Da quanto tempo consumate erba? Se siete relativamente nuovi al mondo della cannabis, allora la vista di dispensari, ricette di prescrizione della cannabis e coltivatori legali che sfoggiano i loro raccolti sui social media è per voi probabilmente abbastanza normale.

Se fumate cannabis da 15 anni o più, questi eventi recenti sono probabilmente molto più sorprendenti e significativi. Avete visto una rivoluzione della marijuana svolgersi sotto i vostri occhi.

Siamo passati da una proibizione globale a riforme radicali in meno di un decennio. Molti Paesi possiedono ora un mercato legale della cannabis, e alcuni dispongono anche di rivenditori ricreativi e consentono ai cittadini di coltivare la propria erba a casa.

Certo, abbiamo ancora davanti a noi una lunga strada prima che tutti godano di un libero accesso alla cannabis. La prospettiva di poter consumare erba a fini ricreativi senza essere perseguiti entusiasma milioni di persone in tutto il mondo. Ma la cannabis offre molto di più che non soltanto una piacevole esperienza psicoattiva.

I 5 modi più importanti in cui l'erba legale può cambiare il mondo

Essendo forse la pianta più versatile sulla Terra, un'estesa legalizzazione della cannabis comporterebbe numerosi benefici. L'erba ha il potenziale per trasformare la medicina, aiutare a curare l'ambiente, ridurre il crimine e le dipendenze e catapultare l'economia verso nuove vette.

Naturalmente, una rivoluzione della cannabis apporterebbe molto più di questi soli benefici. Ma la lista che segue evidenzia quelli che sono forse i modi più importanti in cui la legalizzazione può aiutare il mondo e i suoi abitanti.

1. Progressi della cannabis medicinale

Gli umani hanno fatto uso di cannabis in modo olistico per millenni. I medici dell'antica Cina utilizzavano l'erba, che loro chiamavano “má”, come anche ne facevano uso quelli dell'antica India.

Non è un caso che la cannabis appaia ovunque nei documenti storici che trattano di medicina. E mentre gli antichi potrebbero aver attribuito le virtù curative della cannabis alle sue qualità magiche e spirituali, gli scienziati moderni hanno scoperto con esattezza ciò che rende questa pianta così efficace.

I pionieri del mondo della cannabis, fra cui Raphael Mechoulam (l'uomo che ha isolato il THC), hanno lavorato per decenni per mettere insieme i frammenti di un puzzle biologico. Col tempo sono riusciti a individuare una serie di recettori e molecole di segnalazione, che hanno chiamato sistema endocannabinoide (SEC).

Al principio, scoprirono che i composti fitochimici come il THC generano i propri effetti interagendo con questo sistema. Ma risultò che il SEC compie funzioni molto più importanti che non semplicemente indurre uno sballo. Questo reticolo che si estende per tutto l'organismo governa numerosi processi fisiologici essenziali.

Progressi della cannabis medicinale

Noto come il nostro regolatore universale[1], il SEC aiuta a mantenere l'organismo in uno stato di equilibrio, l'omeostasi. Questo meccanismo vitale potrebbe contribuire a spiegare perché la ricerca continui a scoprire il potenziale della cannabis in molti disturbi della salute[2].

Purtroppo, anni di proibizionismo fanno sì che ci troviamo decenni in ritardo rispetto a dove potremmo essere in termini di ricerca sul SEC. Ma in seguito a diverse “rivoluzioni dell'erba” in vari posti in tutto il mondo, un maggior numero di scienziati si trova libero di esplorare quest'area. Alcuni studiosi vedono oggi il SEC come qualcosa di più che non soltanto un target terapeutico per il trattamento di disturbi; lo considerano come un sistema che richiede cure e nutrimento.

Le persone attente alla propria salute prendono in considerazione tutti i sistemi corporei quando si tratta di fare scelte relative allo stile di vita. Corrono per mantenere sano il loro sistema cardiovascolare, prendono probiotici per tenere in forma l'apparato digerente e consumano diversi integratori per favorire un funzionamento ottimale del sistema immunitario.

In futuro, mano a mano che la legalizzazione della cannabis continua a prendere piede, vedremo probabilmente un approccio simile nei confronti del SEC. La cannabis contiene oltre 100 cannabinoidi che interagiscono con questo sistema in diversi modi, e gran parte di essi non sono psicotropi. Via via che la ricerca prosegue, e gli scienziati scoprono i benefici dei membri meno noti di questa vasta famiglia chimica, questi sono sulla buona strada per conquistare uno status simile a quello del CBD.

