Lo chef ed educatore Brandon Allen ci parlerà della sua passione per la cannabis e gli effetti della pianta sul sistema endocannabinoide. Inoltre, condividerà informazioni e suggerimenti su come cucinare con la ganja. Grazie agli anni trascorsi sperimentando, Brandon ha acquisito un'esperienza impareggiabile nell'aromatizzare i cibi e la cannabis.



1. Quali sono i vantaggi degli edibili rispetto alla cannabis fumata o vaporizzata?

Direi che il vantaggio numero uno di un prodotto edibile—o qualsiasi tipo di prodotto a base di cannabis ingeribile e consumato per via orale—rispetto a qualcosa che viene fumato o vaporizzato è la discrezione. Puoi essere ovunque e semplicemente prendere una mentina, una gomma da masticare, una caramella o un boccone di uno snack senza diffondere nessun aroma. Immagino che la gente pensi alla parola “odore” come un termine più negativo, e in questo senso, con gli edibili non c'è nulla da annusare, niente da vedere e niente da inalare.

Il secondo vantaggio ha sicuramente a che fare con i problemi di salute. Non comprendiamo tutto ciò che accade quando accendi qualcosa e lo inspiri. Ci sono molti studi che dimostrano che l'inalazione di materia vegetale combustibile, o qualsiasi cosa che includa sostanze cancerogene, è dannosa. Inoltre, avrai a che fare con la cenere, il catrame e tutta quella resina che si accumula. Ho fumato gran parte della mia vita. Ho fumato sigarette per molto tempo ed è passato più di un decennio da quando ho smesso. E, in fin dei conti, se mi trovo in situazioni in cui fumo molto, finisco per sentirmi più congestionato e mi tocca schiarirmi la gola e cose del genere. Il fumo è un aspetto delle cose, ma poi c'è la vaporizzazione e il dabbing.

Ci sono studi che dimostrano che i terpeni si possono scomporre e trasformarsi in acetone o benzene, che sono due cose non esattamente buone da inalare. Non conosciamo gli effetti a lungo termine, specialmente nel mondo dei concentrati, ma le persone fumano le piante da sempre.

Se fatto con moderazione e finché non sono contaminate da pesticidi, muffe, ecc., direi che per la maggior parte è probabilmente ok. Se fumi tutto il giorno e tutti i giorni, in futuro potresti avere problemi ai polmoni, anche se è possibile che i cannabinoidi ed altri composti nella pianta possano mitigare alcuni di questi effetti negativi.

In fin dei conti, quando si tratta di queste temperature più elevate bisogna considerare che, gli estratti super-concentrati e l'hashish, hanno un contenuto di terpeni che non rappresenta il rapporto naturale di quello che si troverebbe nella pianta allo stato grezzo, essiccata e conciata. Sono state fatte ricerche, credo in Colorado, che hanno esaminato diversi terpeni vaporizzati a temperature differenti. E si è notato tutti i diversi metaboliti o derivati del terpene originale, e alcuni di loro non sono così buoni per noi. Quindi quanto stai consumando? Che terpene è? Quante volte è necessario consumarlo affinché sia dannoso per la salute? Queste sono tutte cose che hanno ancora bisogno di risposte.

Questo è solo un modo indiretto per dire che i due maggiori vantaggi degli edibili sono la discrezione e meno problemi di salute.

Occorre fare più ricerche. Non voglio che nessun fumatore, vaper o dabber ostinato pensi che stia parlando male di lui in questo momento. Non lo sto facendo. Sto solo dicendo che ho esaminato la ricerca e ci sono sicuramente alcune cose da considerare.

Quali sono i vantaggi degli edibili rispetto alla cannabis fumata o vaporizzata?

2. Come dosi correttamente la cannabis in una ricetta?

La prima cosa che devi fare è identificare da dove proviene la tua infusione e capire il profilo dei cannabinoidi, che si tratti di CBD, THC, ecc. Per questa intervista, concentriamoci sul THC.

Il CBD è psicoattivo, ma non è inebriante. Anche se assumi troppo CBD, non ti farà male. Ci sono stati un sacco di studi che dimostrano che dosi elevate di 1.000mg o più non creano alcun problema.

Quindi, concentriamoci sul THC. Puoi andare in overdose con il THC? Sì. Non morirai, come con un'overdose di eroina o qualcosa di simile. Tuttavia, definisco un'overdose di cannabis come quando si raggiunge uno stato di disagio. Quindi, quando inizi a provare ansia, paranoia e altri sentimenti negativi, per quanto mi riguarda è un'overdose, perché non è una situazione positiva.

Quindi, quando si tratta di capire come dosare correttamente qualcosa, devi prima sapere con quanti milligrammi di THC stai iniziando. Ogni volta che fai un'infusione di fiori, è impossibile conoscere la tua dose—100% impossibile. Non mi interessa cosa leggi online o cosa dice il test di laboratorio del fiore, perché quel test di laboratorio non rappresenta il fiore che hai in mano. Rappresenta il fiore che hanno testato e le cime sulla stessa pianta possono avere potenze diverse. Quindi, tutto inizia con la quantità con cui hai a che fare.

