USA DAYS — Fino al 50% di sconto su varietà USA Acquista Ora

By Luke Sumpter


Cosa sono le varietà? Da dove arriva la cannabis? In che modo gli allevatori hanno trasformato una pianta selvatica in migliaia di varietà diverse? Quali sono le principali famiglie di varietà d’erba?

Continua a leggere per scoprire la risposta a tutte queste domande e approfondire la tua comprensione su questa pianta complessa.

Cosa sono le varietà d’erba?

Anche se non hai mai fumato erba, probabilmente ti sarai imbattuto nella parola “varietà” leggendo praticamente qualsiasi cosa sulla cannabis. Questa parola è onnipresente e la troverai in articoli e confezioni di prodotti a base di erba nei dispensari, coffeeshop e seed bank.

A prima vista, il termine descrive semplicemente un tipo specifico di cannabis: ce ne sono migliaia disponibili e quasi tutti hanno un nome memorabile (per lo più basato sul loro lignaggio) come Royal Gorilla e Cookies Gelato.

  • Il problema del termine “varietà”

Non si può negare che il concetto di varietà abbia aiutato l'industria della cannabis a fiorire. Tuttavia, a causa del proibizionismo, lo sviluppo del lessico della cannabis è avvenuto lontano dalle mani della tassonomia scientifica. Il termine “varietà” appartiene principalmente ai campi della virologia e della microbiologia, dove descrive la variante genetica o il sottotipo di un organismo.

D’altro canto, il campo dell'orticoltura (la coltivazione di piante come verdure ed erbe aromatiche) usa il termine cultivar—che significa “varietà coltivata”—per descrivere un tipo di pianta creata attraverso tentativi ed errori nel breeding selettivo. Questo termine si applica più accuratamente alle varietà di cannabis, poiché la stragrande maggioranza delle cultivar è il prodotto di programmi di breeding effettuati per ottenere determinate caratteristiche, come i profili di cannabinoidi e terpeni unici.

In realtà, l'idea delle varietà è servita principalmente come strumento fondamentale di marketing nel mondo della cannabis. Breeder e dispensari spesso raggruppano le loro varietà sotto i termini generici di “indica” e “sativa”—un modello che cerca di riassumere l'effetto di ciascuna varietà.

In realtà, i fattori ambientali, come l'illuminazione, la vita nel suolo e la nutrizione fanno fluttuare il profilo fitochimico di una cultivar in modo esagerato: campioni della stessa “varietà” possono possedere molecole diverse—e diverse concentrazioni di molecole—e quindi effetti differenti.

  • Nuovi sistemi di classificazione della cannabis

Nel tentativo di eliminare la confusione, i ricercatori della cannabis stanno proponendo nuovi sistemi di classificazione, come chemovar e chemiotipi, i quali eliminano i nomi altisonanti e la categorizzazione imprecisa. Infatti, questi termini riducono le cose alla sola composizione chimica, aiutando i ricercatori a studiare la pianta in modo più accurato e permettendo ai consumatori di fare scelte più informate.

Ma da dove provengono esattamente tutte queste varietà? Il cambio della terminologia non cambia il fatto che esistano moltissime varietà di cannabis, tutte diverse per morfologia (struttura fisica), effetti, gusti e produttività.

L'evoluzione della cannabis

Per qualche tempo, il luogo di nascita geografico della cannabis è rimasto oggetto di dibattito, con l'India, l'Asia centrale e il Tibet considerati luoghi probabili. Tuttavia, uno studio del 2021[1] pubblicato sulla rivista Science Advances ha aiutato a chiarire le cose.

Un team di ricercatori internazionali ha deciso di determinare la storia dell’addomesticamento della cannabis mediante il risequenziamento dell'intero genoma. I loro lavoro ha collegato l'addomesticamento della pianta ai primi tempi del neolitico in Asia orientale. Quindi, tutti gli attuali tipi di cannabis esistenti, inclusi i tipi ricreativi e la canapa, derivano dal patrimonio genetico di piante selvatiche e autoctone originarie dell'odierna Cina.

Da qui, la cannabis si è fatta strada in tutto il mondo attraverso rotte commerciali e migrazioni di persone. Oggi, è una delle sostanze psicoattive più popolari al mondo, insieme alla caffeina.

L'evoluzione della cannabis
  • Cosa sono le varietà autoctone?

Una varietà autoctona si riferisce ad un tipo di cannabis coltivato che si è adattato con successo ad una specifica regione geografica.

