà in modo più accurato. Consigliamo di apprendere le basi di questo sistema di classificazione.

⇢ Il sistema endocannabinoide: Non solo devi sapere molto sull'erba stessa, ma anche su come funziona nel corpo. Il sistema endocannabinoide gioca un ruolo chiave nel modo in cui i cannabinoidi, e persino i terpeni, influenzano la fisiologia umana. Una volta che hai rispolverato i tuoi recettori, endocannabinoidi ed enzimi, prova a trovare un modo semplice per illustrarli ai tuoi clienti curiosi. Quindi, se sei a tuo agio con ciò che hai imparato, considera di approfondire l’endocannabinoidoma[2] per una comprensione ancora più profonda.

  • I budtender non sono medici

Come budtender in un dispensario di cannabis medica—o in un negozio ibrido ricreativo-medico—trascorrerai molto tempo a trattare con pazienti di marijuana medica in cerca di sollievo. Potrebbe essere allettante dare suggerimenti e dare consigli che vanno oltre la portata della tua posizione. Ricorda, questi clienti sono già nelle mani di professionisti medici e uscire troppo dalla tua corsia potrebbe mettere te e il tuo dispensario in un sacco di guai.

  • Servizio clienti di prima qualità

Puoi avere tutte le conoscenze del mondo, ma non puoi avere un impatto positivo sui consumatori senza un servizio clienti di prima qualità. Ciò include entrare in contatto con le persone in modo autentico, non essere invadenti, ascoltare ciò che hanno da dire ed identificare i loro bisogni. Molti consumatori principianti di cannabis avranno bisogno di consigli su diverse vie di somministrazione, dosaggio e da dove iniziare.

  • Conoscere le leggi e le normative in modo dettagliato

I dispensari sono strettamente regolamentati. I clienti sono soggetti a limiti di acquisto e i prodotti devono essere sigillati in un imballaggio a prova di bambino prima di lasciare l'edificio. Il tuo dispensario ha il dovere di istruirti in quest'area, ma dopo la responsabilità è parzialmente tua. Sfortunatamente, l'industria della cannabis è soggetta a normative ancora più rigorose dell'alcol, specialmente in alcuni Stati americani, quindi qualsiasi inosservanza potrebbe farti perdere il lavoro.

Diventare un Budtender

Domande comuni che vengono poste ai budtender

Sei pronto per iniziare ad inviare il tuo CV e la tua lettera di presentazione a qualche dispensario. Mentre aspetti una risposta, esaminiamo alcune delle domande più comuni che probabilmente ti verranno poste dai clienti:

 Devo fumare la cannabis?: Riceverai questa domanda da molti principianti. Informa i clienti su tutti i diversi modi di consumare cannabis, inclusa la vaporizzazione, l'applicazione sublinguale e orale. Spiega loro i tempi di insorgenza variabili, che l'applicazione sublinguale è super veloce e come l'applicazione orale si traduce in una durata più lunga ed effetti amplificati.

 Quali sono i rapporti THC:CBD?: Spiega ai clienti le principali differenze tra questi due cannabinoidi. Quindi, continua a dipingere un quadro di come vengono ibridate diverse varietà per produrre concentrazioni diverse di ciascun composto. Le varietà ricche di THC si concentrano principalmente sugli effetti psicoattivi, mentre le cultivar ricche di CBD offrono effetti più lucidi. Esistono anche varietà con rapporti equivalenti o variabili di CBD e THC, sfruttando entrambi gli effetti. Vale la pena informare i principianti che la maggior parte delle varietà ricche di CBD non conterrà abbastanza THC per fornire il classico “sballo” della cannabis.

 Qual è la differenza tra sativa e indica?: Per prima cosa, chiedi loro qual è la loro comprensione di questi termini. Molte persone sono arrivate a credere che queste etichette descrivano accuratamente gli effetti di una varietà. Prendi questo momento per incanalare l’educatore che sta in te. Spiegare l'importanza dei terpeni e come il profilo chimico di una varietà, non la morfologia (caratteristiche fisiche), influisca principalmente sugli effetti.

⇢ Quanta devo consumarne?: Ricorda, non sei un medico. Non ci sono linee guida ufficiali per il consumo di cannabis e l'erba colpisce le persone in modo diverso in base a molti fattori, incluso il metabolismo. Detto questo, offrire alcune linee guida generali dovrebbe andare bene. Per andare sul sicuro, consiglia alle persone di iniziare con percorsi di somministrazione ad azione rapida, come la vaporizzazione o il fumo, e istruisci loro a procedere con un tiro alla volta.

Come prepararsi prima di visitare un dispensario

Forse non hai l'ambizione di diventare un budtender. Nessun problema! Può comunque essere d'aiuto sapere cosa ti aspetta quando entri in un dispensario come cliente. Può sembrare strano e persino intimidatorio la prima volta. Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti nel tuo percorso:

  • Fai le tue ricerche: Aiuta sapere una o due cose sulla cannabis prima di entrare. Il motivo? Ti darà un vantaggio. Non tutti i budtender hanno la stessa formazione ed alcuni posti potrebbero provare a consigliare prodotti in base a come stanno vendendo anziché a ciò di cui hai bisogno.
  • Rispetta il personale: Tratta bene il personale e sii educato. È più probabile che i budtender diventino loquaci, piacevolmente informali e amichevoli se ti poni con un atteggiamento aperto, amichevole e curioso. Potresti semplicemente trasformare un breve viaggio al dispensario in una grande esperienza di apprendimento.
  • Rispetta i prodotti: Tratta bene i prodotti. Non vorresti comprare una cima che qualcun altro ha appena toccato, lasciato cadere o infilato il naso dentro. Lascia che il budtender descriva gli aromi e gli effetti, o chiedine un campione da annusare, se possibile.
Diventare un Budtender

Sei un futuro budtender?

L'industria della cannabis rimane relativamente giovane e fresca. Diventare un budtender all'inizio del boom ti preparerà per il successo in futuro. Non solo potrai sperimentare e adattarti al settore mentre si stabilizza, ma potresti ritrovarti a percorrere un percorso professionale che ruota attorno alla cannabis. Imparerai molto sull'erba e lavorare come budtender per un po' ti metterà in una posizione eccellente per espanderti in altri campi del settore, dall'imprenditorialità e crescita commerciale all'istruzione superiore.

External Resources:
  1. Taming THC: potential cannabis synergy and phytocannabinoid-terpenoid entourage effects https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  2. The endocannabinoidome as a substrate for noneuphoric phytocannabinoid action and gut microbiome dysfunction in neuropsychiatric disorders
 https://www.ncbi.nlm.nih.gov
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.