"Ogni volta che prepari qualsiasi tipo di ricetta, dovrai comprendere il tuo contenuto di cannabinoidi di partenza e qual è la dose della base di infusione, in modo da poter comprendere la tua dose milligrammo per millilitro."

Ad esempio, in questo caso diciamo che stiamo utilizzando un distillato di THC che è già decarbossilato, il che significa che è attivo. I distillati sono molto facili da dosare. Se hai un grammo di distillato di THC al 90%, saprai che ci sono 900 milligrammi di THC dentro. Puoi prenderlo e aggiungerlo a qualsiasi base di infusione tu scelga, che si tratti di un diverso tipo di olio, qualsiasi tipo di grasso, forse miele o glicerina, alcol, ecc.—e puoi dire: “Ok, ho 900 milligrammi di THC, quindi lo aggiungerò a 900 millilitri di questa base di infusione in modo che equivalga a un milligrammo per millilitro”. Oppure, potresti dosarlo in modo che ci siano 10 milligrammi per millilitro, o anche 100 milligrammi per millilitro.

Quindi, per iniziare abbiamo bisogno solo di fare della calcoli di matematica. Questo è ciò con cui inizi: con cosa lo stai combinando e a cosa equivale la misurazione di base. Ogni volta che prepari qualsiasi tipo di ricetta, dovrai comprendere il tuo contenuto di cannabinoidi di partenza e qual è la dose della base di infusione, in modo da poter comprendere la tua dose milligrammo per millilitro.

Per tutti coloro che sono abituati a cucchiaini, cucchiai e misure del genere, un cucchiaino equivale a circa cinque millilitri ed un cucchiaio è di circa 15—14,89 o qualcosa del genere, ma comunque siamo lì vicino.

Presupponiamo che hai una chutney o una salsa non omogenea. Non è frullata o liquida. Se dovessi prendere 250 millilitri, circa una tazza, e dicessi: “Ci metto 100 milligrammi di THC, mescolo e poi divido le dosi in modo che ci siano 2,5 milligrammi di THC per cucchiaio, o 15 millilitri”. Ottimo! Ma il fatto è che hai a che fare con un prodotto non omogeneo ed irregolare. Poiché hai pezzi di pomodoro, mango o cipolla o qualsiasi altra cosa possa esserci dentro, non sai esattamente quanti milligrammi ci sono in una dose o in una porzione perché non è adeguatamente omogeneizzata: ovvero, non è distribuita uniformemente. Quindi, quando si tratta di fare un'infusione, consiglio sempre quanto segue per un dosaggio corretto:

1. Conoscere il contenuto del materiale di partenza
2. Conoscere la dose della base di infusione
3. Miscelarla correttamente nella ricetta, assicurandosi che la ricetta base (o qualunque cosa venga infusa) sia omogeneizzata



Potrebbe essere una zuppa frullata, una salsa piccante, una salsa mista, chutney, panna montata—non importa affinché viene adeguatamente omogeneizzata.

Nel caso di un'insalata di cavolo (coleslaw) che contiene un sacco di ingredienti grossi, dovresti dosare in base alla porzione individuale. Quindi, supponiamo che tu abbia questa insalata di cavolo a base di maionese ed infondi la maionese. Per qualcosa del genere, quello che consiglierei è fare porzioni individuali.

In alternativa, puoi iniziare con una ricetta senza infusione. Se stai servendo 50 persone, devi suddividere la quantità di ciascun ingrediente nella ricetta normale e quindi:

1. Mettere tutto in una ciotola 2. Infonderla
3. Mescolare 4. Servire



Oppure, ti basta semplicemente:

1. Metterlo sul piatto e prendere una piccola pipetta
2. Con la tua infusione super concentrata
3. Farla gocciolare sopra



Ora, alcune persone non la considerano necessariamente una vera infusione, ma in fin dei conti, non è importante come si infonda, ma come il cliente o l'ospite la consumi. Perché se dici che ci sono 2,5 milligrammi di THC lì dentro, allora devono esserci 2,5 milligrammi di THC. È questa la cosa importante.

Quindi, come dosi correttamente la cannabis in una ricetta?

  1. Comprendi il tuo profilo cannabinoide, assicurandoti che sia correttamente dosato nella tua infusione.
  2. Assicurati che sia omogeneizzato oppure aggiunta ad una ricetta in un modo che sia accuratamente dosata.
Come dosi correttamente la cannabis in una ricetta?

3. Cos'è meglio per cucinare: burro alla cannabis oppure olio infuso di THC?

Sicuramente gli oli. Quando si scalda il burro fino a un certo punto (credo sopra gli 85°C circa), il grasso si separa da tutti gli altri ingredienti a base d'acqua perché, a differenza dell'olio, il burro non è 100% grasso. Ecco perché chiunque abbia preparato del cannaburro in casa sa che quando lo si mette in frigo e si solidifica, il burro si separa dall'acqua. Il grasso del burro, che si chiama burro chiarificato, si trova sopra e l'acqua deve essere drenata dal fondo. In realtà non ti rimane il cannaburro, ma il burro chiarificato alla cannabis—ovvero il grasso del burro.