La cannabis ha avuto origine in natura come specie selvatica progenitrice. Durante la rivoluzione neolitica (quando gli umani passarono da bande di cacciatori-raccoglitori a coloni agricoli), i primi agricoltori in Cina iniziarono il processo di addomesticamento della cannabis.

Le specie di piante selvatiche presentano un'elevata diversità genetica, un fattore che le aiuta ad adattarsi, prevalere e sopravvivere. Durante la prima domesticazione delle specie locali, gli agricoltori iniziarono ad ibridare intenzionalmente gli esemplari che meglio si adattavano alle loro esigenze, sia per scopi industriali, olistici o ricreativi. Ciò diede origine alle piante di cannabis con caratteristiche addomesticate.

Quando gli agricoltori si trasferirono in nuove aree e distribuirono i loro semi ad altri, queste varietà addomesticate affrontarono nuove sfide sotto forma di cambiamenti di temperatura, nuove specie di parassiti e malattie. Nel tempo, queste varietà si sono adattate alle sfide specifiche di ciascun ambiente, portando alla nascita delle varietà autoctone, definite come[2] “varietà tradizionali selezionate da agricoltori per l'adattamento alle condizioni locali”.

Le varietà autoctone non sono le varietà più produttive. Ma ciò che gli manca in termini di resa viene compensato nella diversità genetica e nella loro capacità di adattarsi rapidamente ai fattori di stress ambientale. Per questo motivo, pochi coltivatori di cannabis moderni coltivano le varietà autoctone.

Tuttavia, queste piante costituiscono il fondamento genetico della maggior parte delle cultivar coltivate e vendute oggi.

  • Gli ibridi di cannabis

A differenza delle varietà autoctone, le cultivar moderne di cannabis mancano di diversità genetica. La maggior parte dei coltivatori desidera acquistare semi che producano risultati costanti—senza sorprese indesiderate—insieme ad un raccolto gratificante di fiori potenti. Gli ibridi moderni offrono la soluzione perfetta.

Durante l'addomesticamento di una cultivar autoctona, gli allevatori incrociano continuamente le piante dello stesso patrimonio genetico per assicurarsi che crescano fedeli al tipo. Sebbene questo crei costanza, alla fine porta alla depressione da consanguineità.

Tuttavia, gli ibridi sono incroci tra due cultivar distinte di cannabis. Eseguendo il breeding di cultivar di diverse linee genetiche (ibridazione), viene creata una varietà che presenta i tratti di ciascuna linea. La progenie di questo processo è dotata di vigore ibrido, il che significa un incremento della salute e della produttività a causa di un'inversione della depressione da consanguineità.

Gli ibridi sono ideali per i coltivatori che sono sempre in cerca di ottimi raccolti. Tuttavia, non crescono fedeli al tipo.

Famiglie famose nel mondo dell’erba

I primi agricoltori del neolitico catturarono le genetiche di cannabis in natura e crearono le prime varietà autoctone. Infine, i breeder moderni hanno utilizzato queste genetiche per creare cultivar ereditarie stabili attraverso la consanguineità, così come ibridi vigorosi che si comportano incredibilmente bene nella stanza di coltivazione o nel giardino.

Oggi, sono disponibili migliaia di varietà di cannabis per i coltivatori, ma poche famiglie selezionate hanno dominato il mercato. Qui sotto, potrai dare un'occhiata alla storia e alle caratteristiche di queste famiglie di cannabis prolifiche ed amate.

  • Kush

La famiglia Kush è di gran lunga una delle più amate nel mondo della cannabis. Le varietà popolari in questo albero genealogico includono l'Afghan Kush ed ovviamente la OG Kush. Queste varietà derivano da una collezione di piante autoctone originarie dell'Afghanistan, del Pakistan settentrionale e dell'India nordoccidentale. L'Hindu Kush (una cultivar dall’effetto corporeo e sapori terrosi) ha avuto origine dall'omonima catena montuosa al confine tra Pakistan ed Afghanistan.

