Vuoi coltivare della marijuana terapeutica? Se è così, preparati a intraprendere un percorso trasformativo!

Coltivare l’erba in casa ha molti vantaggi: potrai scegliere le varietà da coltivare in base ai gusti e agli effetti che ti piacciono ed inizierai a sviluppare un pollice verde mentre ti appassioni all'orticoltura.

Non c'è nulla di più soddisfacente che raccogliere e godersi le proprie cime.

Perché dovresti coltivare la tua cannabis terapeutica?

Mentre i coltivatori ricreativi possono raggiungere il loro obiettivo (sballarsi) usando praticamente qualsiasi forma di cannabis, i consumatori terapeutici hanno spesso un elenco più dettagliato di effetti e caratteristiche ricercate.

Coltivare il tuo lotto ti permette di sperimentare e migliorare.

Controllo ed autosufficienza

Molti vivono in aree in cui la cannabis rimane illegale. Si limitano ad acquistare l’“erba di strada”, dove ogni acquisto sembra un salto nel buio. Ciò diventa particolarmente problematico per gli utenti terapeutici che necessitano di una fornitura regolare di materiale di qualità buona e costante.

La coltivazione della cannabis elimina l'intermediario. Avrai carta bianca sui sapori, gli odori e gli effetti delle tue cime. Non solo, diventerai anche autosufficiente.

Risparmiare denaro a lungo termine

Se stai cercando una fornitura regolare, coltivare la tua cannabis significa risparmiare denaro. Ricorda, salterai l'intermediario.

Qualità

La qualità della cannabis varia notevolmente a seconda della fonte. I dispensari offrono fiori adeguatamente essiccati, stagionati e ben curati. Se sei abituato alla cannabis acquistata in strada, probabilmente ti sarai imbattuto in una buona dose di cime umide, ammuffite e piene di semi. Quando si acquista da fonti poco raccomandabili, si corre anche il rischio di esporsi alla contaminazione da pesticidi.

Coltivare le tue piante biologiche ti permetterà di evitare i problemi appena menzionati e garantire una qualità di alto livello.

Adatta il tuo fiore alle tue condizioni

Anche le variabili ambientali influiscono sulla composizione chimica, il che significa che il contenuto di cannabinoidi e terpeni può variare tra diverse piante della stessa varietà genetica.

Molti consumatori di marijuana medica finiscono per scoprire la miscela di terpeni e cannabinoidi che funziona meglio per loro. La coltivazione di marijuana medica ti aiuterà ad affinare la cultivar più efficace per la tua condizione.

Un hobby come nessun altro

Trascorrere del tempo nella tua stanza di coltivazione mette in pausa le lancette e niente è meglio che passeggiare per il giardino con il sole sulla pelle ed i terpeni nell'aria.

Preparati a coprire molti ruoli durante il tuo viaggio nella coltivazione della marijuana medicinale. Interpreterai il ruolo di un fisiologo mentre inizierai a comprendere il sistema endocannabinoide e come agisce l'erba nel nostro organismo. Approfondirai anche il mondo della biologia del terreno mentre inizi a comprendere la rete alimentare del suolo ed in che modo si ottengono piante più sane prendendosi cura della vita presente nel substrato. Potresti persino scegliere di immergerti in profondità nel dominio della biochimica mentre rimani affascinato dall'effetto entourage e dalla biologia vegetale grazie alla biosintesi dei terpeni.

Coltivare marijuana terapeutica: Gli strumenti necessari

Se sei pronto a fare il grande salto, dovrai mettere le mani sull'attrezzatura giusta per rendere l'impresa possibile. Naturalmente, il tuo budget determinerà quali articoli potrai acquistare.

Indoor

Una impostazione indoor può variare da un piccolo grow box progettato per coltivare una scorta personale a grandi stanze di coltivazione che producono abbastanza erba da far sballare l'intero vicinato.