Quando hai dell’acqua in qualsiasi sostanza di estrazione, ciò che accade è che perdi l'efficienza di estrazione, dato che i cannabinoidi non sono solubili in acqua. Quindi, quando fai un'infusione con qualsiasi cosa che abbia un alto contenuto d’acqua, come il burro o l’alcol a bassa gradazione tipo la vodka o il whisky di tutti i giorni che prendi al bar, l'efficienza di estrazione diminuisce significativamente. Se stai facendo una base di infusione di burro rispetto a una base di infusione di olio, la base di infusione di olio avrà una maggiore efficienza di estrazione perché non contiene acqua.

Supponiamo che tu faccia il burro e alla fine separi l'acqua, poiché ha una quantità minima di cannabinoidi. Quindi ti rimane questo burro chiarificato molto duro—specialmente quando lo tiri fuori dal frigorifero.

Ora, per coloro che vogliono fare un vero cannaburro, consiglio di iniziare direttamente con del burro chiarificato. Fai la tua infusione in questo modo, perché avrai a che fare con il 100% di grasso. Ci sono piccole quantità di altre cose lì dentro, ma alla fine è vicino al 100% di grasso. Ora, l'efficienza dell'estrazione aumenta in modo significativo e potrai fare la tua infusione.

Quindi, quello che devi fare è lasciare risposare il burro chiarificato (anche conosciuto come ghee) a temperatura ambiente in modo che diventi molto malleabile. Da lì, dovrai aggiungere un po' di crema—generalmente circa il 10–15% del volume originale del burro chiarificato con cui hai iniziato—e poi emulsionare quella crema nel burro chiarificato. Ti ritroverai con una consistenza simile al burro, perché avrai ri-omogeneizzato quell'ingrediente a base d'acqua, creando di nuovo il burro. Dovrai cercare un tipo di consistenza spalmabile.

Funzionerà, anche se potrebbe essere un po' più granuloso del burro normale. Ma quando si tratta di preparare ricette diverse che richiedono burro, è possibile modificare leggermente la ricetta, perché solitamente il burro contiene circa il 20% di acqua—dal 15 al 20% a seconda del tipo.

Se hai una ricetta che richiede X quantità di burro, dovresti essere in grado di sederti e fare un po' di matematica e dire: “Ok, posso aggiungere questa quantità di burro chiarificato e poi forse un po' d’acqua, latte, panna o qualsiasi altra cosa presente in quella ricetta per bilanciare il tutto”.

In fin dei conti, la maggior parte delle ricette a base di burro sono prodotti da forno. Con questo in mente, in realtà non consiglio di infondere prodotti da forno, perché reintrodurre i cannabinoidi al calore (diciamo oltre i 150°C circa) dopo che sono stati decarbossilati e attivati può farli degradare rapidamente in pochi minuti.

"Ora, per coloro che vogliono fare un vero cannaburro, consiglio di iniziare direttamente con del burro chiarificato. Fai la tua infusione in questo modo, perché avrai a che fare con il 100% di grasso. "

Quindi, potresti affrontare tutto questo problema di assicurarti che il tuo dosaggio e le tue ricette siano omogeneizzati correttamente e quant'altro e pensare che stai ricevendo 10 milligrammi di THC nel tuo biscotto, brownie o cupcake, ma in realtà potresti finire con molto meno a causa del degrado che si verifica. Pertanto, qualsiasi tipo di buona ricetta da forno che è stata infusa, a meno che non sia stata prodotta in fabbrica in modo scientifico e testata in laboratorio, sarà più difficile da dosare con precisione.

Quello che consiglio è di infondere la tua guarnizione, come il ripieno per il tuo cupcake o la glassa per il tuo brownie, dopo che il prodotto da forno è stato cotto.

Presupponiamo che stai coltivando a casa: perché vorresti deteriorare tutto il tuo duro lavoro e perdere quel THC? Credo che qualsiasi tipo di infusione, al di fuori del processo di decarbossilazione, dovrebbe avere la minor quantità di calore applicata possibile. Vorrai mantenere quanti più cannabinoidi possibile.

Cos'è meglio per cucinare: burro alla cannabis oppure olio infuso di THC?

4. Puoi spiegarci la funzione dell'11-idrossi-THC e la sua relazione con il recettore CB1?

Quando hai una pianta di cannabis viva, essa ha la capacità di eseguire la biosintesi. Questa pianta ha una tabella di marcia genetica, per così dire, che crea il THCA. Pensa alla “A” come ad un acido o al THC allo stato grezzo. Attraverso l'ossidazione, il sole e la luce UV, il THCA può essere convertito in THC. Quello che succede è che il gruppo carbossilico di CO₂ evapora attraverso il processo di decarbossilazione.

Per via della sua forma, il THCA non ha la potenza per attivare i recettori CB nel modo in cui lo fa il THC. Ma quando viene riscaldato e quel gruppo carbossilico evapora, la nuova forma di questo composto è in grado di legarsi al recettore CB—e non solo di legarsi, ma di sbloccarlo.

Il THC che è stato riscaldato ha la capacità di farti sentire sballato. Questo processo di decarbossilazione può avvenire in quantità molto piccole nella pianta viva, così come quando esponi il tuo fiore essiccato e conciato a temperature ambientali ed agenti atmosferici.

