I reumatismi (chiamati anche artrite reumatoide o semplicemente artrite) descrivono una condizione di salute caratterizzata da infiammazione cronica, con articolazioni e muscoli rigidi e dolorosi. Si stima che oltre 50 milioni di adulti negli Stati Uniti soffrano di questa malattia. Le cause dei reumatismi possono essere molte, e i sintomi possono comparire con l'età avanzata o come conseguenza dell’usura di alcune parti del corpo. I reumatismi sono a volte anche risultato di carenze del sistema immunitario.

Sfortunatamente non esiste una vera cura per i reumatismi. Le persone che ne soffrono vengono solitamente curate per ridurre i dolori sintomatici e l'infiammazione sottostante. Oggi si sperimentano sempre più numerosi usi terapeutici della cannabis e si pone quindi la questione se i composti attivi della cannabis possano aiutare anche contro i reumatismi. Vogliamo così dare un'occhiata alle ultime ricerche sull'uso del CBD in caso di reumatismi. Ma prima di farlo, vogliamo spiegare che cos'è il reumatismo.

CHE COS'È IL REUMATISMO?

I reumatismi (o l'artrite, che è essenzialmente la stessa patologia) appartengono al grande gruppo di malattie autoimmuni. Proprio come nel caso della sclerosi multipla, della psoriasi, della malattia infiammatoria intestinale, del lupus e di molte altre condizioni, si tratta di un disturbo del sistema immunitario del nostro corpo. Quello che succede è che il sistema immunitario, per qualche ragione, diventa iperattivo e attacca le cellule sane nel corpo per errore. Il risultato è un'infiammazione permanente, con conseguente dolore e altri sintomi. I dolori e la rigidità delle articolazioni di chi soffre di reumatismi possono rendere difficili anche le attività quotidiane come guidare, preparare i pasti o vestirsi.

Cos'È L'Reumatismo

REUMATISMI E CANNABIS

Di recente è stato scritto molto sui diversi potenziali usi terapeutici del THC e del CBD. È noto da tempo che i cannabinoidi interagiscono con il sistema endocannabinoide del nostro corpo, che regola importanti funzioni fisiologiche. Con la sua azione, la cannabis può influenzare le risposte del nostro sistema immunitario, può alterare la percezione del dolore e regolare l'appetito, il sonno e l'umore, solo per citare alcuni dei suoi diversi effetti.

La US Food and Drug Administration ha appena approvato il primo farmaco con CBD prodotto dalla pianta di cannabis per il trattamento dell'epilessia, mentre gli utilizzatori di cannabis medica di tutto il mondo stanno già utilizzando prodotti con CBD per trovare sollievo da dolori e ansia. Ma quando si tratta di trattamento dei reumatismi con CBD, non arrivano ancora conclusioni certe dagli studi scientifici. Questo spiega perché alcuni ricercatori sono ancora diffidenti sull'uso del CBD contro i reumatismi.

LA RICERCA SU CBD E REUMATISMI

Uno studio del 2014 condotto dal medico Mary-Ann Fitzcharles ha concluso che la cannabis è risultata "inferiore a tutte le altre classi analgesiche diverse dagli oppioidi".

La ricercatrice avverte inoltre che "esistono poche prove scientifiche sull'efficacia del CBD nel ridurre il dolore negli individui reumatici". Come nota positiva viene riconosciuto che la cannabis riduce il dolore in altre condizioni, che hanno cause diverse dall'artrite reumatoide.

È interessante notare che altri studi sul CBD e sul suo uso per il trattamento di dolori muscolari e articolari sembrano contraddire le conclusioni della Fitzcharles: uno studio pubblicato sull'European Journal of Pain nel 2015 ha esaminato l'uso topico del cannabidiolo (CBD) per ridurre l'infiammazione e i comportamenti legati al dolore in un modello di artrite sui ratti. Nonostante la ricerca sia stata condotta solo su animali, si conclude che "l'applicazione topica di CBD ha un potenziale terapeutico per il sollievo dai sintomi e dall'infiammazione correlati al dolore artritico, senza mostrare evidenti effetti collaterali".