Le varietà Kush si sono fatte strada verso l'Occidente grazie a bande di hippy avventurosi—per davvero! Il cosiddetto “Hippie Trail” ha avuto un punto di partenza nell'Europa occidentale e ha attraversato Istanbul, Teheran e Kabul fino a Goa, Dacca e Bangkok. Giovani hippy dagli occhi luccicanti in cerca di esperienze alternative hanno percorso questi sentieri e si sono imbattuti in un sacco di buona erba lungo la strada. Ovviamente, hanno nascosto i semi per portarseli a casa. I breeder statunitensi hanno messo le mani sulla Kush negli anni ’60, dove da allora ha svolto un ruolo fondamentale nella creazione di ibridi leader del settore come Bubble Kush e la già citata OG.

Kush
  • Cookies

Le cultivar Cookies prendono il nome dai loro deliziosi sapori simili a quelli di un dolce. Le varietà originali di Cookies sono apparse sulla West Coast negli Stati Uniti (un influente punto focale nel breeding) intorno al 2009. Gli innovatori responsabili di questa creazione sono due breeder di San Francisco, ovvero Gilbert Anthony Milam Jr e Jai. Menti brillanti dietro il gruppo Cookies Fam fondato nel 2010, queste leggende hanno sviluppato le loro abilità di breeding leggendo articoli su riviste e con l’aiuto della madre di Jai.

Da qui, i sapori folli e i potenti profili di cannabinoidi di queste varietà hanno catapultato le Cookies sotto i riflettori. Il loro impressionante lignaggio, composto principalmente da OG Kush e Durban Poison, ha garantito il loro successo sin dall'inizio. Alcune delle varietà Cookies più popolari includono Thin Mint Cookies, Platinum Cookies e Royal Cookies di RQS.

Cookies
  • Afghan

Si ritiene che le varietà Afghan (o Afghani) provengano dalla regione di Mazar-i-Sharif in Afghanistan. Qui, il patrimonio genetico originale ha sopportato i picchi estivi di 40°C e le gelide temperature invernali. Queste piante resistenti vengono apprezzate per i loro effetti fisici e l'impressionante produzione di resina. Dopo la loro introduzione nel mondo occidentale, i breeder hanno sfruttato le loro caratteristiche attraenti per creare una lunga lista di ibridi che colpiscono forte, tra cui ICE, Special Kush 1, Royal AK e Northern Light.

Afghan
  • Haze

Shining Silver Haze. Amnesia Haze. Chocolate Haze. È probabile che tu conosca molto bene questi nomi. Dopotutto, sono spesso disponibili nei dispensari e nei coffeeshop. Un numero imprecisato di consumatori di cannabis si diverte con gli effetti cerebrali ed energizzanti offerti dalla famiglia Haze. Ma da dove provengono esattamente queste genetiche? In realtà, nessuno lo sa davvero. Si pensa che le loro radici provengano da diverse varietà autoctone di tutto il mondo, come l'Acapulco Gold e le sativa messicane, thailandesi ed indiane. Ma nella migliore delle ipotesi, tutto questo rimane una speculazione. Tuttavia, sappiamo che gli Haze Brothers (leggendari allevatori di Santa Cruz, California) hanno scatenato la frenesia per le Haze attraverso la pura sperimentazione.

Haze
  • Cheese

Generalmente, le varietà di cannabis che cambiano il mondo provengono dagli Stati Uniti, ma a volte, cultivar potentissime appaiono fuori da questi confini. Nel caso della Cheese, la terra di provenienza di quest’incredibile creazione della cannabis è il Regno Unito. Secondo la leggenda, il famoso breeder Sam the Skunkman ha distribuito i semi Skunk #1 in tutti i Paesi Bassi. Da li, alcuni di loro sono finiti nel sud-est dell'Inghilterra. Dopo aver modificato i contenuti per diverse generazioni, i breeder di quella zona sono riusciti a dar vita alla Cheese, una potente varietà che ha continuato a fungere da precursore di varietà del calibro di Royal Cheese, Blue Cheese e Big Buddha Cheese. Questo sviluppo si è verificato alla fine degli anni ’80, dopo di che la Cheese è diventata un punto di riferimento nella scena rave britannica della fine degli anni ’80/inizio anni ’90.

Cheese
  • Gelato

Rispetto ai classici appena menzionati, Gelato è abbastanza nuova nel mondo della cannabis. Il breeder esperto Mr Sherbinski ha dato origine a questa varietà a San Francisco nel 2014, incrociando i ceppi genitoriali ricchi di terpeni Girl Scout Cookies e Sunset Sherbet. Sherbinski ha prodotto diversi fenotipi di Gelato e il #33 è rapidamente salito in cima come il più impressionante e popolare. Da allora, il profilo terpenico stuzzicante di questa nuova varietà ha infuso sapori dolci e fruttati in molti ibridi usciti dopo, tra cui Wedding Gelato, Cookies Gelato e Green Gelato.