Per poterlo attivare (specialmente per un edibile) dovrai decarbossilare e creare quella conversione completa. Quindi, c'è il delta-9-THC e c'è l’11-idrossi-THC. Quando inali il THC, che sia fumo o vapore, il delta-9-THC entra nel tuo sistema ed i tuoi polmoni metabolizzano una piccola parte di quel delta-9 in 11-idrossi-THC. Una quantità veramente piccola, ma è presente durante l’inalazione.

Tuttavia, quando digerisci qualsiasi forma di THC ingerito, ciò che accade è che il tuo fegato si impadronisce di quel delta-9 (nel fegato sono presenti enzimi metabolizzanti molto simili a quelli che si trovano nei polmoni) e metabolizza molto di più 11-idrossi-THC. Sebbene il delta-9 acceda ancora al tuo sistema, ora avrai molto più 11-idrossi-THC che circola in tutto il tuo corpo.

L'11-idrossi-THC è più potente del delta-9-THC ed i suoi effetti tendono anche a durare molto più a lungo. Ora, senza entrare in tutte le sfumature di ciò che sta effettivamente accadendo al recettore CB, alla fine ciò che si verifica è più potente, dura più a lungo e tende ad arrivare ad ondate, specialmente per le persone con una bassa tolleranza al THC. Per la maggior parte è come essere sulle montagne russe.

Con l'inalazione, a volte si possono provare gli effetti al momento dell'espirazione. Invitante, no? Quando fai un tiro e lo trattieni per un paio di secondi, e poi espirando senti immediatamente il tuo cervello e il tuo corpo cambiare, penso che sia uno dei momenti più belli. Tuttavia, il picco di insorgenza degli effetti si verifica generalmente entro i 5–10 minuti. Quello che succede è che fumi e sale immediatamente. Raggiunge il suo livello massimo e poi svanisce nel corso di circa due ore, forse tre o quattro, specialmente ora con alcuni dei fiori più potenti.

Per la maggior parte, quelli che hanno una tolleranza alla cannabis possono fare un paio di tiri, fumare mezza canna o una canna intera, e rimanere sballati per un paio d'ore. Ma gli effetti iniziano a diminuire abbastanza rapidamente. Dopo 10, 20, 30 minuti, saranno decisamente in discesa. Non in senso negativo, ma in termini di effetti.

Quando consumi un edible, ciò che accade è quasi il contrario. Ci vuole molto tempo—da un minimo di 30 fino a circa 90 minuti—affinché gli effetti raggiungano il loro picco. A volte, il livello massimo potrebbe richiedere dalle due alle tre ore per essere raggiunto, poiché va e viene. Dopo, quello che succede è (per la maggior parte delle persone) un'esperienza tipo montagne russe che, a seconda della dose, potrebbe durare dalle 4–6 ore ed oltre.

Puoi spiegarci la funzione dell'11-idrossi-THC e la sua relazione con il recettore CB1?

5. Quali sono alcuni errori da principiante quando si cucina la cannabis?

Fumo da quando ero un giovane adolescente. Ho avuto il mio primo sballo da edibile quando mi sono trasferito a Denver, in Colorado. Sono passato da quasi il livello del mare (dove vivevo in Pennsylvania e che era probabilmente a 300m o meno di altitudine) a Denver, che è la Mile High City a più di 1500m. Già questo crea alcuni cambiamenti piuttosto interessanti.

Allora, andai in un dispensario—era la mia prima volta in una situazione legale—e dissi ai ragazzi: “Non ho mai provato un edibile prima, cosa mi consiglieresti?” E loro: “Beh, cosa ti piace?”. E io dissi: “Qualunque cosa. Voglio solo provare un edibile”.

“Ok, allora questa root beer è stata classificata come il miglior edibile in Colorado per svariati anni”. Allora risposi: “Va bene, quanto ne prendo?”. Lui disse: “Beh, sono 10 milligrammi, quindi bevi metà in 30 minuti. Se non provi nulla, bevi l'altra metà”. Allora feci così.

Tornai a casa. Io e la mia attuale moglie Megan, che era la mia ragazza all’epoca, ci preparammo per guardare qualcosa, quindi avevamo alcuni film in programma. Ho bevuto un paio di bicchieri di vino, cosa che non consiglierei di fare per una prima esperienza con gli edibili. Ho bevuto metà della root beer, ho aspettato 30 minuti e non ho provato nulla. Così ho fatto quello che che mi disse il tipo, quindi bere l'altra metà. Dopo circa 20 o 30 minuti, ho iniziato a sentirmi sballato. Mi sono sentito benissimo. Voglio dire, in modo fantastico. Bene, circa 20–30 minuti dopo, la seconda dose che ho bevuto ha preso il sopravvento e sono passato dal sentirmi bene al sentirmi sopraffatto. Ricordo di essermi seduto sul divano per sdraiarmi e dissi a Meg: “Sono davvero fatto in questo momento quindi, per favore, non farmi scherzi e lasciami stare”.

E lei cosa fa? Viene sopra di me ed inizia a farmi il solletico. Ma sono passato dall’essere molto sballato all’essere fuori di testa. Ho iniziato a diventare paranoico e sentire il mio cuore andare a mille. Non mi sentivo in pericolo in quel momento, tuttavia mi sentivo sicuramente molto a disagio.