  • Grow box: Un grow box di alta qualità da 120 × 120 × 200cm ti costerà circa 100 €. Se hai bisogno di qualcosa di più piccolo, aspettati di spendere 85 € per una tenda da coltivazione da 60 × 60 × 140cm.
  • Lampade per la coltivazione: Una lampada a LED per la coltivazione a spettro completo, di buona qualità, completa di ventole di raffreddamento e ganci costa circa 110 €.
  • Semi: Le confezioni di semi variano nel prezzo a seconda della varietà e della quantità. Ad esempio, sul negozio di Royal Queen Seeds una confezione di 5 semi di Stress Killer Automatic costa 37,50 €.
  • Vasi: Ci sono un sacco di vasi tra cui scegliere. I Vasi in Tessuto Geotessile di RQS promuovono una crescita sana delle radici e un'eccellente aerazione. Ed il prezzo per il vaso da 19 litri è di soli 8 euro.
  • Kit di germinazione Easy Start: Aumenta il tuo tasso di germinazione con l’Easy Start di RQS a 6,95 € per confezione.
  • Ventilatore: Indoor, le piante hanno bisogno di una fornitura costante di aria fresca. Aspettati di pagare circa 30 € per un ventilatore di buona qualità.
  • Estrattore: È possibile acquistare un estrattore da 100mm e 30W per circa 55 € per mantenere un flusso d'aria fresca.
  • Igrometro: Questi dispositivi ti aiutano a monitorare la temperatura e l'umidità nella tua tenda da coltivazione per circa 13 €.
  • Terriccio: Un sacco da 50 litri di terriccio ti costerà circa 15 €.
  • Nutrienti organici: I nutrienti organici aiuteranno le tue piante a sfruttare appieno il loro potenziale durante la crescita, ma richiedono un'alimentazione differente nelle diverse fasi del ciclo di crescita. Prendi in considerazione l’Easy Boost (5,50 €), l’Easy Grow (13,75 €) e l’Easy Bloom (13,75 €).
  • Forbici da potatura: Le Forbici da potatura ricurve costano 10,95 € e ti aiuteranno a potare, raccogliere e pulire le tue cime.

In totale, dovrai spendere 407,40 € per l'attrezzatura appena elencata. Quindi, dovrai considerare il costo aggiuntivo di vasi extra e quanta elettricità utilizzerai per far funzionare le luci e le ventole.

Indoor

Outdoor

La coltivazione outdoor elimina la necessità di illuminazione artificiale. Puoi anche trovare serre a temperatura controllata, polytunnel lussuosi e sistemi di irrigazione automatizzati. Tuttavia, per coloro che cercano di coltivare marijuana medica outdoor per la prima volta, il semplice elenco qui di seguito dovrebbe essere sufficiente:

  • Semi: Usando ancora una volta la Stress Killer Automatic come esempio, spenderai 37,50 € per cinque semi.
  • Kit di germinazione Easy Start: Avvia al meglio i tuoi semi con questo kit da 6,95 €.
  • Vasi: I coltivatori outdoor hanno il lusso di trapiantare direttamente nel terreno. Tuttavia, i vasi offrono il vantaggio della portabilità: potrai spostare le tue piante in sicurezza durante le condizioni sfavorevoli. I vasi in tessuto mantengono il terreno di coltura ben aerato e l'opzione da 19 litri costa 8 € a vaso.
  • Terriccio: Un sacco da 50 litri di terriccio ti costerà circa 15 €.
  • Forbici da potatura: Rendi la tua vita più facile al momento del raccolto investendo 10,95 € per questo pratico strumento.
  • Nutrienti: Rendi ogni fase del ciclo di vita delle tue piante produttiva con Easy Boost (5,50 €), Easy Grow (13,75 €) e Easy Bloom (13,75 €).

In tutto, dovrai spendere 105,40 € per l'attrezzatura appena elencata. Inoltre, dovrai spendere un po' di più per i vasi aggiuntivi e strumenti come annaffiatoi e pale.

Outdoor

Scegli i tuoi semi di marijuana terapeutica

Ora è il momento di affrontare probabilmente il processo più importante dell'intera operazione: la selezione della varietà. Con migliaia di varietà tra cui scegliere, i coltivatori moderni hanno l'imbarazzo della scelta.

Fotoperiodo vs autofiorente

Cercando semi di marijuana medica nel catalogo di RQS, ti imbatterai nei termini “femminizzati” (o “a fotoperiodo”) ed “autofiorenti”. Questi termini si riferiscono semplicemente a come una pianta accede alla fase di fioritura.

Le varietà a fotoperiodo richiedono un cambiamento nel ciclo di luce per passare dalla crescita vegetativa alla fioritura. Ridurre il ciclo di luce indoor induce le piante a produrre fiori nella speranza di riprodursi.

Le autofiorenti non dipendono dal ciclo luminoso per iniziare a fiorire. Iniziano semplicemente a fiorire da sole dopo un periodo prestabilito (di 2–4 settimane), offrendo un ottimo punto di inizio per i principianti.