Ci sono articoli scientifici che hanno esplorato anche il modo in cui l'alimentazione, l'attività fisica e altri fattori possono aiutarci a nutrire il SEC[3]. Questi approcci allo stile di vita sono destinati a guadagnare popolarità man mano che la rivoluzione della marijuana prosegue la sua marcia.

2. Risorse rinnovabili e biorisanamento

Gli umani hanno utilizzato la cannabis come coltura industriale per millenni, per fabbricare prodotti come carta, cordami e cibo. Per chiarire le cose fin dall'inizio, cannabis e canapa sono la stessa specie.

Il termine “canapa” si riferisce a piante con basso contenuto di THC, impiegate principalmente per le fibre e i semi, mentre “cannabis” si riferisce comunemente a piante con livelli più elevati di THC. Tuttavia, ci sono anche molte varietà di cannabis che contengono elevati livelli di CBD e pochissimo THC.

In Europa, la maggior parte dei Paesi definiscono piante di canapa quelle che contengono meno dello 0,2% di THC. Molte nazioni del pianeta autorizzano i coltivatori a produrre canapa ma proibiscono la coltivazione della cannabis. Per esempio, il Regno Unito sta accumulando un serio ritardo quanto alle leggi sulla cannabis. Il governo autorizza gli agricoltori a coltivare canapa, ma solo per le fibre e i semi; sono obbligati a distruggere i fiori e le foglie. Cina e Russia coltivano anch'esse enormi quantità di canapa, ma vietano la cannabis.

Dovremmo comunque celebrare la diffusione dell'industria della canapa a varie nazioni. Questa versatile pianta offre una maniera di produrre forme più sostenibili di carta, cordami, carburanti ed altre importanti risorse.

Risorse rinnovabili e biorisanamento

  • Più gentile verso il pianeta

Coltivare canapa significa meno pesticidi. La pianta vanta un'impressionante resistenza nei confronti di molti insetti che tipicamente gli agricoltori irrorano di pesticidi. Queste sostanze uccidono anche insetti e impollinatori benefici, e finiscono nell'acqua e nell'ambiente circostante.

  • Semi di canapa

Molti agricoltori coltivano la canapa per i suoi semi. Questi hanno un gradevole gusto di nocciola e sono ricchi di principi nutritivi[4], fra cui:

Acidi grassi Proteine
Amminoacidi Vitamina E
Minerali come potassio, ferro e zinco
  • Biorisanamento

La canapa può addirittura aiutare a ripulire un terreno impoverito. Cattive pratiche agricole e inquinamento hanno devastato aree coltivate e regioni selvagge, ma la canapa può aiutare a risolvere questi problemi. La pianta possiede la capacità di risanare la terra eliminando i metalli pesanti come piombo, cadmio e nichel da terreni contaminati da scorie nucleari e scarichi fognari.

Prodotti rispettosi dell'ambiente

L'industria può impiegare la canapa per fabbricare 25.000 differenti prodotti. Poiché la canapa richiede meno sostanze chimiche nocive per essere coltivata, e aiuta a risanare il terreno, è preferibile ad altre piante industriali dal punto di vista dell'impatto ambientale. Fra i prodotti a base di canapa troviamo:

Vestiario Materiali da costruzione
Compositi plastici Prodotti per la cura del corpo
Carta Cordami
Biocarburante

3. Riduzione dei crimini violenti e del consumo di oppiacei

Possiamo quasi scommettere che avete sentito qualcuno pronunciare questa frase durante una fumata con gli amici: “Se tutti fumassero erba, il mondo sarebbe un posto migliore”. È probabile che avrete anche sentito qualcuno dei vostri amici fare l'osservazione che le persone ubriache sembrano azzuffarsi continuamente, mentre le persone che fumano erba hanno solo voglia di stare tranquille.

Per quanto idealizzate, queste considerazioni non sono poi tanto lontane dalla realtà. Vari indizi suggeriscono che la riforma della cannabis arrechi il beneficio di una riduzione dei crimini violenti.

Un articolo pubblicato nel Journal of Economic Behaviour & Organization esaminava il calo della criminalità che faceva seguito alla legalizzazione della cannabis ricreativa[5] nello Stato di Washington nel 2012 e in Oregon nel 2014. Nel complesso, si è scoperto che quella politica aveva condotto ad un calo significativo di stupri, crimini contro la proprietà e del consumo di alcol e droghe pesanti.