Alla fine ho ascoltato quello che il ragazzo ha detto di fare, che era totalmente sbagliato. Quando si tratta delle prime due volte che si consuma un edibile, tutti dicono di andarci piano e lentamente, ma non sono molto specifici. La prima cosa è che devi conoscere la dose di ciò che stai consumando.

Se il tuo amico ti dice che ha un brownie per te, un biscotto o qualsiasi cosa fatta in casa ed afferma che ci siano dentro 10 milligrammi, è probabile che ce ne siano 50. Potrebbero essere 100, 5, oppure 2. Non c'è modo di saperlo, soprattutto se proviene da un'infusione di fiori. Se è abituato a preparare edibili usando concentrati di cannabinoidi decarbossilati come una sorta di distillato ed afferma di aver fatto tutti i calcoli e che è abbastanza fiducioso che ci siano solo cinque milligrammi al suo interno, allora è una faccenda diversa.

Diamo un'occhiata al mercato legale in questo momento: dovrai assicurarti che i loro edibili siano dosati correttamente. Un'altra cosa che noi del Trichome Institute raccomandiamo è una dose massima di 2,5–5 milligrammi di THC entro un periodo di 24 ore.

Quali sono alcuni errori da principiante quando si cucina la cannabis?

Se assumi 2,5 o 5 milligrammi e non provi nulla dopo 30, 40, 50, 100 minuti, non importa. Non prenderne più. Il motivo è perché il metabolismo e la salute del fegato possono variare da persona a persona. Ci sono sempre degli estremi, ma la maggioranza delle persone rientra in questa categoria. È un po' come succede con molti processi fisiologici del corpo. La maggior parte delle persone metabolizza le cose allo stesso modo.

Se non senti nulla dopo, indipendentemente da quale sia il periodo di tempo, non consumarne di più: è davvero semplice. Aspetta fino al giorno dopo, quindi aumenta la dose di 2,5 milligrammi. Quindi, se hai consumato 5, consiglierei di prenderne 7,5. Se non ottieni l'effetto che stai cercando, procedi fino a 10. La maggior parte delle persone che prende un edibile per le prime due volte, si sentirà sicuramente sballata dai 5 ai 10 milligrammi di THC. Ma ti garantisco che in questo momento c'è qualcuno che sta alzando gli occhi al cielo dicendo: “Io prendo 100, 200 o 300 milligrammi”. Ok, buon per te, ma hai una tolleranza.

Quando si tratta di evitare errori da principiante con gli edibili, si tratta di andare piano e lentamente—da 2,5 a 5 milligrammi alla volta, aumentando con incrementi di 2,5 milligrammi. E se non conosci la dose, tieni presente che le dimensioni non contano. Per le persone che si trovano nel mercato grigio o nero dell'industria della cannabis e non hanno accesso ad edibili accuratamente dosati e testati in laboratorio, quello che consiglierei è (se si è alle prime armi) di abituarsi ad inalare per un po' prima di percorrere la via degli edibili. Perché le esperienze sono molto diverse.

Potresti anche prendere dei veterani che hanno fumato ogni giorno per 30 o 40 anni, e dopo aver dato loro il loro primo edibile, potrebbero essere estremamente sballati. È un'esperienza completamente nuova, perché a provocare gli effetti è un composto dominante o un ingrediente attivo completamente diverso.

6. Qual è il modo migliore per trattenere i terpeni durante la cottura?

Non preoccuparti di trattenere i terpeni con la cannabis. I terpeni sono presenti in quasi tutto. Ci sono terpeni nella mia bevanda frizzante. È al gusto di arancia e mandarino. Se hai cucinato, allora sei già un maestro dei terpeni. Se hai lavorato con basilico fresco, origano, agrumi, qualsiasi tipo di limone, arancia, lime o qualcosa del genere, allora stai lavorando con i terpeni da molto tempo.

Il motivo per cui dico di non preoccuparti dei terpeni è perché gli effetti dei terpeni in un edibile non rappresentano gli effetti dei terpeni quando vengono inalati.

Nel mondo della cannabis, parliamo di indica vs sativa o sedativo vs stimolante, ma indica e sativa sono davvero vaghi e in un certo senso non contano come termini. Hanno avuto importanza per molto tempo. Alla fine, tutto rientra nella specie “sativa”, ma poi ci sono diverse varietà e tutto ciò non ha molta importanza, perché queste piante sono così ibridate. Ciò che conta è ciò che stai consumando: ha un effetto sedativo o stimolante, o qualcosa nel mezzo?

Quindi, diciamo che hai un po' di OG Kush, che secondo alcuni ha un'esperienza più sedativa, ma che apre la mente. Non importa come si chiami. Diciamo che hai un tipo di OG sedativa. La fumi, ti rilassa, ti blocca sul divano e ti fa addormentare. Ottimo! Quello che sta succedendo è che stai ottenendo un effetto entourage—la combinazione di effetti dei cannabinoidi e dei terpeni che lavorano insieme.

"Quando si tratta di un'esperienza con gli edibili, gli effetti del fiore o del concentrato originale non rappresentano gli effetti dell’edibile, perché molti di quei terpeni vengono completamente distrutti."