Gelato
  • Skunk

La parola “Skunk” è diventata sinonimo di erba potente, almeno per quanto riguarda i titoli sensazionali. Ma all'interno della cultura della cannabis, la Skunk (o Skunk #1) si riferisce principalmente ad una potente cultivar che è salita alla ribalta negli Stati Uniti durante gli anni ’70.

La vera storia di questa varietà rimane oscura, tuttavia si dice che sia stata creata in California da Sam the Skunkman, utilizzando varietà autoctone tra cui Colombian Gold, Acapulco Gold ed Afghan. Dopo aver stabilizzato la varietà, Sam attraversò l'oceano negli anni ’80 ed arrivò nei Paesi Bassi per vendere i semi. Nevil Schoenmakers, l'influente coltivatore di cannabis di origine australiana e proprietario di The Seed Bank of Holland (la prima banca di semi di cannabis), ne acquistò un sacco. Da lì, il successo di Skunk #1 rimane scritto nella storia.

Skunk
  • Gorilla

Gorilla deriva dalla cultivar originale Gorilla Glue, una varietà potente che vanta livelli altissimi di THC e terpeni pepati. Di tutti i fenotipi generati da questa varietà, la GG #4 possiede la botta più potente. Questa cultivar è in realtà il risultato di un “errore” di breeding tra le varietà genitoriali Chem's Sis, Sour Dubb e Chocolate Diesel, e fornisce la base genetica per varietà come Royal Gorilla e Royal Gorilla Automatic.

Gorilla
  • Blueberry

Durante gli anni anni ’70, il breeder DJ Short ha dato origine alla deliziosa famiglia Blueberry negli Stati Uniti. Ha realizzato questo meraviglioso esemplare dopo aver campionato le genetiche autoctone di diverse regioni tra cui Colombia, Messico, Thailandia e Panama. In seguito alle sue esperienze, ha reclutato una femmina di Purple Thai, una femmina di Highland Thai ed un maschio Afghan per portare a termine il lavoro. La creazione di Blueberry ha aperto le porte alla creazione di deliziosi ibridi fruttati, tra cui Royal Bluematic e Blue Cheese.

Blueberry
  • Thai

Si ritiene che la pianta di cannabis sia entrata per la prima volta in Thailandia attraverso l'India. Man mano che i semi si disperdevano in tutto il Paese, gli agricoltori lo coltivavano in sacche isolate per generazioni, formando le prime specie autoctone thailandesi. Le varietà autoctone thailandesi mostrano una forte morfologia sativa (steli lunghi, grandi foglie a ventaglio e foglioline strette), effetti cerebrali e profili terpenici che vantano note di erbe, terra, spezie e legno.

Di tutte le istituzioni, è l'esercito americano ad essere responsabile per aver portato per primo l'erba Thai negli Stati Uniti. Dopo aver costruito basi in Thailandia negli anni ’60, le truppe statunitensi sono diventate clienti chiave per i contrabbandieri thailandesi, che hanno persino accettato bottiglie di gin come valuta in cambio di Thai sticks—una preparazione di cannabis tradizionale nella regione. Alla fine, il primo pacco di materiale a base di cannabis dalla Thailandia è entrato negli Stati Uniti attraverso l'ufficio postale dell'esercito. Dopo l'introduzione delle cultivar thailandesi negli Stati Uniti, i breeder le hanno utilizzate per creare molte varietà rinomate, tra cui la Blueberry appena citata.

Thai

Cultivar di cannabis: Non si fermano ai classici

Queste famose famiglie di “ceppi” hanno gettato le basi per il breeding moderno della cannabis. Ma non si fermano qui. La scena della coltivazione di cannabis è viva e dinamica e i coltivatori esperti sono al lavoro per sviluppare la prossima generazione di cultivar, comprese quelle contenenti nuovi cannabinoidi e profili terpenici complessi non presenti in queste famiglie classiche. Solo il tempo dirà quali varietà saranno maggiormente popolari in futuro!

External Resources:
  1. Large-scale whole-genome resequencing unravels the domestication history of Cannabis sativa https://www.science.org
  2. From Wild Species to Landraces and Cultivars – Crop Wild Relatives and their Use in Plant Breeding https://colostate.pressbooks.pub
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.