Le coltivazioni di marijuana all'aria aperta possono produrre cime magnifiche, ma presentano un grande inconveniente: i parassiti. In modo particolare, le piantagioni outdoor possono essere vulnerabili ad alcuni piccoli mammiferi ghiotti di marijuana: talpe e geomidi (una famiglia di roditori originaria del continente americano)!

Per far fronte a questi sgraditi ospiti delle vostre colture, dovete sapere con cosa avete a che fare. Prima di tutto inizieremo ad analizzare le differenze tra questi due animali.

DIFFERENZA TRA TALPE E GEOMIDI

I geomidi hanno aspetto simile a topi, con grossi denti ed un corpo lungo dai 12 ai 46cm. Le talpe hanno invece un aspetto più strano, con zampe simili a pale, un naso che ricorda il muso di un maiale e minuscoli occhi che sembrano permanentemente chiusi. Possono crescere fino a 12–18cm di lunghezza. Nel caso di una piantagione di cannabis, questi due mammiferi si alimentano di cose diverse. Le talpe scavano gallerie sotterranee a caccia di insetti, mentre i roditori geomidi si nutrono di piante.

Le talpe non comportano troppi rischi per le vostre colture. In alcuni casi possono addirittura risultare benefiche per il terreno, mantenendolo più disgregato e ricco di sostanze nutritive. Il rischio è che scavando alla ricerca di insetti vadano a danneggiare le radici delle piante. Ma rimane comunque un ospite di per sé benigno.

I problemi sorgono quando arrivano i roditori geomidi. Questi piccoli mammiferi si nutrono delle radici delle piante e possono addirittura sradicare piante intere. Sembrano particolarmente ghiotti di cannabis. Forse sono la versione "stoner" del regno animale! I geomidi sono una delle principali preoccupazioni per i coltivatori nordamericani e bisogna intervenire prontamente se non si vuole perdere l'intero raccolto.

Piaghe in crescita all'aperto

COME INTERVENIRE IN CASO DI TALPE E RODITORI GEOMIDI

Una volta che ne vedrete uno nella vostra piantagione, sarà piuttosto facile distinguere i due animali seguendo le suddette descrizioni. Tuttavia, se non doveste vederli, potrete capire quale dei due si sta aggirando tra le vostre piante osservando le colture.

I tumuli sollevati da una talpa sono diversi da quelli di un roditore nordamericano. Quelli di una talpa hanno una forma "conica", come un vulcano con un buco all'apice della montagnola di terra. Un tumulo di geomidi, invece, è più tondeggiante, con l'apice appiattito ed un buco laterale che esce da un angolo della montagnola.

Oltre a queste tracce, i danni che subiranno le piante saranno la prova inequivocabile della loro presenza. Le talpe non fanno crollare le piante, ma possono smuovere le radici. I geomidi hanno invece la capacità di rosicchiare molto velocemente le radici delle piante. Quando una pianta scompare del tutto, quasi sicuramente è stata mangiata da un geomidi.

COME SBARAZZARSI DI QUESTI AMICI E NEMICI PELOSI

Esistono alcune strategie per allontanare questi mammiferi indesiderati spesso considerati veri e propri parassiti. Supponiamo che dobbiate liberarvi di una famiglia di roditori geomidi, poiché, come accennato in precedenza, le talpe sono relativamente innocue. Alcuni dei seguenti approcci vi aiuteranno a limitare i danni e ad allontanare i roditori, mentre altri li uccideranno. Vi invitiamo ad iniziare sempre con le opzioni meno aggressive, adottando le misure letali solo quando l'invasione di roditori è così diffusa da non rispondere più a nient'altro.

1. OLIO DI RICINO E ACQUA DI AGLIO

Versate l'olio di ricino e l'acqua all'aglio nell'apertura del tumulo sollevato dai geomidi e spruzzatene uno strato sul terreno di coltura. Questo dovrebbe respingere i roditori, costringendoli a migrare verso altre zone.

2. CIRCONDARE LA COLTURA CON RETI METALLICHE CON PICCOLI FORI

Usate reti metalliche con fori più piccoli di quelli delle normali reti per pollai. Se le posizionerete sulla superficie del terreno e intorno alle piante, i roditori avranno difficoltà ad entrare. Potrebbero saltare oltre la rete, ma accade molto di rado. E anche se lo facessero, rimarrebbero poi intrappolati all'interno della coltura.

Tuttavia, se avete già avviato la vostra piantagione o coltivate su aiuole rialzate, questo metodo non può essere adottato.

3. RESPINGERE I GEOMIDI CON PIANTE DEL GENERE ALLIUM

Dalla prospettiva di un roditore geomide, i profumi dell'aglio e delle cipolle non sono così gradevoli come quelli dell'erba. L'erba cipollina, l'aglio e qualsiasi altra specie vegetale appartenente al genere Allium può crescere intorno alle piante di cannabis senza richiedere particolari cure, respingendo efficacemente questi roditori.

Piaghe alla cannabis all'aperto

4. TRAPPOLE PER CATTURARE E RILASCIARE I RODITORI

Possono comportare molte ore di lavoro per i coltivatori, ma nessuno ha mai detto che essere etici sia facile.

Posizionate le trappole quando sapete di rimanere a casa per monitorarle, vicino alle aperture dei tumuli dei geomidi. Controllate periodicamente se avete catturato qualche roditore. Una volta che ne rimarrà uno intrappolato, portate il piccolo animale spaventato in un bel posto immerso nella natura e liberatelo. Indossate sempre dei guanti per manipolare le trappole con i roditori, dal momento che potrebbero mordervi senza ricambiare la vostra gentile compassione.

5. USARE UN GATTO

Lasciare che il vostro gatto vaghi libero nella vostra piantagione di cannabis manda un chiaro messaggio ai roditori della zona, che cercheranno subito zone più tranquille dove alimentarsi. Tuttavia, a seconda delle abilità di caccia del vostro gatto, è una soluzione potenzialmente mortale per i roditori. I geomidi potrebbero così rimanere spaventati dalla presenza di un felino o finire sulla porta di casa vostra come trofei insanguinati.

6. PIANTE CON FIORI POTENZIALMENTE LETALI

Passiamo quindi alle soluzioni letali. Piantate qualche oleandro intorno alle vostre piante per avvelenare i geomidi. Ma fate molta attenzione a non mangiarle e tenetele lontano da bambini e animali domestici.

Animali in crescita all'aperto

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.