Diciamo che la stai fumando, quindi la accendi con il fuoco per poi inalare immediatamente quel fumo o vapore e provare questi effetti. Il fatto qui è che quei terpeni cambiano, proprio come il THCA cambia in THC. Cuocere i biscotti troppo a lungo nel forno potrebbe effettivamente trasformare quel THC in altre cose, come il CBN o altri composti sconosciuti. Quindi il calore è importante. Quando dai fuoco ai terpeni e li inali immediatamente, sono diversi da quelli che erano nella pianta originale.

Quando si tratta di fiori o concentrati di cannabis decarbossilati, i terpeni evaporano, si deteriorano o si trasformano anche alle temperature più basse, trasformandosi in altre cose più velocemente dei cannabinoidi, poiché sono molto più volatili e sensibili al calore.

Quando prendi il tuo fiore e lo fai decarbossilare nel forno, nella friggitrice ad aria o nel tostapane—qualunque cosa sia—quel calore sta cambiando la struttura chimica di quei terpeni e molto di essi evaporano e non vengono catturati subito mediante l'inalazione. Semplicemente scompaiono.

Se dovessi prendere due varietà di cannabis che hanno un odore e un aspetto completamente diversi:

1. Falle decarbossilare nel forno
2. Prendile fuori e lasciale raffreddare
3. Circa 10 minuti dopo, avranno un odore quasi identico



Il motivo è che i terpeni sono evaporati. La prima parte di un'esperienza di edibili con i terpeni è che ne perdi la maggior parte. La cosa successiva che accade, come dimostrato da alcuni studi, è che i succhi gastrici dello stomaco cambiano drasticamente i terpeni. Ad esempio, prendiamo il linalolo che ha un aroma di lavanda e generalmente ha effetti calmanti se inalato o usato nell’aromaterapia, questo verrà trasformato in qualcos'altro.

Qual è il modo migliore per trattenere i terpeni durante la cottura?

Quindi, il terpene è ora diverso rispetto al linalolo che era nella pianta viva, o a quello che hai inalato. L’acido del tuo stomaco può trasformare quel linalolo in molte altre forme diverse. Passa attraverso la digestione, arriva al tuo fegato e poi ognuno di questi potrebbe trasformarsi in cose diverse. La domanda è: quando ha raggiunto la circolazione sistemica ed è biodisponibile, stai assumendo abbastanza della giusta forma di linalolo perché faccia effettivamente qualcosa?

Quando si tratta di un'esperienza con gli edibili, gli effetti del fiore o del concentrato originale non rappresentano gli effetti dell’edibile, perché molti di quei terpeni vengono completamente distrutti. Anche se dovessi affrontare il problema di estrarre i terpeni, decarbossilare i cannabinoidi e rimescolarli insieme—un po' come succede con molti vaporizzatori a penna o con alcuni edibili—anche allora, quei terpeni subiranno comunque un mucchio di degradazione attraverso la digestione.

Con gli edibili, non pensare che il profilo terpenico della varietà influenzerà sul fatto che l'effetto sia stimolante o sedativo. Se c'è caffeina e zucchero o melatonina e camomilla nel cibo, queste cose avranno un impatto molto maggiore sugli effetti.

La gente dice cose del tipo: “Se mangi il mango prima di sballarti, lo sballo durerà più a lungo e sarai più fatto, perché contiene il mircene”. Beh, se si considerano i costituenti chimici della maggior parte delle varietà di mango, non c'è quasi nessuna traccia di mircene nella maggior parte di questi frutti. E solo perché è presente il mircene nel mango e nella cannabis non significa che digerire i terpeni presenti nel mango farà qualcosa. E la ricerca ha effettivamente dimostrato che il mircene e molti altri terpeni non interagiscono con i recettori dei cannabinoidi, né fanno nulla per aumentare gli effetti del THC.

Detto questo, è possibile che i terpeni abbiano effetti fisiologici attraverso la digestione? Sì. È possibile che possano ridurre l'infiammazione o aiutare con varie altre cose? Sì, è possibile, se hai la dose giusta.

Se guardi molti degli studi fatti sui terpeni per la digestione, le dosi sono davvero alte oppure vengono eseguite su topi o cellule. Non vengono eseguiti sugli esseri umani. E ciò che vale per un topo non è necessariamente valido per un essere umano.

Per fare un passo indietro da tutto questo, cosa fanno i terpeni in cucina? Lo stesso di qualsiasi altro ingrediente che hai in giro nella dispensa o nel frigorifero. Influenzano il sapore, l'aroma e la sensazione in bocca del cibo. Quindi i terpeni sono fantastici per cucinare. Sono molto divertenti perché:

  • A seconda del terpene, puoi cambiare totalmente il sapore del cibo, a volte senza nemmeno alterare l'aroma, o viceversa.
  • Oppure puoi esaltare sia il sapore che l'aroma.
  • Puoi anche influenzare la sensazione in bocca. Ad esempio, c'è questa divertente sensazione rinfrescante fornita da alcuni terpeni.

Pensa ai terpeni come faresti con lo zenzero, il pepe di Caienna, coriandolo o qualsiasi altra cosa simile. Li usi per cucinare da sempre. Se includi terpeni da diversi ingredienti naturali o isolati da varie piante, compresa la cannabis, potrai davvero cambiare l'esperienza culinaria.