Le autofiorenti sono anche generalmente più piccole e presentano un ciclo di crescita molto più breve. Per questi motivi, le autofiorenti attirano solitamente l'attenzione dei coltivatori alle prime armi. Puoi coltivare con successo queste piante furtive in spazi piccoli e ristretti e raccogliere comunque una resa gratificante alla fine del processo. Tuttavia, se stai puntando alla massima resa possibile, ti consigliamo di esplorare le varietà sativa a fotoperiodo che raggiungono altezze di 3m e oltre.

Semi di marijuana terapeutica con THC

La pianta di cannabis contiene oltre 100 cannabinoidi. Il THC e CBD sono i più abbondanti nella stragrande maggioranza delle cultivar disponibili. Essendo il principale componente psicotropo della cannabis, il THC catalizza lo sballo associato all'erba. Oltre a fornire una piacevole esperienza ricreativa, alcuni consumatori di marijuana medica trovano grande sollievo quando usano varietà ad alto contenuto di THC.

Semi di cannabis terapeutica con CBD

A differenza del THC, il CBD non produce effetti psicotropi. Infatti, riduce persino gli effetti del THC. Gli studi in corso stanno esplorando il potenziale terapeutico di questo cannabinoide per una miriade di condizioni e molti coltivatori di marijuana medica apprezzano l'effetto lucido e funzionale dei fiori ad alto contenuto di CBD.

I diversi rapporti di THC:CBD

Se ti piacciono sia il THC che il CBD, puoi coltivare varietà che ti permettono di sperimentare il meglio di entrambi i mondi. Nel catalogo di Royal Queen Seeds troverai moltissime varietà che offrono quantità equivalenti, o comunque uniche, di THC e CBD, inclusa la Medical Mass.

Nuovi cannabinoidi

Per quanto riguarda il breeding della cannabis, attualmente ci troviamo sulla punta di un iceberg molto grande. A Royal Queen Seeds, abbiamo compiuto alcuni passi pionieristici per creare varietà che offrono cannabinoidi non psicotropi intriganti come il CBG e CBDV.

L'importanza dei terpeni

Oltre ai cannabinoidi, i fiori di cannabis producono anche molte altre sostanze chimiche interessanti, inclusi i terpeni. Queste molecole aromatiche sono alla base dei sapori e degli aromi unici di ogni varietà.

Tuttavia, al di là del sapore, i terpeni svolgono un ruolo molto più significativo. Influenzano direttamente l'effetto di ogni varietà. Mentre il limonene aiuta a schiarire la testa e donare una sensazione energica, il mircene contribuisce a una sensazione corporea e rilassante. Quando selezioni una varietà di marijuana medica, tieni in considerazione gli effetti dei terpeni.

Scegli i tuoi semi di marijuana terapeutica

Coltivare marijuana terapeutica: La guida

Sei arrivato fin qui. Ora che hai tutta l'attrezzatura ed una nuova conoscenza della marijuana medica, sarai pronto a darci dentro. Di seguito, scoprirai come trasformare quei semi in grandi piante che si piegano sotto il peso delle proprie cime!

Dove coltivare la marijuana medica

Ovunque tu voglia! O almeno, in concomitanza con le leggi draconiane.

Avrai molto più controllo su un ambiente di coltivazione indoor, mentre le piante coltivate all'aperto verranno esposte a condizioni meteorologiche avverse, parassiti e vicini ficcanaso. Tuttavia, far funzionare le lampade, gli umidificatori ed i ventilatori costerà sicuramente di più.

Tuttavia, non avrai bisogno di una stanza libera o di un giardino idilliaco esposto a sud per coltivare l’erba. Puoi avere inventiva e coltivare quasi ovunque, dai balconi e tetti a prati abbandonati e radure all’interno di un'area boschiva.

Alcuni suggerimenti per il tuo giardino o stanza di coltivazione di cannabis terapeutica

1. Evita i pesticidi

A Royal Queen Seeds, raccomandiamo un approccio biologico. Questo non solo aiuta a ridurre al minimo l'esposizione ai pesticidi durante l'utilizzo della cannabis, ma impedisce ai pesticidi di fuoriuscire dai nostri giardini e di danneggiare l'ecosistema.

L'olio di neem è un modo completamente naturale per difendere le tue piante di cannabis da alcuni parassiti.

Il Funghicida Propolix offre ai coltivatori un modo tutto naturale per eliminare fastidiose varietà fungine.

2. Sfrutta i microbi imitando la natura

La natura ne sa di più. Le piante non crescono isolate nei boschi, ma una grande rete di vita simbiotica assicura che tutto prosperi. Applicando funghi micorrizici e batteri benefici al tuo terreno, migliorerai l'assorbimento dei nutrienti, la resistenza ai patogeni e la salute e struttura generali del suolo.