Gli autori dell'articolo ipotizzavano quattro meccanismi che producevano questi cambiamenti:

  • Il diretto effetto psicotropo della cannabis
  • Le persone sostituiscono con la cannabis altre sostanze che inducono alla violenza
  • La riassegnazione di tempo e risorse delle forze di polizia sottratti a reati legati alla cannabis
  • La riduzione del mercato nero della cannabis

Oltre che incidere sui tassi di criminalità, la legalizzazione della cannabis ha portato anche ad una riduzione di decessi correlati con overdosi da droghe pesanti. Delle ricerche attualmente in corso stanno valutando se la cannabis sia in grado di aiutare a ridurre il consumo di oppiacei[6] negli adulti che soffrono di dolore cronico.

È interessante notare che l'accesso alla cannabis legale sembra ridurre i decessi legati agli oppiacei[7]. Un articolo pubblicato nel British Medical Journal ha scoperto un calo dei tassi di mortalità legati agli oppiacei parallelamente ad un aumento del numero di dispensari di cannabis terapeutica e ricreativa.

Gli autori dell'articolo hanno scoperto che un aumento da uno a due rivenditori di cannabis in una contea portava a un calo stimato al 17% nei decessi correlati agli oppiacei.

4. Impatto economico

La cannabis è un grosso business, e vogliamo dire davvero grosso. Un rapporto di Euronews ha stabilito che gli europei hanno speso almeno 11,6 miliardi di euro in cannabis nel solo anno 2017. Finché la cannabis resta illegale, gli Stati si vedono sfuggire enormi quantità di transazioni imponibili.

Alcuni Paesi e Stati hanno invece compreso i benefici economici della cannabis e hanno agito secondo questa logica. Il Colorado costituisce un magnifico caso di studio del boom economico derivante dalla legalizzazione della cannabis. Questo Stato ha generato nel 2015 oltre 135 milioni di dollari in tasse e diritti provenienti dalla cannabis. Naturalmente, la disponibilità della cannabis legale ha portato in quello stesso anno ad un record assoluto della presenza di turisti nello Stato. La locale rivoluzione dell'erba ha anche prodotto un aumento dei posti di lavoro, dai coltivatori e gestori di dispensari al personale di sicurezza, contabili ed operai delle costruzioni.

Al di fuori del Colorado, la cannabis legale continua a beneficiare gli Stati Uniti nel loro insieme. Un rapporto del 2019 ha scoperto che l'industria della cannabis impiegava in maniera diretta 211.000 lavoratori a tempo pieno.

Impatto economico

5. Ricerca e sviluppo

Stiamo appena cominciando a sviluppare una solida comprensione della pianta di cannabis e della maniera in cui agisce nell'organismo umano. La legalizzazione ha lasciato liberi gli scienziati di studiare gli effetti fisiologici della cannabis, e i breeder di sviluppare nuovi profili di cannabinoidi e terpeni.

Una comprensione approfondita della pianta di cannabis resta uno dei maggiori vantaggi derivati dalla legalizzazione della cannabis. Ogni sviluppo nell'ambito della ricerca si ripercuote su altri aspetti del mondo cannabico a cui abbiamo accennato prima. Questi progressi stimolano un approccio più informato alla cannabis medicinale e alle applicazioni della canapa, che hanno poi come conseguenza la creazione di nuovi prodotti, nuovi posti di lavoro ed un mercato fiorente.

Qui di seguito parliamo di alcuni dei progressi compiuti nella ricerca sulla cannabis, che stanno gettando le basi per una comunità cannabica meglio informata.

  • Niente più ceppi?

La terminologia della cannabis si è trasformata drasticamente in questi ultimi decenni, e perfino nell'ultimo paio d'anni. Naturalmente, occorre un certo tempo perché le scoperte compiute dalla ricerca filtrino nel cultura popolare, ma potete aspettarvi di assistere all'emergere di questi cambiamenti molto presto.

Un esempio è la dissoluzione del binomio indica–sativa. Per molto tempo, indica e sativa sono state impiegate per classificare i ceppi secondo i loro effetti. Ma lo stimato ricercatore cannabico e neurologo dott. Ethan Russo ha qualificato il termine “ceppo” come “stupidaggine”, e sostiene che andrebbe riservato a batteri e virus.