Ciò non significa che i terpeni non abbiano alcun tipo di beneficio, e cerco di evitare i discorsi che girano sui medicinali, perché non sono un medico. Tuttavia, ci sono benefici medicinali per molti composti vegetali. Ma solo perché esce uno studio che mostra che il limonene o il linalolo—o l'apigenina o qualche flavonoide o altri composti vegetali—ha una funzione particolare, non significa che ne otterrai necessariamente i benefici se li ingerisci. Lo stesso vale per il fumo. Ci sono tante altre variabili legate allo studio. Quando si tratta di terpeni, non pensare a loro come guida per gli effetti: pensa a loro come guida per l'esperienza in base al modo in cui assaggi, annusi e vivi i sapori e gli aromi del cibo.

Qual è il modo migliore per trattenere i terpeni durante la cottura?

7. Facciamo miscele con latte o burro. Ci sono altri ingredienti che dovremmo utilizzare?

Sono un grande fan degli infusi con olio extra vergine di oliva, olio di avocado e olio MCT, che è l’olio di cocco frazionato. Uno dei motivi per cui preferisco queste cose è che si abbinano bene a molte delle ricette che preferisco cucinare.

Sono un grande carnivoro. Se non ve ne siete accorti, indosso una maglietta dove sono raffigurati dei tagli di bistecca. Sono un tipo che ama la carne enormemente, nemmeno carne e patate—solo carne. Ma adoro anche le salse e le guarnizioni, quindi è molto facile usare l'olio extra vergine di oliva infuso per fare un chimichurri davvero saporito, perché voglio che quel sapore corrisponda alla nostra ricetta. E poi ci sono momenti in cui è fantastico avere l’olio di avocado o olio MCT, i quali sono molto blandi. Mancano di aroma e sapore, il che è un bene per molte ricette, come l'aioli e cose del genere.

Quando si tratta di preparare gli infusi, è necessario pensare alla ricetta finale prima di preparare l'infuso di base. Non iniziare a fare il burro o a scegliere dell'olio a caso. Cosa farai con quello? E poi torna indietro da lì. Come si abbinerà quell'infuso alla ricetta finale?

8. La glicerina e l'alcol sono opzioni praticabili per l'infusione?

Quando si tratta di basi per infusione, puoi usare qualsiasi tipo di grasso o alcol. Generalmente, se hai intenzione di utilizzare alcolici, ti consiglio di procurartene uno con una gradazione alcolica tra 75 e 100%. Dipende da dove vivi e dalle tue leggi. Dove mi trovo negli Stati Uniti, posso ordinare alcol etilico alimentare con un proof di 200 (100% alcol) e farlo spedire a casa mia. Ma se vado nello Stato dopo il mio, non è più permesso. Qui negli Stati Uniti dipende dalle tue leggi. Ma in molti Stati, puoi ottenere alcol con un volume alcolico di 60–75% solo nel negozio di liquori. Maggiore è il grado alcolico, maggiore è l'efficienza di estrazione. Puoi usare questa infusione in forma concentrata ed è per la maggior parte solubile in acqua. E puoi aggiungerla alle ricette dosando secondo le tue necessità e senza intaccare il sapore del tuo piatto se lo rendi super concentrato.

La glicerina e il miele sono un po' strani. Prima di tutto, se hai intenzione di fare un infuso di glicerina o miele, dovrai iniziare con un concentrato che è stato già estratto. In questo modo, dovrai solo decarbossilarlo e poi dissolverlo nella glicerina o nel miele. Ho recentemente parlato con un laboratorio e mi hanno detto che hanno testato la glicerina usata per estrarre i fiori e non hanno trovato nessun cannabinoide in essa. E poi ho notato che con il miele, di nuovo, è come dire acqua.

Ad esempio, con la birra, ci sono molti tipi diversi ed elementi differenti, dalla Miller Lite all'Imperial Stout. Quindi, con il miele ci sono diversi tipi e modi di lavorazione, e quello che ho notato è che, a volte, sono preoccupato per l'omogeneizzazione e per la separazione dei cannabinoidi, perché non sono tecnicamente solubili in esso. Potrebbero mischiarsi al miele a causa del suo spessore e della sua consistenza, ma non è proprio di un'omogeneizzazione come quella del grasso o dell'alcol. E confrontando il grasso con l'alcol, puoi andare incontro a della separazione dei componenti se usi dell’alcol a bassa gradazione.

In fin dei conti, lavorare con i concentrati è molto meglio su tutti i fronti perché li stai dissolvendo. Non dovrai preoccuparti dell'efficienza di estrazione, la quale è veramente bassa per i fiori. Sì, ci sono altre cose che puoi usare per fare le infusioni, a seconda di dove ti trovi. Ma fai solo molta attenzione all'omogeneizzazione quando hai a che fare con qualsiasi tipo di ingrediente a base d'acqua, come la glicerina o il miele.

La glicerina e l'alcol sono opzioni praticabili per l'infusione?

9. Quali sono gli effetti collaterali negativi degli edibili alla cannabis?

È una bella domanda e sono contento che le persone parlino del fatto che questa sia una realtà. A molte persone piace comportarsi come se la cannabis fosse la cosa più bella sulla faccia del pianeta: non ha nulla di sbagliato ed è adatta per ogni singola persona. In realtà non è così.