Alcuni suggerimenti per il tuo giardino o stanza di coltivazione di cannabis terapeutica

3. Trasforma i rifiuti in oro nero

Inizialmente, dovrai acquistare del terriccio. Ma andando avanti, potrai risparmiare questo costo compostando i tuoi scarti della cucina ed i rifiuti di cartone.

La chiave per un buon compost? Mirare ad un equilibrio dei materiali. Un rapporto 1:1 di materiale marrone e verde funziona bene. Mentre il materiale marrone funge da fonte di carbonio, il materiale verde aggiunge azoto nel mucchio.

4. Un’osservazione sull'irrigazione

Molti coltivatori principianti spesso annaffiano le loro piante in modo eccessivo. Potrebbe sembrare innocuo, ma può aumentare significativamente le possibilità di marciume radicale. Per evitare l’eccesso di irrigazione, è raccomandato seguire una regola generale: attendere semplicemente che i primi 5cm di terreno si asciughino prima di annaffiare nuovamente.

Puoi anche pesare i contenitori delle tue piante per avere un'idea di quanta acqua rimanga nel terreno di coltura. Pesa la tua pianta subito dopo l'irrigazione e dopo un giorno o due. Quando la maggior parte del peso dell'acqua si sarà dissipato, potrai annaffiare nuovamente le tue piante.

Come coltivare la marijuana medica

Per innescare la germinazione, dovrai esporre i tuoi semi a condizioni umide. I semi risponderanno anche meglio alle temperature favorevoli. Mira alle condizioni seguenti per ottimizzare la germinazione dei semi:

  • Temperatura: 22–25°C
  • Umidità relativa: 70–90%

A Royal Queen Seeds, ti consigliamo di utilizzare i nostri Starter Kit di varietà Femminizzate ed Autofiorenti. Contengono tutto ciò che è necessario per germinare con successo i semi.

Come coltivare la marijuana medica

Fase vegetativa

Durante la fase vegetativa, le piante concentrano la loro energia nella produzione di grandi foglie a ventaglio, rami e steli. Una volta che le tue piantine svilupperanno alcune foglie vere, dovrai trapiantarle in un contenitore più grande.

  • Mix di terra per l’invasatura: Dovrai creare un mix di terriccio leggero adatto al tipo di piante che stai coltivando. Le varietà a fotoperiodo godono di un substrato di crescita più ricco, mentre i mix per autofiorenti dovrebbero contenere quantità maggiori di perlite, sfagno o torba, vermiculite e meno compost. In entrambi i casi, le piante in vegetazione hanno un'elevata richiesta di azoto.
  • Nutrienti: All'inizio della fase vegetativa, consigliamo di mescolare 50–100g di Easy Boost ogni 20 litri di terreno insieme ai microbi benefici sopra menzionati. Durante il resto della fase vegetativa, l’Easy Boost Nutrizione Biologica ti aiuterà a soddisfare le esigenze nutrizionali delle tue piante. Poiché le autofiorenti non richiedono tanti nutrienti, dovresti dimezzare la dose raccomandata di ciascun prodotto.
  • Illuminazione: Durante la fase vegetativa le piante crescono velocemente, quindi dovrai mantenere una distanza costante tra la parte superiore della chioma e la tua fonte di luce. Quando si tratta di tempismo, tenere le luci accese per 18 ore e spente per 6 ore in un ciclo costante aiuterà ad alimentare una crescita adeguata in questa fase.
  • Umidità: Durante la fase vegetativa, le piante prosperano con un'umidità relativa del 40–70%.
  • Temperatura: Cerca di mantenere una temperatura che si aggiri tra i 20–26°C.
Fase vegetativa

Fase di fioritura

Le cose iniziano a diventare estremamente eccitanti durante la fase di fioritura. Se stai coltivando piante autofiorenti, saranno felici di fiorire con un ciclo di luce di 18/6 fino al momento della raccolta. Se stai coltivando una varietà fotoperiodica indoor, dovrai passare ad un ciclo di luce 12/12 per avviare e mantenere la fioritura. Se coltivi outdoor, madre natura detterà alla pianta quando entrare nella fase di fioritura (intorno alla metà di luglio nell'emisfero settentrionale).