Un precedente studio pubblicato sul Journal of Opioid Management nel 2009 rileva che l'80% dei pazienti che usano cannabis medica ha come obiettivo la riduzione del dolore miofasciale. Nell'artrite reumatoide questo tipo di dolore è un disturbo cronico che colpisce i muscoli e le articolazioni.

Crema Idratante Alla Cannabis

PERCHÉ IL CBD DEVE ESSERE STUDIATO IN MODO PIÙ APPROFONDITO

Oggi i medici prescrivono comunemente oppioidi, iniezioni di steroidi e trattamenti simili a chi soffre di artrite reumatoide. Alcuni di questi farmaci possono fornire un certo livello di sollievo ai pazienti, ma non sono privi di inconvenienti, anche molto significativi. L'uso cronico di farmaci potenti come gli oppioidi pone gravi rischi per la salute, tra cui la dipendenza e il sovradosaggio. Molti di questi farmaci hanno anche gravi effetti collaterali, che comprendono danni al fegato, ai reni e alle ossa, così come altri effetti indesiderati come l’aumento di peso o l’infiammazione allo stomaco.

Inoltre, i pazienti trattati con questi farmaci svilupperanno nel corso tempo un’assuefazione e quindi richiederanno dosi più elevate per avere sollievo dal dolore. Questo aumenterà ancora di più gli effetti collaterali.

Ciò che rende il CBD un'alternativa interessante è che può potenzialmente fornire sollievo senza causare nessuno di questi effetti negativi. Ad oggi non vi è alcuna indicazione che il CBD, anche se assunto a dosi elevate, abbia qualche significativo effetto collaterale. Sono necessarie ulteriori ricerche sugli effetti del CBD sull'artrite reumatoide poiché le prove attualmente disponibili depongono ugualmente a favore e contro.

IL FUTURO DEL CBD PER IL TRATTAMENTO DEI REUMATISMI

Le proprietà immunosoppressive dei cannabinoidi, così come la loro capacità di ridurre l'infiammazione, sono entrambi fattori che svolgono un ruolo nei disturbi autoimmuni come l'artrite, e sono noti da tempo.

Due anni fa, Greg Gerdeman, assistente professore di biologia presso l'Eckerd College di San Pietroburgo, ha parlato alla riunione annuale del Congresso di Reumatologia Clinica. Secondo il ricercatore, i cannabinoidi mostrano interessanti risultati preclinici derivati dall'importanza del sistema endocannabinoide nella regolazione dell'infiammazione e della risposta immunitaria.

"In generale, c'è una grande quantità di ricerche precliniche a sostegno del fatto che i cannabinoidi sono generalmente immunosoppressivi e in grado di ridurre l'infiammazione, ad esempio in caso di lesioni cerebrali o ictus, ma anche nel caso di malattie reumatiche come l'artrite reumatoide", ha dichiarato Gerdeman al congresso.

Gerdeman ha espresso il concetto più importante su CBD e reumatismi: c'è bisogno di più ricerca. Questa ricerca "deve includere popolazioni di pazienti che stanno già usando la cannabis e desiderano continuare la cura. E la struttura di ricerca, ossia i medici e gli scienziati, deve essere meno vincolata alle procedure e più vicina alla popolazione".

In altre parole, la grande quantità di prove aneddotiche sull'efficacia della cannabis medica deve trasformarsi in dati clinici attendibili.

Acquista CBD oil online

RQS CBD olio è disponibile in 10 ml, 30 e 50ml bottiglie in 3 differenti punti di forza di concentrazione: 2,5%, 4% e 10%.

Acquista CBD Oil
 

Carrello

Inclusi articoli GRATUITI

Nessun prodotto

Spedizione € 0.00
Totale € 0.00

Check out