È molto vago da dire per la cannabis in generale: in particolare, il THC non è per tutti, specialmente a dosi più elevate. Quindi, ciò che provoca qualsiasi tipo di brutta esperienza durante un periodo di consumo eccessivo (paranoia, ansia, ecc.) sarà generalmente il THC e le sue varie forme.

Quindi la cosa più importante per superare una brutta esperienza è il tempo, che purtroppo non tutti amano aspettare. Al di fuori del tempo, le distrazioni sono la cosa più grande. Chiama qualcuno che conosci e digli: “Ascolta, sono sballatissimo in questo momento e voglio parlarti di qualsiasi cosa solo per tenere la mente occupata”. È una buona cosa.

Va bene anche un mazzo di carte. Quante volte mi sono sballato troppo e ho giocato al solitario sul mio telefono. Deve solo essere qualcosa che richiede impegno. Le distrazioni fisiche sono fondamentali. Alcune persone possono guardare un film quando sono troppo sballate e questo è un altro tipo di distrazione. Non io. Se guardo un film o qualcosa che non non mi interessa, comincio ad avere una forte ansia.

In fin dei conti, le distrazioni sono fondamentali per evitare che si verifichi una brutta esperienza. Immagino che sia la cosa definitiva. Ma molte persone dicono che se sei troppo fatto dovresti prendere CBD e farà scendere lo sballo, oppure succhiare dei grani di pepe nero—ma non ha senso. Nel mondo del CBD, non riuscito a trovare una ricerca—e guardo continuamente la ricerca sul CBD attraverso Google Scholar, PubMed e i vari altri siti di pubblicazioni di riviste mediche là fuori—che dimostri che l'assunzione di CBD dopo aver consumato Il THC mitighi gli effetti. Perché, senza entrare troppo nei termini tecnici, il CBD non ha la capacità di entrare e rimuovere il THC dal recettore. Ha la capacità di mitigare alcuni degli effetti del THC, ma tutte le ricerche mostrano che affinché ciò accada, il CBD deve essere consumato prima o contemporaneamente al THC, e generalmente in rapporti più elevati. Quindi, avrai bisogno di una certa quantità di CBD per una certa quantità di THC.

Ora, l'effetto placebo è sorprendente. È probabilmente il mio farmaco preferito, il quale è la mente che prevale sulla materia. Avrai la capacità di creare la tua realtà. C'è così tanta ricerca sul placebo che è affascinante. Anche negli studi placebo contro placebo, in cui a gruppi diversi viene somministrato placebo, i gruppi parlano di effetti diversi del farmaco.

A causa di così tanta disinformazione nel settore, molte cose accadono alle persone perché credono che accadranno. Quindi, c'è da chiedersi, se sei troppo fatto e prendi del CBD, potrebbe esserti d'aiuto? Forse. Ma è il CBD stesso? Forse. Sulla base della ricerca che abbiamo finora, nulla indica il contrario. È questa la distrazione? Potrebbe essere.

Alla fine dei conti, ciò che conta è che tu ti senta meglio. Ma il modo migliore per mitigare qualsiasi tipo di ansia, brutto viaggio, paranoia o qualcosa del genere da troppo THC è: non assumere troppo THC! E se lo fai, puoi fare come Max, il mio partner. Ha questa cosa chiamata la “nota a sé”. Pensa a cosa potrebbe provocare la tua ansia in primo luogo, oppure fai una passeggiata, chiama tua madre. In ogni caso, fai qualcosa per rilassarti e renderti conto che tutto questo finirà presto. Non so quante persone si scrivano note per prima di sballarsi, ma ricordati mentalmente che stai vivendo un'overdose, uno stato di disagio con il THC come lo definisco io e di' a te stesso: “Starai bene”.

What are the bad side effects of cannabis edibles?

10. Hai una raccomandazione per una ricetta per le caramelle gommose che non utilizza la lecitina?

Non sono un tipo che ama i dolci. In realtà non ho mai fatto le caramelle gommose perché non le mangio regolarmente. Ho infuso le caramelle gommose quando era l'unica opzione, ma personalmente non mangio dolci. Quindi, come chef di cannabis, non mi occupo di confetture, caramelle e cose del genere. Ma le mie formule per l'infusione si basano ancora sull'omogeneizzazione.

Parlando con molti altri chef di cannabis, so che dosano le loro caramelle gommose preparando la miscela e poi aggiungendo un'infusione a base di alcol o un'infusione di MCT—o qualcosa del genere—in ciascuna caramella gommosa o nel lotto intero. Quindi puoi usare una base alcolica. A seconda della ricetta delle caramelle gommose, potresti essere in grado di utilizzare l'olio MCT, che dovrebbe essere piuttosto potente. Capisco perché alla gente piacciano le caramelle gommose. Voglio dire, è da quando eravamo bambini che prendevamo medicine sotto forma di caramelle gommose.

So che alcune persone usano una base di pectina, che evidentemente aiuta con la stabilità. A seconda di dove vivi, potresti anche essere in grado di ottenere del THC solubile in acqua, che sarà sicuramente in uno Stato legale, a meno che tu non abbia un amico che sappia dove trovarlo.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.