  • Cambia i nutrienti: Le piante di cannabis in fioritura necessitano di meno azoto e più fosforo e potassio. Per questo motivo, è necessario passare all’Easy Bloom durante la fase di fioritura. Ancora una volta, dovrai fornire metà dose per le piante autofiorenti.
  • Umidità: Riduci l'umidità relativa al 40–50% per minimizzare il rischio di muffe.
  • Temperatura: Cerca di mantenere una temperatura costante di 26°C.
Fase di fioritura

Risciacquo

Smetti di nutrire le tue piante di cannabis due settimane prima del raccolto. Ciò le spingerà a consumare tutti i nutrienti residui all'interno del terreno di coltura e delle loro cellule, ottenendo un gusto migliore e tiri più morbidi.

Risciacquo

Raccolta

La raccolta è tutta una questione di tempismo. Tieni d'occhio questi segnali chiave per sapere quando staccare la spina:

  • Le foglie a ventaglio inizieranno a ingiallire a causa del risciacquo.
  • Quelle piccole sfere scintillanti (tricomi) presenti nei fiori cambieranno aspetto, passando dall’essere traslucide ad opache. Usa un microscopio tascabile per tenere traccia della loro maturità.
  • Vedi quelle strutture filamentose sulle tue cime? Si chiamano pistilli. Quando si avvicina il momento della raccolta, diventeranno di un colore più scuro.

Una volta stabilito il momento giusto, dovrai raccogliere fisicamente le tue cime. Alcuni coltivatori tagliano piccole piante alla base ed appendono il tutto ad essiccare. Altri preferiscono usare le forbici da potatura per staccare ogni fiore prima dell'essiccazione e della concia. Questo può essere fatto in un colpo solo, oppure in diversi giorni per un raccolto progressivo.

Raccolta

Essiccazione e concia

Hai raccolto i tuoi fiori. Ora è necessario proteggerli dalla muffa, prolungarne la durata e esaltarne il sapore.

Essiccazione e concia

Come consumare la marijuana medica

Ora arriva la parte migliore! Potrai finalmente usare i frutti del tuo duro lavoro. Proprio come ci sono numerose varietà e molti modi diversi per coltivare l'erba, ci sono molti modi per godersela. Di seguito, potrai dare un'occhiata ad alcuni dei modi più popolari per usare la marijuana medica.

Fumo

Fumare una canna è forse il modo più emblematico di consumare la cannabis. Molti utenti considerano il processo di sbriciolare, rollare e fumare come un rituale terapeutico. Questo metodo di somministrazione offre una rapida insorgenza degli effetti, poiché i cannabinoidi e i terpeni ottengono l'accesso immediato al flusso sanguigno. Tuttavia, viene fornito con l'ovvio svantaggio degli agenti cancerogeni dannosi per la salute.

Vaporizzazione

La vaporizzazione utilizza temperature più basse rispetto al fumo. Invece di bruciare la materia vegetale, riscalda i fiori abbastanza da rilasciare sostanze fitochimiche come cannabinoidi e terpeni. La vaporizzazione offre una manifestazione rapida degli effetti, senza esposizione ad agenti cancerogeni.

Edibili (per via orale)

Puoi usare il tuo raccolto per esprimere la tua creatività in cucina. Decarbossilando le tue cime e preparando un lotto di cannaburro, potrai infondere i cannabinoidi in quasi tutti i piatti, dai brownies al sugo per la pasta. Tuttavia, tieni presente che gli edibili offrono uno sballo molto più potente. I cannabinoidi assunti per via orale passano attraverso il fegato, dove trasformano il THC nella molecola psicotropa più potente 11-idrossi-THC. Preparati per un'esperienza più duratura ed intensa.

Sublinguale

Non hai voglia di cucinare? Che ne dici di preparare degli estratti? Oli e tinture sono un modo pratico per assumere i cannabinoidi a casa e in viaggio. Inoltre, potrai usarli per sfruttare la somministrazione per via sublinguale. Questo percorso prevede il posizionamento di prodotti sotto la lingua. Qui, si diffonderanno attraverso il sottile strato di tessuto e direttamente nel flusso sanguigno, determinando una rapida insorgenza di effetti mentre bypassano il fegato.

Ricorda: Chiunque può coltivare la propria marijuana medica

Ce la puoi fare. Coltivare marijuana terapeutica non richiede abilità magiche. Ad ogni coltivazione, acquisirai nuove competenze ed informazioni. Infine, svilupperai un metodo personalizzato che ti consentirà di ottenere piante produttive ogni singola volta. Buona coltivazione!

HAI PIÙ DI 18 ANNI?

I contenuti di RoyalQueenSeeds.com sono adatti solo ad un'utenza adulta e nel rispetto delle leggi locali.

Assicurati di avere un'età consentita dalle leggi vigenti nel tuo paese.

Cliccando su ENTRA, dichiari
di avere
più di 18 anni.