Il termine “cultivar” descrive con più accuratezza i tipi di cannabis. Ma perfino questa parola ha i suoi limiti quando si tratta di descrivere gli effetti di una varietà. La verità è che i livelli di cannabinoidi e terpeni possono variare nell'ambito dello stesso ceppo, sulla base di fattori ambientali.

Se dei termini vaghi possono andar bene per il marketing e l'uso ricreativo, i ricercatori auspicano un nuovo sistema di classificazione della cannabis. Il termine “chemovar” (varietà chimica o “chemiotipo”), secondo quanto sostengono, potrebbe aiutare gli utilizzatori ad identificare ed acquistare il prodotto desiderato.

Se immaginiamo la cannabis vista attraverso la lente dei chemovar, i dispensari potrebbero fare completamente a meno della classificazione in ceppi. In luogo di quest'ultima, commercializzare i chemovar sulla base dei loro componenti chimici aiuterebbe sia i pazienti che i consumatori ricreativi a individuare il prodotto perfetto per le loro esigenze specifiche.

Nuovi cannabinoidi, terpeni e l'effetto entourage

  • Nuovi cannabinoidi, terpeni e l'effetto entourage

La rivoluzione della marijuana legale ci aiuterà ad attingere davvero al potenziale fitochimico della pianta di cannabis. Sappiamo che i fiori dell'erba contengono oltre 100 cannabinoidi e 200 terpeni, insieme a molti altri componenti di cui abbiamo scarsa comprensione. I ricercatori hanno appena cominciato a grattare la superficie della farmacologia cannabica.

Cannabinoidi come CBG, CBC, CBN e tanti altri si mostrano promettenti nelle ricerche preliminari. In anni recenti, abbiamo anche visto molte attenzioni concentrarsi sui terpeni. Se i cannabinoidi come THC e CBD producono il grosso degli effetti dell'erba, i ricercatori hanno scoperto che i terpeni svolgono un ruolo fondamentale negli effetti generali.

Il dott. Russo ha anche aiutato a rendere popolare l'idea dell'“effetto entourage[8]”. Questo termine descrive l'effetto sinergico fra cannabinoidi e terpeni. La cannabis legale ha creato un terreno di gioco che consente agli utilizzatori di mischiare, associare e sperimentare con questi composti per ottenere i migliori risultati.

  • Genetiche su misura

Man mano che si estende la nostra comprensione dei composti fitochimici della cannabis e della fisiologia del sistema endocannabinoide, così anche si accresce la nostra capacità di adattare i prodotti alle necessità degli utilizzatori. Per esempio, i ricercatori hanno già creato ceppi che esprimono il 100% del loro profilo di cannabinoidi in CBG, un cannabinoide non psicoattivo.

Sfruttando questi sviluppi nella riproduzione della cannabis, i ricercatori credono che i pazienti potranno utilizzare varietà di cannabis create su misura con specifici livelli di cannabinoidi, terpeni ed altri composti fitochimici benefici per i loro disturbi. Naturalmente, questo approccio pionieristico alla riproduzione si intreccerà senza dubbio con il mondo dell'erba ricreativa.

La legalizzazione della cannabis ha il potenziale per introdurre cambiamenti positivi in molti ambiti della vita. E ora che vari Paesi in tutto il mondo allentano finalmente le restrizioni sull'erba, non c'è mai stato un momento più entusiasmante a cui assistere.

External Resources:
  1. The Endocannabinoid System, Our Universal Regulator https://www.jyi.org
  2. Modulating the endocannabinoid system in human health and disease https://febs.onlinelibrary.wiley.com
  3. Care and feeding of the endocannabinoid system: a systematic review of potential clinical interventions that upregulate the endocannabinoid system - PubMed https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
  4. 6 Evidence-Based Health Benefits of Hemp Seeds https://www.healthline.com
  5. Crime and the legalization of recreational marijuana - ScienceDirect https://www.sciencedirect.com
  6. Medical Marijuana and Opioids (MEMO) Study https://bmjopen.bmj.com
  7. Association between county level cannabis dispensary counts and opioid related mortality rates in the United States https://www.bmj.com
  8. Taming THC: potential cannabis synergy and phytocannabinoid-terpenoid entourage effects https://www.ncbi.nlm.nih.gov
Liberatoria:
Questo contenuto è solo per scopi didattici. Le informazioni fornite sono state tratte da fonti esterne.

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.